Giochi di ruolo

Baldur’s Gate: l’iconica città di Dungeons & Dragons

Baldur’s Gate, spesso chiamata semplicemente The Gate, è una delle più famose città dei Forgotten Realms, un’ambientazione per Dungeons & Dragons creata da Ed Greenwood. Baldur’s Gate è diventata molto famosa grazie sopratutto all’omonima serie di videogame e per essere stata l’ambientazione per molte avventure di D&D, tra cui la recente Baldur’s Gate Discesa nell’Avernus edita in Italia da Asmodee. Assieme all’avventura sono stati fatti uscire una serie di prodotti a supporto: lo schermo dedicato, un set di dadi, una serie di miniature prodotte dalla famosa Wizkids Neca, mappe e un’edizione deluxe, dal valore di 500,00 dollari, prodotta dalla Beadle & Grimm’s

Baldur’s Gate nei videogiochi

Baldur's Gate

La serie di videogiochi di Baldur’s Gate, iniziata nel 1998, portò diverse novità nel mondo dei Giochi di Ruolo per PC, come la visuale isometrica del mondo da esplorare, pre-rendirizzata, e con personaggi resi con sprite. La serie di videogiochi si compone di due Capitoli principali, Baldur’s Gate (1998) e Baldur’s Gate II Shadow On Amn (2000), aventi un’espansione ciascuno. Con l’avvento delle console furono sviluppati due spin-off: Baldur’s Gate Dark Alliance I (2001) e II (2004). Nel 2012 i videogiochi furono completamente rivisitati sia come grafica, sia come sonoro dando vita alle cosi dette versioni Enhanced Edition. Per quest’ultima edizione fu sviluppata una nuova espansione: Baldur’s Gate, Siege of Dragonspear (2016). Questa espansione è divenuta molto famosa più che per i suoi contenuti per la polemica che seguì per l’introduzione di un personaggio transgender nel setting dell’avventura. Attualmente siamo in attesa del nuovo capitolo Baldur’s Gate III (2020) che si prospetta essere un successo mondiale.

Cercate manuali di Dungeons & Dragons nuovi e da collezione o materiale dedicato al mondo del gioco di ruolo? A questo link potete trovare dalle ultime novità alle chicche introvabili pronte per essere spedite a casa vostra!

Baldur’s Gate nei romanzi

Baldur's Gate

In seguito al successo del videogioco uscirono anche tre romanzi:

  • Baldur’s Gate (Luglio 1999), scritto da Philip Athans
  • Baldur’s Gate II: Shadows of Amn (Settembre 2000), scritto da Philip Athans
  • Baldur’s Gate II: Throne of Bhaal (Settembre 2001), scritto da Drew Karpyshyn

I romanzi non hanno riscosso molto successo in quanto non sono dotati di una grande prosa e hanno numerose discrepanze e imprecisioni rispetto al videogioco. Basti pensare che il famoso eroe Minsc, pelato come una palla da biliardo, è descritto come avente una fluente chioma rossa!

Baldur’s Gate: la città

Baldur's Gate

La città di Baldur’s Gate si trova nella regione della Costa della Spada, a sud della città stato di Waterdeep e a nord di Amn, in un’ansa del fiume Chionthar.  Il nome della città deriva dal nome di  Balduran, un famoso esploratore che salpò verso il leggendario continente di Anchorome e tornò con grandi ricchezze. Balduran donò molte di queste  ricchezze che furono usate per costruire il muro intorno al nucleo originale di Baldur’s Gate. Balduran partì poi nuovamente alla volta di Anchorome ma non fece mai più ritorno. Si dice che però molte delle sue ricchezze e di oggetti a lui appartenuti si trovino nascosti in alcune grotte lungo la Costa della Spada.

La città è divisa in una parte Alta dove vivono i nobili e i ricchi e una parte Bassa dove si trovano le persone meno facoltose e i moli, motore economico della città. Esiste anche una Città Esterna, povera e popolosa, dove la Gilda dei ladri la fa da padrone. Baldur’s Gate è una città cosmopolita che accetta chiunque tra le sue mura, purchè  sia rispettato un minimo d’ordine. Il compito di mantenere tale ordine è affidato alla Compagnia mercenaria del Pugni Fiammanti e ai membri della Guardia, che però si occupano quasi esclusivamente di proteggere i ricchi abitanti della Città Alta.

Baldur’s Gate è molto tollerante dal punto di vista religioso e ogni fede è ben accetta, anche quelle malvagie, come per esempio i culti dedicati a Bane, Bhaal e Myrkul, i cosidetti Tre Morti. Comunque le divinità che godono di maggiore prestigio sono sicuramente tre: Gond, Il Portatore di Meraviglie, il Signore di tutti i Fabbri  il cui tempio  Alta Casa delle Meraviglie, è forse uno dei più imponenti.  Tymora, Signora Fortuna, La Dama che ti Sorride, Nostra Signora Sorridente con Sala della Signora, e Umberlee La Regina delle Sgualdrine, La Regina delle Profondità  il cui tempio è chiamato comunemente la Casa della Regina delle Acque.

Chi sono Minsc e Boo?

Baldur's Gate

Oltre ai templi dedicati alle divintà non bisogna mai dimenticarsi di fare una visita alla statua del famoso avventuriero Minsc e del suo criceto Boo. Chi sono Minsc e Boo? Sono due dei più famosi eroi dei Forgotten Realms e appaiono fin dal primo episodio del videogioco di Baldur’s Gate (1998). Minsc e un ranger mentre Boo è un criceto… gigante, spaziale, miniaturizzato. O almeno così crede Boo. Non tutti sanno che Minsc è basato su di un personaggio creato da James Ohlen, capo progettista del videogioco di Baldur’s Gate, per la sua campagna cartacea di Dungeons&Dragons ambientata in Dark Sun. Il capo sceneggiatore del videogioco,  Lukas Kristjanson, si è occupato di caratterizzare meglio il personaggio conferendogli il suo taglio comico.

A proposito di comic…s, se volete approfondire le gesta di Minsc e Boo non dovete farvi sfuggire i fumetti ideati dal duo Max Dunbar e Jim Zub, usciti anche in Italia per i tipi della Panini Comics: D&D Leggende di Baldur’s Gate e D&D Il Male A Baldur’s Gate. I nostri/vostri eroi ne vedranno delle belle e usciranno da queste avventure decisamente cambiati.

Bladur’s Gate: il governo

Baldur's Gate

Il Governo della città di Bladur’s Gate ha subito vari scossoni nel corso degli anni. Dopo una grande rivolta contro le tasse fu deciso di istituire un governo di Granduchi, i cui membri dessero vita al Consiglio dei Quattro. I Granduchi venivano eletti dai cittadini per servire vita natural durante o fino a quando non avessero desiderio di ritirarsi. Dopo un tentativo fallito di colpo di stato dell’ex Granduca Valarken, il sistema di governo di Baldur’s Gate fu modificato e fu istituito un parlamento che si occupasse di eleggere  i Duchi. Solo una volta, per un brave periodo di tempi, la città fu governata dal Granduca Portyr per volere del parlamento. Poco prima dell’anno 1479,  fu ripristinato il Consiglio dei Quattro. Erano ancora aiutati dal Parlamento dei Pari, che ha continuato a servire come organo elettore dei Duchi e come organo legislativo. La sede del Governo è il Gran Palazzo, dove viene anche amministrata la giustizia e si trovano ampie biblioteche. Il Governo è stato uno degli obiettivi preferiti dei videogiochi e delle avventure cartacee dedicate alla città e scommettiamo che in futuro sarà ancora vittima di altri scossoni.

Le gilde

Baldur's Gate

Essendo una città molto aperta e ricca di commerci Baldur’s Gate è anche ricca di ladri, truffatori e assassini. Tutti agiscono all’interno di un’organizzazione nota come la Gilda, anche se a volte ne esiste più di una, i cui componenti cambiano frequentemente… e di solito non in modo volontario o indolore.

Nel corso degli anni si sono succeduti diverse Gilde con diversi capi. Tra i più famosi ladri c’è sicuramente Alatos Thuibuld che ha fondato la Gilda di Xantam, guidata dall’omonimo beholder, e la gilda delle Hands of Glory. Attualmente il capo della Gilda è Keene Nove Dita che dovrà affrontare gli eventi presentati in Baldur’s Gate Discesa nell’Avernus. Chissà se sopravviverà?

I dungeon

Sotto la città si trova un complesso di caverne dove si sono svolte numerose avventure, sopratutto legate ai videogame. Si dice che da qui partano alcuni tunnel che si dipanano fino a raggiungere l’Underdark., il Sottosuolo. Nel trailer del nuovo videogame compaiono dei Mind Flyer, chissà se è solo una coincidenza! Oltre ai Mind Flyer compaiono anche i loro implacabili nemici, i Githyanki, una razza che è stata loro schiava per lungo tempo e ora cerca vendetta per tutto il Multiverso. Non a caso il Mind Flyer del trailer si trova su una nave in grado di muoversi fra i vari Piani di esistenza. Nave che proviene direttamente da una delle vecchie ambientazioni di Dungeons&Dragons: Spelljammer.

I giochi da tavolo

Baldur's Gate

Oltre ai videogiochi Baldur’s Gate è stata protagonista anche di alcuni Giochi da Tavolo. Nel 2017 è uscito un gioco, prodotto da Wizards of the Coast, sfortunatamente ad oggi disponibile solo in inglese: Betrayal at Baldur’s Gate basato sul famoso Betrayal at the House on the Hill. Il gioco riprende molto bene le atmosfere della città, ha ricchi componenti e permette di ricreare un gruppo in stile Dungeons&Dragons. Il punto forte del gioco è sicuramente la meccanica del tradimento suggerita dal titolo: a metà partita, uno dei personaggi, dovrà tradite i suoi compagni. Il perché e come dovrà agire verranno decisi ogni volta casualmente rendendo il gioco ogni volta originale.

Sempre la Wizards of the Coast ha pubblicato Battle for Baldur’s Gate, un’espansione per Dungeon Mayhem Card Game, in cui sono proposti come personaggi aggiuntivi Minsc, sempre lui, e la Druida Jaheira. Dungeon Mayhem è un gioco molto veloce in cui i classici eroi devono spartirsi il bottino in maniera non molto amichevole. Adatto a 3-4 giocatori, dalla grafica “pucciosa” è un ottimo gioco introduttivo a Dungeons & Dragons. Sempre e solo in inglese.

Anche i giochi più noti nel mercato non hanno saputo resistere al fascino di questa iconica città di Dungeons & Dragons, tanto che anche lo storico Clue ha visto l’arrivo di una versione dedicata a Baldur’s Gate!

Cercate manuali di Dungeons & Dragons nuovi e da collezione o materiale dedicato al mondo del gioco di ruolo? A questo link potete trovare dalle ultime novità alle chicche introvabili pronte per essere spedite a casa vostra!