Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Altre News

Geo-blocking, acquisti online senza frontiere in Europa

Siete già pronti per gli acquisti di Natale? Certo, è un po' presto, ma quest'anno c'è una novità: si potrà acquistare online ovunque in Europa, senza più limitazioni, sovrapprezzi, e commissioni gonfiate sulle carte di credito. È la fine (parziale) del geo-blocking. Il negoziante francese, irlandese, greco, polacco, spagnolo, svedese, eccetera non potrà più bloccare la vendita al di fuori del suo territorio nazionale, che si tratti di beni materiali o servizi. Scatta il roaming dello shopping online, tranne che per i prodotti sottoposti a copyright.  

Già, perché il Parlamento Europeo non ha voluto/potuto andare oltre nello sblocco di video, musica, serie TV, giochi, applicazioni per dispositivi mobili, film, cioè dei prodotti sottoposti al diritto d'autore. Nessun limite invece per i servizi digitali senza diritti d'autore, ad esempio cloud e hosting di siti web. D'altronde, per quanto riguarda lo streaming TV, chi vive all'estero ha imparato ad arrangiarsi per non essere tagliato fuori dalla vita del paese di origine.  

Leggi anche: Geo-blocking e streaming TV, come usare al meglio la VPN    

Uno studio della Commissione europea ha analizzato migliaia di siti internet di e-commerce in tutta l'Unione e ha accertato che solo nel 37% dei casi gli utenti di un paese UE sono riusciti a completare gli acquisti su un sito di un altro paese europeo. Inoltre alcuni siti di e-commerce non accettano modalità di pagamento (ad esempio carte di credito) di un altro paese europeo, oppure, nei siti in cui esiste la registrazione, l'utente non riesce a registrarsi se ha un indirizzo in un altro paese dell'Unione.

geo blocking

C'è poi il "trucco" del re-indirizzamento. Esempio. Una persona in Italia vuole comprare un capo di abbigliamento su un sito francese. Lo mette nel carrello, controlla di aver scelto la taglia e il colore giusti e clicca su "Procedi all'acquisto". A quel punto sullo schermo appare il messaggio "la stiamo reindirizzando sulla pagina italiana del sito" e automaticamente appare la versione italiana del sito, in cui l'articolo scelto però non è disponibile. Questo è il re-indirizzo automatico ed è uno dei tanti modi in cui si manifestano i blocchi geografici, impedendo ai consumatori di scegliere i negozi online che preferiscono.

Non c'è però da parte del commerciante l'obbligo di consegna in tutti i Paesi UE, ma il consumatore si può mettere d'accordo per il ritiro degli acquisti in uno dei Paesi in cui il commerciante è operativo. Anche questi limiti però saranno superati con il tempo e grazie al nuovo impulso che la fine del geo-blocking darà certamente al commercio online.

Quanto ai vincoli su film, musica, serie TV, eccetera, c'è una concreta speranza. Tra due anni le misure saranno sottoposte a revisione e potrebbero dunque cessare le restrizioni. Si tratta comunque di un passo avanti e poi anche per l'abolizione del roaming telefonico si è proceduto per gradi, anno dopo anno.