Ibride e Elettriche

Volkswagen ID.BUZZ, il prototipo mostrato al Salone di Monaco

La casa automobilistica tedesca, in occasione del Salone di Monaco 2021, ha mostrato al pubblico il primo prototipo del Volkswagen ID.BUZZ, veicolo – come ormai tutti sapranno – a giuda autonoma. Infatti, l’obiettivo che l’azienda VW ha intenzione di raggiungere, è quello di poter offrire ai propri clienti veicoli con guida automatizzata da poter sfruttare nelle città in Germania. Ebbene, la casa costruttrice ha deciso di approfittare dell’importante evento per mostrare il prototipo di quello che dovrebbe essere, appunto, l’ID.BUZZ. Inoltre, proprio a Monaco, è presente la sede di Argo AI, l’azienda statunitense che si occupa del Self Driving System, impegnata nello sviluppo della piattaforma di guida autonoma. Anche la realizzazione di una flotta, che comprende 5 prototipi del veicolo del marchio Volkswagen, è in fase di svolgimento nei pressi di Monaco.

L’azienda statunitense Argo ha a disposizione – oltre a quella che si trova negli USA – anche una pista di nove ettari nei dintorni dell’aeroporto della città francese che in questi giorni ospita il grande evento e, tale spazio, è utilizzato per testare i veicoli in diverse situazioni di traffico. Dunque, sembrerebbe che il servizio partirà dal 2025 da Amburgo con il servizi ride-pooling per poi espandersi anche in diverse città tedesche. Ricordiamo che Volkswagen ID.BUZZ è caratterizzato una motorizzazione totalmente elettrica ma, per il momento, non sono state rese note – in maniera dettagliata – le altre specifiche tecniche. Infatti, molto probabilmente, tutte le informazioni verranno svelate dalla casa costruttrice nel momento in cui il veicolo verrà presentato in maniera ufficiale. Tuttavia, Volkswagen sembra aver confermato che grazie ad Argo AI, sull’ID.BUZZ, saranno presenti telecamere, radar e LiDAR in modo tale da poter garantire una guida autonoma più sicura e affidabile.

Nello specifico, il veicolo è provvisto del sensore Argo Lidar, in grado di rilevare oggetti ad una distanza che raggiunge i 400 metri e, grazie alla tecnologia brevettata Geiger-mode, la casa VW afferma che “ha la capacità di rilevare anche le più piccole particelle di luce (un singolo fotone), in modo che anche gli oggetti con bassa riflettività, come i veicoli verniciati di nero, possono essere rilevati“. Inoltre, Bryan Salesky, nonché fondatore e CEO di Argo AI, avrebbe dichiarato quanto segue:

La flotta di prova ID.BUZZ AD rappresenta una pietra miliare nella nostra partnership con Volkswagen Veicoli Commerciali. Basandoci sui nostri cinque anni di sviluppo e sugli insegnamenti tratti dalle nostre operazioni in grandi e complesse città statunitensi, siamo entusiasti di iniziare presto i test sulle strade di Monaco di Baviera in preparazione del lancio del servizio di ride-pooling commerciale a guida autonoma con MOIA.