Auto

Ferrari Purosangue, l’anti Urus è ormai sempre più vicino

Per diversi anni Ferrari è riuscita ad evitare il segmento delle vetture a ruote alte ma, come evidenziato dai preziosi numeri ottenuti da Lamborghini con il suo SUV sportivo, è proprio in quel settore dove si possono avere i ricavi maggiori. Per questo motivo, il primo Sport Utility di Maranello punta a battere Lamborghini Urus, rinnovando una sfida presente nella Motor Valley da ormai diversi lustri.

Avvistato in più occasioni, Purosangue sembra ancora negli stadi più embrionali dal momento che sono ancora ben pochi gli aspetti finalizzati o vicini ad esserlo. La carrozzeria, ad esempio, è quella del Maserati Levante dal quale si ispira senza quindi alcuna apparente modifica o personalizzazione. Ferrari non è nuova nell’utilizzare muletti di vetture precedentemente realizzate pertanto non ci stupisce più di tanto questo aspetto. Le ultime foto spia suggeriscono tuttavia la presenza di elementi stilistici differenti da quelli di Levante; alcune immagini che ritraggono gli interni indicano infatti la presenza di un orologio analogico posto nella parte centrale-superiore del cruscotto, prese d’aria più arrotondate e uno schermo di infotainment probabilmente di ampie dimensioni come ormai richiede il mercato.

Nessuna informazione al momento è trapelata riguardo il frazionamento della gamma dei motori, anche se ormai da diverse settimane si ipotizza che Ferrari Purosangue sarà declinata in diverse motorizzazioni, includendo un V12 ad alte prestazioni ma offrendo anche un V8 e un V6. Quest’ultimo, inoltre, potrebbe essere il medesimo propulsore atteso sulla futura coupé ibrida ad alte prestazioni. Un motore quindi “green”, compatto e di derivazione SF90 Stradale. Considerato il continuo downsizing da parte di tutti i costruttori, troviamo difficile che Ferrari possa introdurre il suo famoso V12 in un SUV atteso tra il 2022 e il 2023: non ci rimane che attendere.

Nessuna indiscrezione sul prezzo anche se, considerato quello di Urus, è facile pensare che possa inserirsi in una finestra compresa tra i 250mila e 300mila euro.