Tom's Hardware Italia
Streaming e Web Service

G-Suite, Gmail guadagna un’IA per correggere automaticamente gli errori

La versione di Gmail compresa nella suite di produttività a pagamento G-Suite, guadagnerà presto una nuova funzione che, grazie a IA e deep learning, correggerà automaticamente gli errori di battitura, sia di ortografia che di grammatica.

Presto gli utenti G-Suite, la suite di produttività ad abbonamento di Google, avranno un nuovo alleato in Gmail, che eviterà loro di inviare email imbarazzanti a causa della presenza di errori di battitura. Grazie all’implementazione di un’IA basata sul deep learning, ora scrivere un’email corretta sarà più semplice. Con la nuova correzione automatica sotto gli errori di ortografia apparirà una linea rossa, mentre una linea blu identificherà quelli che Gmail riterrà errori grammaticali. ‎

L’identificazione degli errori avverrà in tempo reale durante al digitazione e l’IA provvederà a correggere automaticamente quelli più comuni dovuti alla digitazione, riguardo ad esempio alla mancanza delle doppie. Il sistema inoltre identificherà altri errori ortografici meno comuni o dei quali non può essere sicura e anche gli errori grammaticali, segnalandoli.

Cliccando su queste parole si riceverà poi il suggerimento di correzione, che sarà eventualmente applicato semplicemente selezionandolo. Le parole corrette inoltre resteranno evidenziate per un breve lasso di tempo, dando così modo all’utente di annullare la modifica se lo riterrà opportuno.

Le nuove opzioni rappresentano un netto miglioramento rispetto alle funzioni di correzione già presenti attualmente, che richiedono l’attivazione manuale. Le nuove opzioni inoltre benché tutte attive di default possono essere disabilitate individualmente dalle impostazioni, per cui sarà possibile ad esempio disabilitare le correzioni automatiche mantenendo al contempo i suggerimenti.

Le nuove funzionalità arriveranno in G Suite a partire dalle prossime settimane. Per tutti gli utenti parte del circuito rapid Release infatti il roll out è già iniziato lo scorso 20 agosto, mentre per gli utenti Scheduled Release, la distribuzione avrà inizio a partire dal prossimo 12 settembre.