Auto elettriche, davvero aumenta il rischio di incendio?

Le auto elettriche comportano un rischio di incendio maggiore rispetto ai veicoli a benzina o diesel?

Avatar di Valerio Porcu

a cura di Valerio Porcu

Senior Editor

Quando si parla di auto elettriche, inevitabilmente arriva qualcuno a dire che l’elettrica è pericolosa perché si incendia facilmente. Anzi, c’è chi proprio vorrebbe vederle proibite perché troppo pericolose. Ma è vero? 

In pochissime parole no, non è vero che le elettriche hanno un maggiore pericolo di incendio. I casi di combustione spontanea sono statisticamente meno che quelli delle auto termiche, anche se poi i rischi associati comparabili o persino inferiori a quelli dei veicoli tradizionali. 

Altra questione da dirimere riguarda la gravità dell’incendio: molti pensano che se un’auto elettrica prende fuoco, poi rappresenterà un pericolo nettamente maggiore a quello di un’auto termica nella stessa situazione. Anche in questo caso spesso si assiste a notevoli esagerazioni, ma l’affermazione di base è corretta: se ci sono grosse batterie, l’incendio può essere più difficile da gestire. 

Risulta particolarmente difficile riuscire a comunicare correttamente questa situazione: non appena un’auto elettrica è coinvolta in un incendio, arrivano numerosi quelli convinti che tutte le elettriche siano un problema, e che ogni incendio con un’elettrica sia destinato a diventare un vero e proprio disastro.

La questione sarebbe piuttosto seria: se il problema fosse reale e certificato le assicurazioni dovrebbero chiedere premi più alti a chi possiede un’elettrica, e probabilmente i municipi dovrebbero proibire loro di parcheggiare in certi punti. Finora, ovviamente, non sta accadendo. 

Statisticamente le elettriche sono più sicure

Al dibattito si aggiunge anche la voce dell’autorevole The Guardian. Secondo gli esperti sentiti dal quotidiano britannico. 

"Tutti i dati dimostrano che i veicoli elettrici hanno molte, molte meno probabilità di incendiarsi rispetto ai loro equivalenti a benzina", ha dichiarato Colin Walker, responsabile dei trasporti presso il thinktank Energy and Climate Intelligence Unit. L’esperto fa anche notare che se brucia un’auto elettrica finisce su tutti i giornali, mentre “i numerosi incendi che si verificano per le auto a benzina o diesel non vengono segnalati". La percezione che abbiamo potrebbe essere distorta rispetto alla realtà. 

Quanto alle cause di un incendio, per entrambi i tipi di auto può essere un corto circuito che provoca una scintilla. Oppure il surriscaldamento: nelle elettriche la batteria brucia lentamente rilasciando gas tossici, nelle termiche il calore eccessivo può accendere il carburante. In ogni caso sono eventualità rarissime. 

“In Norvegia”, continua l’articolo del Guardian, “che ha la più alta percentuale di vendite di auto elettriche al mondo, il numero di incendi nelle auto a benzina e diesel è da quattro a cinque volte superiore, secondo la direzione per la sicurezza sociale e la preparazione alle emergenze. Quest'anno l'Agenzia svedese per le emergenze civili ha rilevato che nel 2022 si sono verificati 3,8 incendi ogni 100.000 auto elettriche o ibride, rispetto ai 68 incendi ogni 100.000 auto se si considerano tutti i tipi di carburante. Tuttavia, queste ultime cifre includono gli incendi dolosi, rendendo difficile il confronto.

Un progetto di ricerca australiano, poi, ha determinato “una probabilità dello 0,0012% che la batteria di un veicolo elettrico prenda fuoco, rispetto allo 0,1% delle automobili con motore a combustione interna”. Una differenza di cento volte in favore delle elettriche. Ancora, secondo Tesla “il numero di incendi sulle strade statunitensi che hanno coinvolto le Tesla dal 2012 al 2021 è stato 11 volte inferiore per chilometro rispetto al dato relativo a tutte le auto, la cui stragrande maggioranza ha motori a benzina o diesel”.

Si può certamente che Tesla è come il famoso oste e il suo vino, ma anche includendo la giusta cautela i numeri sono interessanti. 

Bruciano meno, ma se bruciano è un inferno

Appurato che il rischio di incendio è più o meno lo stesso, o tutt’al più sono più sicure le elettriche, resta l’altra domanda: l’incendio è più grave se è coinvolta un’auto elettrica? 

Paul Christensen, professore di elettrochimica pura e applicata all'Università di Newcastle, conferma che gli incendi di batterie possono essere una cosa terribile. Ma ricorda anche che le batterie delle auto non sono esattamente come quelle di scooter o smartphone, e in linea di massima il problema è minore. 

Si tratta senz’altro di fiamme persistenti, che richiedono più acqua per essere estinte Un particolare che in certe situazioni può essere un problema serissimo, soprattutto se ci sono dei sopravvissuti da salvare. 

In poche parole, le auto elettriche non implicano un maggiore rischio di incendio. Ma se le fiamme arrivano, poi la batteria può diventare un problema più serio rispetto a un’auto con motore a combustione interna. 

Una fotografia che può valere solo per questo specifico momento: con il tempo miglioreranno le soluzioni di sicurezza, quindi i problemi saranno sempre minori sulle auto nuove. Ma d’altra parte le auto elettriche invecchiano, e con il passare del tempo i rischi potrebbero aumentare. Inoltre questo tipo di ricerca è agli inizi, e senz'altro le cose potrebbero cambiare in futuro. 

Oggi, però, non è vero che con le auto elettriche aumenta il rischio di incendio.