Giochi PC

PDXCON Remixed: tutti gli annunci dell’evento, Victoria 3 è finalmente realtà!

Questa sera si è tenuto l’evento di apertura del PDXCON Remixed, una convention totalmente digitale colma di panel e, soprattutto, videogiochi pubblicati da Paradox Interactive, uno dei publisher più importanti a livello mondiale per quanto riguarda il panorama degli strategici. In tale evento, Paradox si è finalmente sbottonata e ha svelato non solo quelle che sono le sue novità per alcuni dei suoi giochi più rappresentativi, come Empire of Sin e Crusader Kings 3, ma ha anche deciso di mandare in totale visibilio i propri fan annunciando Victoria 3, un titolo a dir poco attesissimo da oltre dieci anni. Un evento che abbiamo avuto la fortuna di vivere in anteprima e di cui siamo ora finalmente pronti a raccontarvi le nostre impressioni.

Empire of Sin: Make It Count

Durante il PDXCON Remixed ha trovato un proprio personale spazio anche Empire of Sin: il titolo di Romero Games, particolare commistione tra uno strategico a turni e un gestionale, si appresta infatti a ricevere il proprio primo DLC a pagamento. Make It Count, questo il nome completo della neo-annunciata espansione, porterà nelle strade colme di gangster di Chicago un nuovo boss, tale Meyer Lansky, un personaggio particolarmente enigmatico e oltremodo intrigante. Lansky è infatti un mediatore, una tipologia di personaggio che, come dichiarato dallo stesso team di sviluppo di Romero Games, può ricordare da molto vicino il celeberrimo Mike di Breaking Bad. Un personaggio, insomma, in grado di risolvere ogni situazione e che eccelle in particolare nella gestione economica. In Make It Counts faranno inoltre la loro comparsa cinque nuovi gangsters dediti alla mansione di strozzini e capaci di nascondere i loro loschi traffici dietro negozi all’apparenza normali, utili invece come copertura per le loro malavitose attività.

Paradox Interactive

Nella roadmap di contenuti prevista per Empire of Sin, tuttavia, non ci sono soltanto espansioni a pagamento: in un prossimo futuro verrà rilasciato anche un corposo aggiornamento contenutistico gratuito che prende il nome di The Precent e che promette di migliorare esponenzialmente la leggibilità della mappa di gioco. Con The Precent sarà infatti introdotta (finalmente!) la possibilità di colorare le varie zone di Chicago nella mappa, cosa che dovrebbe permettere ai giocatori di gestire molto più agevolmente il proprio impero, potendo predisporre e controllare in maniera più immediata le varie linee di difesa e di rifornimento. In The Precent farà inoltre la sua comparsa anche il Depot, un edificio presente in ogni zona che farà da collegamento tra le risorse monetarie e il cuore di ogni impero: perdere tale edificio comporterà la perdita del relativo territorio controllato grazie a quest’ultimo.

Crusader Kings 3: Royal Court

Uno dei migliori strategici dello scorso anno è stato senza ombra di dubbio alcuno Crusader Kings 3, un’opera che siamo arrivati a definire nella nostra recensione come un titolo appagante, completo e complesso. Un vero e proprio successo, insomma, che Paradox si appresta nel corso dell’anno a espandere con una nuova ricca espansione che prende il nome di Royal Court.

Con Royal Court, come fa presagire il nome stesso, verrà inserita in Crusader Kings 3 una corte reale, una sorta di hub dove potremo manifestare la nostra magnificenza e potenza. Perché, si sa, la regalità è spesso una questione d’immagine e qual miglior modo di dimostrarsi potenti se non ostentando ricchezze a non finire? Oltre che essere un’aggiunta intrigante sul piano estetico, con la corte reale che sarà disponibile in quattro differenti tipologie in base alle caratteristiche del nostro regno, questo nuovo luogo introdurrà in Crusader Kings 3 anche nuove interessanti dinamiche. Nella nostra corte potremo infatti dare udienza ai nostri sudditi, risolvendo conflitti e ascoltando richieste, con le nostre decisioni che andranno a influire su diverse variabili del regno. Nel bel mezzo della corte, dove potremo ostentare reliquie e altri oggetti vinti in battaglia o da qualche altro evento, sarà inoltre possibile cimentarsi in attività mecenati e finanziare l’opera di artisti ben precisi, fra cui talentuosi artigiani, pittori o quant’altro.

Paradox Interactive

Insieme alla corte reale, in Crusader Kings 3 arriveranno nei prossimi mesi anche diverse modifiche al sistema della cultura, che ci permetteranno di plasmare le tradizioni del nostro regno: queste ultime potranno ovviamente avere degli effetti più o meno potenti, cosa che sarà utile a creare particolari commistioni tra culture, dando vita a qualche strano e inedito ibrido. Insomma, di carne al fuoco sembra essercene decisamente tanta e le nuove possibilità ludiche offerte dallo strategico di Paradox si preannunciano piuttosto interessanti.

Prison Architect: Second Chances

Durante il PDXCON Remixed siamo anche venuti a conoscenza della nuova espansione di Prison Architect, che prende il nome di Second Chances e che promette di inserire nel titolo di Paradox Interactive and Double Eleven una valangata di nuove possibilità. Come fa del resto presagire il nome stesso dell’espansione, Second Chances si focalizzerà su, appunto, le seconde occasioni che vengono offerte ai carcerati per redimersi e vedere al contempo ridotta la propria pena.

Socializzare con i civili, svolgere compiti socialmente utili e, addirittura, fare riabilitazione con gli animali: le possibilità messe in campo da Prison Architect Second Chances sono parecchie e vanno a toccare un gran numero di campi, tutti destinati a reintegrare nel miglior modo possibile i detenuti all’interno della società. Bisognerà poi ovviamente fare particolarmente attenzione all’effettiva bontà di quanto trasmesso durante queste attività, visto che ogni detenuto che verrà preso con le mani in pasta dopo essere tornato anzitempo in libertà ci costerà una sostanziosa penalità monetaria.

Paradox Interactive

Quanto visto durante il PDXCON Remixed non ha totalmente tolto i veli alle potenzialità di Second Chances, ma sembra proprio che Double Eleven sia riuscita a toccare le giuste corde nel trattare un argomento delicato come quello della riabilitazione carceraria e al contempo non tradire lo stile del gioco. Prison Architect Second Chances arriverà il prossimo 16 giugno su PC, Xbox One e PS4, oltre che ovviamente anche su Xbox Series e PS5 grazie alla retrocompatibilità, e su Nintendo Switch qualche settimana dopo, per l’esattezza il prossimo 29 giugno.

Victoria 3

Come ultimo annuncio del PDXCON Remixed, dopo una lunga carrellata di DLC e aggiornamenti vari, Paradox Interactive ha deciso di sganciare la bomba, svelando al grande pubblico Victoria 3. Un titolo attesissimo dagli amanti degli strategici duri e puri da oltre 10 anni, visto che il secondo capitolo usci sul mercato nell’ormai lontano 2010. Purtroppo Paradox non ha voluto svelarci né un periodo né tantomeno una data d’uscita, ma la lunga demo hands-off di cui siamo stati testimoni ci ha lasciato delle ottime impressioni.

Il primo punto che bisogna tenere in mente quanto si parla di Victoria 3 è che si tratta di uno strategico atipico, visto che, come definito dal game director stesso, nel gioco è assolutamente sconsigliato imbarcarsi in battaglie o cercare di conquistare l’intera mappa di gioco come in una partita di Risiko. Victoria 3 è infatti uno strategico incentrato principalmente su economia e politica, e ci permette di sviscerare e controllare ogni più piccola informazione nel minimo dettaglio tramite la sua interfaccia, complessa e ricca di statistiche e cose di cui tenere conto. In uno dei tanti menu di gioco potremo ad esempio trovare una lunga carrellata di informazioni sulla popolazione, come il suo grado di benessere, di cultura o di lealtà al regno, mentre in un altro ci sarà possibile analizzare i vari gruppi politici presenti nella nostra nazione, per comprenderne desideri e sentimenti. Ogni singola decisione che saremo poi chiamati a prendere darà vita a un complesso e articolato gioco dei trade-off, dove sarà necessario sapersi destreggiare come degli equilibristi per riuscire a tenere unito il regno. Accontentare tutti, allo stesso modo, è impossibile, e questo è uno dei tratti distintivi più importanti del sistema di gioco.

Tali difficili decisioni si ripresenteranno in una diversa ma simile veste anche nei differenti alberi tecnologici che potremo esplorare: quello produttivo, quello militare e, infine, quello più sociale. Anche in questo caso sarà quanto mai necessario ponderare ogni singolo passo e decisione con grandissima attenzione. Ugualmente, nelle relazioni con gli altri regni le operazioni non saranno per nulla semplicistiche o basilari: molte volte, infatti, dovremo ricorrere a una negoziazione, che a dir la verità assume spesso e volentieri la forma di un tira e molla basato sui rapporti di forza, per scongiurare attriti o per prendere possesso di porzioni dalle nazioni confinanti. Promesse, richieste, alleanze con terze parti: in Victoria 3 tutto è permesso e tutto ha un suo peso.

Paradox Interactive

Per sfortuna dei fan, Paradox ha deciso di non svelare molto altro durante il PDXCON Remixed, mantenendo una linea piuttosto sibillina e mostrando Victoria 3 in versione poco più che embrionale. Anche con poche informazioni a disposizione, però, la forte anima gestionale e strategica del titolo è comunque riuscita ad emergere e a mostrarsi con decisione. Sarà forse un po’ presto per dirlo ma Victoria 3 sembra avere decisamente tutte le carte in regola per tenere alto l’onore della serie e regalare agli appassionati del genere un’esperienza indimenticabile. Perché a volte a ferire è più la penna che la spada.

Potete ingannare l’attesa di Victoria 3 e di tutti gli altri annunci del PDXCON Remixed recuperando fin da ora Crusader Kings 3 a un ottimo prezzo su Instant Gaming.