Criptovalute

Bitcoin, il candidato presidente del Paraguay la adotterà come valuta ufficiale se vince

Ieri, il deputato paraguaiano Carlitos Rejala ha condiviso su Twitter i suoi piani per correre per la presidenza nel 2023 e stabilire bitcoin come valuta ufficiale per il suo Paese se vince. Rejala è anche co-autore di una proposta di legge con il senatore Silva Facetti a luglio, che ha cercato di regolamentare Bitcoin in Paraguay, anche se quel disegno di legge ha classificato BTC come proprietà anziché a corso legale.

Il membro progressista della Camera dei deputati del Paraguay ha dichiarato a Bitcoin Magazine a luglio che l’obiettivo dell’adozione di Bitcoin è quello di “accogliere l’innovazione delle criptovalute in Paraguay”. Tuttavia, il disegno di legge proposto ha cercato di garantire uno stretto controllo sul mining di bitcoin al governo paraguaiano e tentare di offrire protezione agli investitori dalle imprese bitcoin sotto forma di intensa regolamentazione.

Da quando El Salvador ha promulgato la sua legge Bitcoin il 7 settembre, sono emerse molte voci secondo cui altri Paesi potrebbero seguirne l’esempio nei prossimi mesi. L’Ucraina ha recentemente compiuto passi in quella direzione legalizzando Bitcoin, anche se la nuova legislazione non ha reso la valuta a corso legale nel Paese. Il Paraguay è ora l’ultimo della lista e le sue caratteristiche naturali lo rendono una casa perfetta per l’industria mineraria bitcoin.

Credit: Pixabay

La nazione di Rejala impiega quasi il 100% di fonti di energia rinnovabile da dighe idroelettriche, la più iconica delle quali, Itaipu, è la seconda più grande al mondo e produce circa 14 gigawatt (GW) di potenza. Tanta energia verde potrebbe certamente essere sfruttata dai minatori di bitcoin, ma a condizione che rispettino le regole del Paraguay. Rejala e Facetti hanno dichiarato nel loro disegno di legge che chi desiderano aprire un negozio nel Paese dovrebbe richiedere e ricevere una licenza di mining bitcoin concessa dal Ministero dell’Industria e del Commercio (MIC).

Il membro del Congresso sembra essere un sostenitore di bitcoin; tuttavia, l’intenso esame proposto dal suo disegno di legge pone alcune domande sul fatto che il suo paese sarebbe in grado di abbracciare pienamente Bitcoin.