Tom's Hardware Italia
Software

1750 nuovi posti di lavoro per sviluppatori in Italia, da Accenture e NTT DATA

Le due aziende stanno incrementando il proprio organico in Italia. Posizioni aperti sia per esperti che per chi sta iniziando.

Quasi duemila nuovi posti di lavoro in Italia, offerti da NTT Data e Accenture. Sono i 150 già annunciati da Accenture alcune settimane fa, a cui se ne aggiungono altri 600 di cui l’azienda ha dato notizia nelle scorse ore, e che saranno posizionati a Milano, Roma, Bologna, Napoli e Cagliari. La giapponese NTT invece fa sapere che assumerà circa mille persone entro il 2019, in particolare a Roma e Milano.

Nel caso di Accenture “le posizioni aperte riguardano sia giovani neolaureati (circa 350) sia candidati con esperienza (circa 250)”. Si occuperanno di sviluppo software, “con particolare focus su cloud, Intelligenza Artificiale, blockchain, Robotics, disegno e sviluppo di architetture di integrazione”.

Accenture propone un contratto di apprendistato per i junior e uno stage per i laureandi, con “finalità di inserimento con contratto di apprendistato professionalizzante”. Ai candidati che hanno già esperienza, invece, la società propone un’assunzione a tempo indeterminato; in questo caso è richiesta esperienza in uno o più dei settori richiesti: robotica, Artificial Intelligence, Cloud, Java, SAP, Oracle, Salesforce.

NTT DATA cerca invece sviluppatori che si occupino di “Cyber Security, Artificial Intelligence, Internet of Things, Augmented Reality e Virtual Reality, da affiancare al personale già impegnato su attività esistenti. “Una speciale linea di sviluppo è prevista per le risorse dedicate a e-commerce, mobile e online, nonché per Big Data e Analytics”.

Chi fosse interessato a proporsi può visitare le pagine pubblicate rispettivamente da Accenture e da NTT DATA. Al momento in cui scriviamo questo articolo, la pagina di NTT DATA non risulta raggiungibile, ma è possibile andare sul sito italiano e cliccare in calce su “Contatti”.

Per diventare uno sviluppatore di AI una buona conoscenza di Python è imprescindibile. Così come questo manuale.