Ibride e Elettriche

Maserati: la Ghibli è la prima ibrida

La prima Maserati elettrificata è la Ghibli. La berlina del tridente di Modena nella versione model year 2021 guadagna un sistema mild hybrid a 48 Volt integrato nel 2.0 litri benzina quattro cilindri da 330 Cv. Esce così di scena il 3.0 litri V6 Turbo Diesel. La Ghibli hybrid sarà disponibile entro fine 2020. Il listino ufficiale non è ancora stato comunicato.

Si tratta di un inedito nella gamma Maserati, che con questo nuovo progetto vuole dare impulso al programma elettrico, che porterà in futuro alla realizzazione di automobili a zero emissioni. Per mantenere inalterato il piacere di guida, si è scelto di rinunciare al plug-in che avrebbe aggiunto peso compromettendo la guida sportiva.

Non rinuncia alla sportività

L’esigenza di ridurre le emissioni di CO2 ha favorito lo sviluppo di architetture ibride. La struttura di  Maserati è stata ottimizzata per contenere i valori inquinanti, ottenendo una potenza specifica notevole. Per eliminare i ritardi di risposta, è stato introdotto un compressore elettrico, a supporto della spinta offerta dal turbocompressore a gas di scarico.

Il sistema a 48 Volt è alimentato da una batteria da 0,5 kWh, alloggiata nella zona posteriore della scocca. Dal punto di vista delle prestazioni, i tecnici Maserati sembrano concordi nel paragonare la Ghibli Hybrid alla versione V8 benzina da 350 Cv: merito della specifica impostazione della centralina e di accorgimenti utili a non alterare la sportività tipica del marchio.

La Ghibli Hybrid ha un aspetto inalterato rispetto alle versioni tradizionali, se non per qualche dettaglio. Le pinze freno, i dettagli sul parafango e il montante posteriore sono in tinta blu anodizzato; la calandra ha elementi a forma di diapason e la sagoma dei fari posteriori è stata ridisegnata, prendendo spunto dalla Maserati Alfieri.

Un’interessante novità coinvolge il sistema di infotelematica: più connesso, aggiornabile over the air e i protocolli Apple Car Play e Android auto si possono attivare wireless. Gli schermi sono da 8″ e 10″, la potenza di software del calcolo è migliorata e supporta fino a due telefoni connessi contemporaneamente tramite Bluetooth.