Ibride e Elettriche

Le cinque berline elettriche più accessibili del 2021

Acquistare un’auto elettrica di ultima generazione, significa non rinunciare (quasi) a nulla rispetto a una pari vettura alimentata con motore a combustione interna. Questo vale, sopratutto, per alcuni segmenti: utilitarie, in particolare, ma anche berline di medie dimensioni. Queste ultime, offrendo oramai un’autonomia nell’ordine dei 300/400 km, un confort stradale e acustico di alto livello e una predisposizione per la ricarica rapida.

Sotto diversi punti di vista, l’auto elettrica può rivelarsi una soluzione persino superiore a un’auto termica comune: la fluidità di marcia è superiore, l’insonorizzazione migliore, l’integrazione tecnologica (di solito) è d’avanguardia e, almeno per ora, acquistare una EV permette di accedere a consistenti bonus statali e regionali. Ecco una lista delle 5 berline elettriche più accessibili oggi in commercio.

5: Tesla Model 3 Standard Range Plus: 48.990 euro

Un’accelerata decisiva verso il passaggio a una mobilità elettrica su strada, potrebbe davvero averla impressa Tesla. Il costruttore americano ha fatto della produzione di auto elettriche la sua missione: sin dall’inizio l’obiettivo era quello di offrire vetture che fossero il più complete possibile, ma senza nessun utilizzo di combustibili fossili. Oggi, dopo numerose vicissitudini, Tesla è un colosso dell’intera industria automobilistica mondiale, e i suoi prodotti sono una certezza.

La Model 3, veicolo più accessibile e venduto in assoluto, è una berlina di medie dimensioni che già nella versione “base” standard Range Plus, offre tutto ciò che si può desiderare. Autonomia di superiore ai 440 km, velocità massima di 225 km/h e accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,6 secondi. A questi dati deve essere aggiunta l’integrazione con l’ecosistema di ricarica Tesla Supercharger e una dotazione di aiuti alla guida che con il sistema Autopilot non ha attualmente rivali. Prezzo di listino: 48.990 euro.

4: Hyundai Ioniq electric: 41.200 euro

Le Hyundai Ioniq è stata progettata per ospitare sulla sua piattaforma ben tre diverse motorizzazioni: ibrida, ibrida plug-in ed elettrica. Quest’ultima, rappresenta un’importante passo in avanti di Hyundai verso una mobilità sempre più a zero emissioni. La Ioniq è una berlina familiare comoda per una famiglia, tecnologica e dotata di numerosi sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione.

La batteria è da 38,3 kWh che alimenta un motore elettrico da 100 kW (136 Cv circa). Lo spunto è buono e la fluidità di marcia davvero notevole; ottima anche l’insonorizzazione, grazie a una carrozzeria che è stata sviluppata seguendo un preciso percorso di studio aerodinamico. L’autonomia con un pieno di energia elettrica è di circa 270/300 km, Ioniq supporta la ricarica in corrente continua fino a un massimo di 100 kW. Prezzi da 41.200 euro.

3: Kia e-Soul: 39.850 euro

Kia Soul è oggi disponibile nella sola versione elettrica: e-Soul. Quest’ultima, può essere equipaggiata con una batteria da 64 kWh che alimenta un motore elettrico da 150 Cv e 395 Nm di coppia massima. All’aspetto molto personale (ma facilmente riconoscibile) si affianca un’ottima dotazione tecnologica, con sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione e un infotainment piuttosto completo di funzionalità.

Ottimo il dinamismo e la fluidità di marcia, eccezionale l’autonomia: con un pieno si riescono a percorrere facilmente più di 400 km nel misto. I tratti a scorrimento veloce sono anch’essi affrontati e superati con grande disinvoltura. Anche qui l’autonomia è convincente: a 110 km/h siamo oltre i 380 km mentre a limite autostradale non è difficile toccare i 300 km con un pieno di energia elettrica. Prezzi: da 39.850 euro.

2: Mini Electric: 34.900 euro

La Mini elettrica ha voluto comunque mantener fede a una delle caratteristiche più celebri e apprezzate: il go kart feeling. La Cooper SE è l’applicazione a zero emissioni di questo concetto, che non tradisce le aspettative: dimensioni compatte, una batteria da 32,6 kWh che alimenta un motore da 184 Cv per 270 Nm e 7,3 secondi per raggiungere da fermo i 100 km/h. La velocità massima invece è autolimitata a 150 km/h.

La capacità dell’accumulatore comporta qualche sacrificio in termini di autonomia: se carico, difficilmente permette di superare i 250 km di percorrenza. In soccorso, però, arriva la ricarica rapida in corrente continua fino a 50 kW, una soluzione che consente di ridurre le attese alla colonnina. L’immagine è tipica Mini, con quella aggiunta estetica per ricordare che si tratta di un modello a batteria. Prezzi da 34.900 euro.

1: Opel Corsa e: 32.750 euro

L’ingresso di Opel nell’universo PSA (ora parte del gruppo Stellantis), ha portato numerosi benefici al marchio tedesco, sia in termini di contenuti, sia di tecnologie. Così, la sesta generazione dell’icona Corsa arriva anche con una versione completamente elettrica. La struttura si affida a un motore elettrico da 136 Cv e 260 Nm di coppia massima, alimentato da una batteria da 50 kWh; se carico consente di percorrere circa 300 km.

Dimensioni contenute, posizioni di guida ribassata e reattività del motore elettrico, permettono a Opel Corsa e di essere dinamica e versatile, divertendo e togliendo più di qualche soddisfazione a chi guida. Molto sobria e pulita l’immagine interna, con uno schermo del sistema di infotelematica con superficie tattile, piuttosto intuitivo nell’utilizzo. Prezzi da 32.750 euro.