PlayStation

PS5: l’SSD non sarà sfruttato da moltissimi sviluppatori

Uno dei punti di forza della nuova generazione di console ampiamente pubblicizzato è l’SSD. È sopratutto Sony, con la sua PS5, a puntare molto sul nuovo sistema di archiviazione “super-veloce” (si parla di “100 volte più veloce di PS4). La curiosità è molta e sulla carta quanto proposto dalla società giapponese pare poter concedere molteplici vantaggi rispetto all’SSD della diretta concorrente, Xbox Series X. Non tutti però pensano che la differenza abbia un valore.

Thomas Mahler, fondatore e direttore creativo di Moon Studios (sviluppatore di Ori and the Blind Forest), ha commentato la questione. Lo sviluppatore ha affermato che non è sensato per i team di terze parti ottimizzare i propri titoli attorno all’SSD di PS5. Secondo lui, i team svilupperanno i giochi sul minimo comune denominatore, ovvero Xbox Series X e i PC.

Xbox Series X vs PlayStation 5

L’SSD super-veloce di PS5 è ottimo per i giochi first party, ma non avrebbe alcun senso a livello economico ottimizzare il proprio gioco per adeguarsi a una piattaforma in particolare. Su PC e Xbox devi lavorare con quel che hai, quindi è due piattaforme contro una sola.” Queste le parole di Mahler.

Non si tratta della prima persona ad arrivare a una conclusione del genere. Ad aprile di quest’anno lo sviluppatore di Quantum League Balthazar Auger ha affermato che la maggiore potenza di Xbox Series Xsarà rilevante solo nel caso delle esclusive Xbox, che saranno programmate per sfruttare fino all’ultima goccia la console. La potenza potrebbe permettere anche di garantire un ciclo generazionale più lungo. In ogni caso, tutti gli sviluppatori al lavoro su giochi multipiattaforma sono legati all’hardware meno potente quindi l’unico vantaggio che riesco a immaginare sarà un frame rate più stabile e risoluzioni più alte per Xbox Series X.

L’idea di molti è quindi che le differenze non avranno a conti fatti un grande impatto nella maggior parte dei giochi. L’SSD di PS5 sarà rilevante solo nelle esclusive first party, almeno secondo Thomas Mahler. Voi cosa ne pensate?

PS5 e Xbox Series X promettono grandi cose, ma per ora possiamo divertirci con PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch.