e-Gov

Amazon Campus Challenge, fino a 10mila euro per chi sviluppa progetti di business per le PMI

Amazon ha annunciato il lancio della prima edizione italiana di Campus Challenge, una competizione progettata per integrare il percorso di studi degli studenti universitari che frequentano l’anno accademico 2019-2020. Amazon Campus Challenge offre agli studenti la possibilità di dare sfogo alla propria creatività e propensione allo sviluppo del business, elaborando un progetto specifico per il posizionamento di vere piccole e medie imprese e dei relativi prodotti su uno store e-commerce, nonché di ottenere, in squadra, riconoscimenti fino a 10.000 euro. Per le PMI italiane è un’opportunità sia per essere supportate da studenti della “next generation” sia per far crescere la propria attività su Amazon, raggiungendo i clienti di Amazon.it, Amazon.fr, Amazon.es, Amazon.de e Amazon.co.uk.

Decine di università in tutta Italia hanno già dimostrato interesse per questa competizione ed a sostenere i loro studenti, tra cui Bocconi a Milano, Luiss a Roma, LUM Jean Monnet a Bari, Università degli Studi di Bari e Università di Udine. Sono quasi 100 team i team che si sono già iscritti alla competizione.

Amazon Campus Challenge è già aperto per le registrazioni a questo indirizzo ed è attivo anche in altri due Paesi, Francia e Regno Unito. Questa competizione a squadre è divisa in 4 fasi, fino a giugno 2020, che prevedono l’iscrizione dei team, la ricerca della PMI e l’implementazione di un piano aziendale, l’inizio delle vendite online e la presentazione finale.

Una volta registrati, i partecipanti formeranno team da 2 a 5 studenti della stessa o diverse università e incominceranno immediatamente ad identificare le PMI da coinvolgere, aziende che non hanno ancora creato un account su Amazon. Dopo aver concordato la partecipazione con le PMI interessate, i team definiranno e implementeranno una strategia di e-commerce per lanciare un negozio su Amazon. Da gennaio a maggio 2020, ogni team supporterà la propria PMI nelle attività commerciali e, a giugno 2020, solo 5 team selezionati presenteranno ciascuno la propria esperienza e strategia di vendita a una giuria di top manager di Amazon in Italia presso la sede di Milano. Le regole di Amazon Campus Challenge sono disponibili qui.

La squadra vincitrice riceverà un riconoscimento di 10.000 euro e le altre quattro squadre riceveranno rispettivamente un riconoscimento di 7.000 euro per il secondo posto, 5.000 per il terzo posto e 3.000 euro ciascuna per il quarto e il quinto posto. Tutti i riconoscimenti saranno condivisi tra i membri del team.

Inoltre, gli studenti che partecipano all’Amazon Campus Challenge riceveranno uno sconto speciale di 5 euro per un acquisto su Amazon.it dopo essersi registrati su Amazon Prime Student. Il nuovo programma Prime Student consente agli studenti universitari di usufruire di una prova gratuita di 90 giorni e di utilizzare tutti i benefici di Amazon Prime, tra cui la consegna rapida e gratuita, Prime Video, Prime Music, Amazon Photos, Prime Reading e Twitch Prime. Inoltre, il programma mette a disposizione degli studenti offerte esclusive su un’incredibile selezione di prodotti. Gli studenti potranno usufruire dei vantaggi di Prime Student al costo di 18 euro all’anno fino alla laurea, per un massimo di 4 anni.

“Amazon Campus Challenge è un ottimo esercizio per gli studenti di praticare davvero ciò che hanno imparato a livello accademico e di offrire molto a una piccola-media impresa come, ad esempio, nuove prospettive imprenditoriali ed idee innovative. Gli studenti impareranno come avviare una vera attività su Amazon e come mettere in vendita i prodotti di queste PMI ai nostri clienti” ha commentato Mariangela Marseglia, Country Manager di Amazon in Italia e Spagna. “Questa è anche una buona opportunità per le piccole e medie imprese italiane per provare la vendita online come ulteriore canale di business e di dedicarsi all’e-commerce comprendendo in pratica sia le opportunità che offre in termini commerciali sia l’importanza di investire in queste competenze”.