Spazio e Scienze

La NASA pensa ai robot morbidi per fare i lavori sporchi sulla Luna e su Marte

I lavori sporchi sulla Luna e su Marte potrebbero essere delegati ai robot. Non bracci e ingranaggi metallici o macchine da lavoro tradizionali, ma da robot “mollicci” che sembrano fatti di gelatina. Ci stanno lavorando Chuck Sullivan e Jack Fitzpatrick del laboratorio makerspace di Langley, dove per conto della NASA stanno sviluppando una serie di attuatori per robot morbidi. “Quello che stiamo studiando è la fattibilità dell’impiego della robotica morbida nell’esplorazione spaziale” spiega Sullivan.

Si parla di robot costruiti con materiali altamente flessibili, soprattutto che sono in grado di muoversi in modo simile agli organismi viventi. Questo permette loro di svolgere movimenti che i robot tradizionali non possono fare. Muovendosi con l’aiuto di attuatori, potrebbero rendersi utili in applicazioni spaziali, espandendo il ruolo dei robot nell’esplorazione e nell’assemblaggio.

I due ricercatori sono alla fase iniziale del lavoro, stanno studiando una serie di proprietà per capire come potrebbero costruire gli attuatori. Attualmente il lavoro consiste nella stampa in 3D di uno stampo in cui versare una sostanza flessibile come ad esempio il silicone. L’attuatore ha una o più camere d’aria che si espandono e si comprimono in base alla quantità d’aria in esse convogliata. Il controllo dei robot, insomma, passa per una serie di tubi e camere d’aria, che controllano i movimenti facendone flettere e rilassare le parti, come muscoli di una mano.

La robotica morbida è un concetto relativamente nuovo, l’idea di verificarne le potenzialità in ambito spaziale è stata dell’ingegnere informatico e principal investigator James Neillan, insieme a Matt Mahlin. Sullivan lavora a progetti spaziali dal 2015, Fitzpatrick è al suo terzo tirocinio a Langley, e non aveva mai sentito parlare di robotica morbida prima di questa opportunità.

Sullivan e Fitzpatrick azionano un attuatore. Crediti: NASA / David C. Bowman

Dopo aver creato gli attuatori, Sullivan e Fitzpatrick dovranno capire se e come questa tecnologia possa essere utilizzata nello Spazio sia per l’assemblaggio sia per l’esplorazione. In che cosa potrebbero realmente servire i robot morbidi? “In situazioni pericolose, sporche o noiose” spiega Fitzpatrick, per aiutare a mantenere gli astronauti sicuri e produttivi durante le missioni.

Da notare che l’interesse della NASA per la robotica morbida è parte di una tendenza più ampia. All’inizio del 2018 il MIT introdusse un pesce robot morbido, diversi scienziati stanno lavorando a un metallo liquido estensibile, mentre il laboratorio di ricerca dell’esercito americano sta studiando robot flessibili ispirati agli invertebrati, senza contare il progetto della Brigham University su robot gonfiabili finanziato sempre dalla NASA, che mira a realizzare bracci robotizzati o assistenti robotici per i futuri viaggi spaziali.

Se Marte vi attira e vi piacciono le avventure consigliamo di leggere L’uomo di Marte e la saga di Deserto Rosso.