Xbox

Xbox Series X, ecco cosa ci aspettiamo dall’evento del 7 maggio

Stiamo per entrare nel vivo della next gen e oseremo dire, finalmente. Il 7 maggio vedremo il gameplay dei primi giochi di nuova generazione girare sull’hardware di Xbox Series X, la nuova console di casa Microsoft. È chiaro che l’annuncio dell’evento – che copriremo su Twitch con il nostro canale giovedì alle a partire dalle 16:00 – ha generato un cauto hype, in particolar modo per la la voglia di vedere la nuova macchina in azione.

Anche noi siamo molto incuriositi e non neghiamo che l’idea di vedere finalmente del giocato ci ha reso decisamente euforici, ma bisogna comunque rimane con i piedi per terra e capire come sarà, effettivamente, questo evento e quali giochi andrà a coprire.

Solo terze parti

Innanzitutto è corretto sottolineare che l’evento sarà un antipasto. Non vedremo esclusive, ma solo gameplay di giochi terze parti  – e non è nemmeno detto che ne vedremo tanti. Prepariamoci a quello che potrebbe essere uno show di circa trenta minuti dove avremo la possibilità di vedere alcuni accenni del nuovo Assassin’s Creed Valhalla e della versione next gen di Cyberpunk 2077 che avrà già, per conto suo, un evento l’11 giugno interamente dedicato. Vedremo Elden Ring? Per quanto ci speriamo, non è detto che ci sarà effettivamente a questo evento, di conseguenza meglio non farsi grosse illusioni, ma speriamo realmente che il nuovo gioco di From Software sveli finalmente le sue carte al più presto.

Ma sognare non costa nulla, giusto? Ed ecco che in un certo continuiamo a sperare nel nuovo Batman o in quel vociferato gioco di Harry Potter open world tanto chiacchierato qualche mese fa. Sicuramente, come confermato da Microsoft stessa, vedremo tutti una serie di giochi arrivare in smart delivery su Series X e, quindi, gratuitamente per chi acquisterà la versione Xbox One. Possibile la presenza di diversi brand giapponesi. Phil Spencer è stato in Giappone “recentemente” e oltre ad aver concluso, probabilmente, uno o più accordi di esclusività di qualche gioco, è abbastanza certo che abbia smosso mari e monti per portare altri prodotti nipponici sulla console americana. Non è da escludere un primo trailer di Final Fantasy VII Remake per Series X – l’esclusività PlayStation scadrà ad aprile dell’anno prossimo – oppure l’arrivo di Yakuza 7, Persona 5 o Dragon Quest. Insomma, lato terze parti ci potrebbero essere delle sorprese, anche di giochi mai annunciati prima.

Rimane il dubbio sulla qualità del video in diretta. È logico pensare – ma non è detto che sarà così – che la maggior parte dei giochi che vedremo saranno cross gen, di conseguenza captare delle reali differenze sarà abbastanza difficile a prima vista, a meno che non ci vengano mostrate le prime potenzialità in ray tracing, in quel caso il tutto potrebbe essere diverso. Da capire anche la compressione video dello streaming che vedremo. Detto questo, forse sarà meglio prendere l’evento come la possibilità di vedere in azione i nuovi giochi terze parti, piuttosto che concentrarsi a come girano su Series X. In breve, forse sarà meglio aspettare un video in alta risoluzione su Youtube o magari gameplay “direct” rilasciati direttamente dai team di sviluppo, così da poter dare solo successivamente un giudizio più chiaro su quello che vedremo.

La vera curiosità ruoterà intorno alle dichiarazioni degli sviluppatori. Ubisoft ha già confermato che Valhalla vanterà i 4K nativi sulla nuova Xbox, ma girerà anche a 60 FPS? Avrà il ray tracing? E soprattutto i dettagli grafici a che livello saranno? Noi ci auguriamo che queste informazioni vengano spiegate in maniera approfondita durante l’evento, magari fornendoci qualche dettaglio in più sull’SSD, VRS e quant’altro.

Un’estate bollente

Quello di giovedì sarà un evento preliminare, un antipasto che farà spazio a una serie di eventi aggiuntivi di Xbox durante l’estate, agglomerati in un formato chiamato Xbox 20/20. Non avremo più quindi l’E3 – e in parte la Gamescom – ma un vero e proprio palinsesto, suddiviso tra giochi terze parti, esclusive, Xbox Game Pass e Project xCloud. Proprio durante il 7 maggio, Microsoft dovrebbe fornire maggiori informazioni sui prossimi eventi, perché per quanto i giochi terze parti siano fondamentali, l’attenzione prevale sicuramente sulle “esclusive” e sui giochi in arrivo su Xbox, anche per capire l’attuale situazione interna e i progetti in arrivo di Xbox Game Studios formati da The Initiative, 343, PlayGround Games, Undead Labs, Compulsion Games, Ninja Theory, Obsidian, inXile, Double Fine, Turn 10, World’s Edge, Mojang e The Coalition.

Microsoft ha confermato l’evento per i giochi esclusivi a luglio, distanziandosi dal classico giugno dell’E3 – che vedrà comunque qualche tipo di annuncio, magari Series S – mese in cui la concorrenza dovrebbe finalmente togliere i veli sulla propria PlayStation 5. Questo potrebbe essere considerato un modo per avvantaggiarsi a livello strategico, sia a livello di “comunicazione” sia di prezzo sulla console rivale stessa. Ovviamente ci sono anche delle motivazioni dettate dal periodo che stiamo vivendo. È logico pensare che molti team siano arrivati in ritardo con la programmazione di gameplay, trailer equant’altro da portare agli eventi. Considerando che attualmente  i team sono in smart working, non è nemmeno da escludere che gli stessi giochi previsti possano venire addirittura rimandati, soprattutto Halo Infinite, esclusiva attesissima per tutti gli appassionati di Xbox, nonché un vero e proprio carro trainante delle vendite console.