Auto

California, divieto per l’apertura di nuovi distributori diesel e benzina

Il mercato automobilistico sta pian piano avviando una transizione destinata alla completa elettrificazione del parco auto. Non a caso, sono tante le nuove norme di regolamentazione che mirano ad una chiara imposizione di limiti sempre più severi relativi all’inquinamento. É delle ultime ore la notizia che vede protagonista una città della California alle prese con il divieto di apertura di nuove aree di servizio destinate ad auto a benzina e diesel. Tuttavia, le aree di servizio già presenti sul territorio non potranno proseguire con l’installazione di nuove pompe.

Parliamo di Petaluma, città dello Stato della California, che sembra dunque puntare il dito contro le aree di servizio per le auto tradizionali con un nuovo regolamento che va ad impedire l’apertura di nuove aree di servizio per i cittadini, ponendo una serie di importanti restrizioni anche sulle aree già esistenti. Secondo i funzionari di Petaluma la città ha già abbastanza aree di servizio, procedendo dunque con il voto all’unanimità del consiglio comunale locale per poter procedere al divieto.

Inevitabilmente, l’iniziativa ha anche come obiettivo la promozione di nuove vetture a propulsione elettrica in modo tale da avviare un’accelerazione verso le zero emissioni di CO2. Non appena il consiglio approverà definitivamente il provvedimento il disegno di legge entrerà in vigore immediatamente, rendendo Petaluma la prima nel Paese a fermare definitivamente la costruzione di nuove infrastrutture. É chiaro che la decisione della città californiana si pone tra gli obiettivi legati al piano climatico che mira ad arrivare a zero emissioni entro il 2030. Non è da escludere che Petaluma diventi solamente la prima di una lunga lista di città e nazioni pronte ad introdurre il divieto di concessione.

Secondo quanto dichiarato dagli enti locali, Petaluma ha attualmente 16 stazioni di servizio su un’area di circa 39 km² . Sulla questa base, si legge:

Ci sono stazioni situate a 5 minuti di auto da ogni residenza esistente e tutte le aree pianificate per lo sviluppo residenziale entro il Piano Generale 2025 ma non ancora costruite. Non è un divieto contro le stazioni di servizio già esistenti, che ovviamente forniscono il carburante di cui c’è bisogno in questo momento. Il problema di permettere l’apertura di nuove pompe di benzina è che non ne abbiamo veramente bisogno e rischiano di mettere in difficoltà gli affari delle stazioni di servizio già esistenti.

Grazie al caricabatteria USB potete ricaricare il vostro smartphone in auto, è disponibile su Amazon.