PlayStation

Project EVE | Anteprima su PS5

Nel corso del PlayStation Showcase, Project Eve il promettente action RPG semi-open world sviluppato dal team coreano Shift Up è tornato a mostrarsi in un nuovo video gameplay su PS5. Il titolo annunciato nel 2019 e mostrato in movimento lo scorso gennaio, in occasione dell’evento Sony è apparso notevolmente migliorato e ci ha permesso di dare un’occhiata a quello che sembra un sistema di gioco davvero profondo. Scopriamolo nei dettagli.

Project EVE

Project EVE, si mostra in tutto il suo splendore

La trasformazione di questo titolo e la sua ispirazione è chiaramente sotto gli occhi di tutti. Nel corso del gameplay mostrato in occasione del PlayStation Showcase, Project EVE appare spettacolare e sempre più vicino a capolavori come NieR: Automata e un character design della protagonista che a tratti ricorda molto quello di Bayonetta. Inoltre, gli effetti luce e la velocità di questa nuova produzione attingono dal medesimo filone. Un’ottima ispirazione quella del team Shift Up.

Il team di sviluppo coreano, fondato nel 2013 da Hyung-Tae Kim, già autore del character design della serie Magna Carta, di Blade & Soul e The War of Genesis 3, sta proseguendo i lavori di sviluppo per ottimizzare il titolo per la nuova generazione, nonostante Project Eve fosse stato previsto inizialmente per PC, PS4 e Xbox One. Intanto, dopo questa sua ultima apparizione, Project EVE presenta un comparto tecnico che avrebbe ampio respiro nella nuova generazione di console Microsoft e Sony, anche se è anche possibile ipotizzare una qualche forma di esclusiva per PS5. In merito attendiamo maggiori precisazioni da parte del team.

Eve appare decisamente più in forma rispetto al primo reveal
Project EVE

La storia di Project EVE è ambientata in un futuro post-apocalittico in cui la Terra è stata attaccata e dominata da esseri noti come “NA-tivi”, costringendo alla fuga la razza umana. Dopo settant’anni dalla sconfitta del genere umano, la nostra protagonista Eve e altri membri di un gruppo di resistenza umana, tornano sulla Terra con l’obiettivo di riconquistarla e distruggere gli invasori alieni.

Il nuovo gameplay mette in evidenza una caratterizzazione del personaggio meno oscura, più colorata e “brillante”, in modo da favorire la resa della tuta indossata da Eve e, ovviamente, mettere in risalto le sue forme, proprio come accade con la protagonista della serie di Platinum Games.

Project EVE

Un mix ispirato da grandi capolavori

Gli scenari mostrati alternano bellezze naturali e paesaggi devastati dagli invasori alieni ottimamente resi dall’inossidabile Unreal Engine 4, ma tutta l’attenzione è rivolta al combat system, dichiaratamente ispirato a God of War, Bayonetta e NieR: Automata. Infatti, proprio da quest’ultimo Eve trae movenze, rapidità e l’uso promiscuo delle armi, mentre pur condividendo anche la presenza di un POD, non è ancora chiara la sua funzionalità, e non avendolo visto in azione nei combattimenti è presumibile che questo offra una sorta di supporto logistico.

Invece, dall’apprezzato e ultimo God of War (a proposito, correte a vedere il nuovo gameplay di God of War: Ragnarok), il sembra attingere attraverso le Boss Fight tra loro diversificate, la stazza dei mostri e l’utilizzo delle armi per metterli al tappeto. La nostra Eve padroneggia una spada da far invidia al mitico Squall Leonhart, in grado di sferrare letali fendenti, potenti scariche elettriche e perfino in grado di parare colpi nemici e proiettili.

La velocità di esecuzione delle mosse, le combo, le schivate e le acrobazie, riportano invece allo stile visto in Bayonetta, così come il Bullet Time che incrementa gli attacchi e gli spettacolari Quick Time Event nel corso delle Boss Fight.

Project EVE

Nel video del gameplay risaltano le tre barre presenti in alto a sinistra dello schermo: la prima riporta la barra vitale di Eve con la tradizionale formula degli HP, la seconda che sfrutta il potere (Burst Gauge) delle scariche elettriche della lama di Eve, che si incrementa grazie ai colpi portati a segno con le combo; mentre la terza è un indicatore di difesa che si ricarica dopo ogni colpo andato a segno, ma si svuota ogni volta che saremo colpiti, con colpi sempre più fatali quando questa è ridotta al minimo.

I nemici sembra che seguiranno dedicati particolari schemi d’attacco, in modo che dovremo studiarne il tempismo e apprendere la migliore offensiva. Inoltre, per quanto riguarda PS5, è stato confermato un approccio dedicato per il feedback tattile del DualSense, in modo da poter amplificare al massimo l’esperienza di gioco, come ad esempio la restituzione della vibrazione quando la lama trafigge il nemico.

Man mano che il gioco procede, Eve acquisisce abilità e oggetti, diventando sempre più forte. Inoltre, è stata confermata la possibilità di cambiare i costumi di Eve anche durante il gioco.

Al momento non è stata annunciata una data ufficiale di uscita, ma restate su queste pagine per seguire tutti gli aggiornamenti sui titoli mostrati al PlayStation Showcase.

NieR: Automata potete recuperarlo nella versione GOTY si trova a un prezzo speciale su Amazon.