Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Faccia da criminale? L’AI cinese in stile Minority Report

Alcuni tratti distintivi del volto forse possono davvero permettere di distinguere un criminale da una persona comune. Una ricerca svolta in Cina suggerisce che un'intelligenza artificiale potrebbe distinguerli e isolare potenziali sospetti.

Sta a vedere che aveva ragione Cesare Lombroso e che davvero i criminali si possono riconoscere da certi tratti fisici. È quanto suggerisce una ricerca cinese condotta da Xiaolin Wu e Xi Zhang (Università Jiao Tongdi Shangai) incentrata sull'intelligenza artificiale. Hanno sottoposto al computer volti di criminali e cittadini onesti, scoprendo che poi era in grado di distinguere gli uno dagli altri autonomamente.

china minority report JPG

Torniamo quindi a parlare di riconoscimento facciale computerizzato e caratteristiche associate ai tratti del visto, un argomento di cui si è occupato anche Mel McCurrie al MIT. Questo nuovo studio è simile, con qualche differenza rilevante.

Wu e Xiang hanno istruito la AI mostrandole circa 1600 fotografie di uomini, metà criminali e metà incensurati. Successivamente le hanno proposto altre 200 (circa) immagini chiedendole di riconoscere i criminali, compito che è riuscita a portare a termine con successo nel 90% dei casi.

Leggi anche Riconoscimento facciale ovunque per battere il terrorismo?

Un risultato sorprendente che suggerisce come in effetti esistano tratti fisici che permettano di individuare un criminale solo guardandolo. Sono gli stessi ricercatori a dire che l'esperienza "stabilisce empiricamente la validità dell'inferenza automatica indotta dal visto sulla criminalità, nonostante le storiche controversie". Se esiste la "faccia da delinquente", tuttavia, è chiaro anche che per riconoscerla sia necessaria una moderna intelligenza artificiale.

morrbyte
Immagine: morrbyte/Depositphotos

Questo tipo di visione analitica, infatti, non è propria dell'essere umano, e gli stessi autori non esitano nel definire la fisiognomica lombrosiana pseudoscienza. Sembra che aggiungere la visione computerizzata, tuttavia, possa cambiare qualcosa; soprattutto perché la macchina isola certi elementi del visto e li valuta secondo parametri matematici, eliminando del tutto la soggettività del giudizio umano.

Leggi anche La startup russa che rivoluziona il riconoscimento facciale

È un'ipotesi che ha sempre fatto discutere che ora guadagna un nuovo e inatteso sostegno matematico. Non ci sono ancora certezze assolute, e di sicuro sarà necessario ampliare lo studio con un maggior numero di variabile. Ma non è da escludere che le autorità cinesi decidano di aggiungere questo tipo di analisi alle immagini catturate dalle videocamere di sorveglianza disseminate nel Paese.

Leggi anche Il riconoscimento facciale è pericoloso, ecco le prove

È un'ipotesi tutt'altro che remota, visto che proprio la Cina è uno di quei paesi che stanno sperimentando con più entusiasmo le tecnologie predittive applicate al crimine, alla Minority Report. Questo paese è già dotato, tra l'altro, di un grande database dei propri cittadini comprensivo di fotografie. Non ci sarebbe nemmeno bisogno di cercare nuove immagini, in molti casi.

C Lombroso
La rivincita di Cesare Lombroso (immagine: Wikimedia)

È almeno curioso, infine, che la notizia arrivi in Occidente proprio nei giorni in cui esce Snowden, il film di Oliver Stone che tra le altre cose ci ricorda come anche i governi occidentali abbiano l'abitudine di spiare i propri cittadini.

Minority report Minority report
  

I Figli degli Uomini I Figli degli Uomini
  

The Zero Theorem The Zero Theorem