Eventi

Gli scienziati stanno sviluppando tessuti elettronici per i dispositivi interattivi

All’inizio di quest’anno, i ricercatori del MIT hanno presentato una linea di “vestiti intelligenti” in grado di monitorare ogni movimento fisico. Ora, uno studio indipendente condotto dall’Università Fudan in Cina,  gli scienziati affermano di aver creato tessuti elettronici all’avanguardia. Questi possono produrre immagini visive in movimento, come le indicazioni GPS.

scienza

Lo studio, pubblicato su The Hill (potete leggere l’articolo a questo link) ha raccolto la testimonianza del professore di ingegneria macromolecolare della Fudan University, Huisheng Peng, alla guida team, che ha descritto i suoi capi da fantascienza in un articolo recentemente pubblicato sulla rivista Nature (disponibile a questo link). “I tradizionali materiali per display a stato solido non sono prontamente compatibili con i tessuti perché lottano per resistere alla deformazione naturale che si verifica quando i tessuti vengono indossati e lavati” (clicca qui per acquistare dei capi d’abbigliamento), osserva un comunicato stampa della Fudan University. “Ma questo nuovo design intreccia fibre conduttive e luminescenti insieme al cotone in un display in tessuto“.

scienza

Il risultato della combinazione di fibre e cotone è un tessuto che può fornire, ad esempio, una tastiera sensibile al tocco e resistere ancora a oltre cento cicli di lavanderia. I ricercatori dicono anche che i tessuti avranno un alimentatore e potranno persino raccogliere l’energia solare. Nel video di seguito, condiviso dalla rete di notizie cinese, CGTN, i ricercatori mostrano casi d’uso per i tessuti prototipo, compresa la possibilità di utilizzare la propria manica per inviare messaggi di testo o seguire le istruzioni del GPS.

Con ogni probabilità, stando a quanto riferito dai ricercatori stessi, i vestiti interattivi potrebbero arrivare presto sul mercato: Non sono solo concezioni. In effetti, possiamo produrre tali tessuti per display su larga scala e a basso costo”, ha detto Peng al Good News Network.Li stiamo già fornendo alle aziende e penso che inizieranno a entrare nel mercato già da quest’anno, o non più tardi del prossimo anno”, ha aggiunto.