Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
CPU

Stress test combinato

Pagina 4: Stress test combinato

Stress test estremo con dissipatore stock

Gli stress test singoli di CPU e GPU hanno spinto la soluzione di raffreddamento di AMD in bundle al limite. Cosa succede quando mettiamo sotto carico, simultaneamente, i due cuori di Raven Ridge? Quanto sono ben bilanciati i due blocchi, come appare il consumo massimo e quanto calore viene generato? Ancora una volta è bene ricordare che questo rappresenta uno scenario estremo che non ha molto a che fare con il funzionamento quotidiano del processore.

AMD Ryzen 3 2200G

Dopo ~6 minuti, Ryzen 3 2200G tocca 95°C, ben al di sopra del suo limite termico. E il risultato non cambia, anche quando spingiamo la ventola alla sua massima velocità. Detto questo, il processore non cede: continua a funzionare, sebbene a una temperatura molto elevata.I convertitori di tensione più caldi arrivano a 80 °C. Il consumo medio è vicino a 88W, mentre quello di picco arriva a circa 100W.

test 17

La frequenza nel tempo ci dice che i core Zen rallentano leggermente quando il processore supera 94,5W. Tuttavia Ryzen bilancia bene questo carico esigente; i 100 MHz mancanti verso la fine del nostro test non sono un grande problema, in particolare perché la Radeon Vega Graphics non è per nulla interessata. Alla fine il dissipatore AMD passa il nostro test sul filo di lana, con i core Zen che scendono di frequenza solo di poco.

test 18

AMD Ryzen 5 2400G

Ryzen 5 2400G gode di un maggiore uso tramite simultaneous multi-threading e ha un maggior numero di stream processor. C'è quindi un'alta possibilità di portarlo al limite mettendolo sotto torchio.

Un consumo medio di ~99W nel corso dei 15 minuti e picchi di 128W non possono essere affrontati usando un piccolo dissipatore in alluminio. Dopo circa 3 minuti la CPU inizia ad andare in throttling per proteggere sé stessa. Dopodiché, le temperature arrivano a un picco a circa 92 °C e i convertitori di tensione a 80 °C.

test 19

La curva di frequenza corrispondente mostra l'intervento del throttling in modo persino più chiaro. Il controller prova a mantenere un bilanciamento alzando e abbassando la frequenza di frequente. Dopo due minuti di fallimenti nel governare le temperature, si arriva a 95 °C e Ryzen 5 2400G tira il freno di emergenza. Un piccolo calo nella frequenza interessa CPU e GPU, e questo riduce di un po' tensione e corrente.

test 20

Dopo che il processore cambia freneticamente la frequenza della CPU – portandola quasi al proprio limite termico – è in grado di raggiungere di nuovo la frequenza più alta precedente dopo un breve periodo di raffreddamento senza un carico.

Non appena la grafica entra in throttling è necessario un riavvio per ripristinare la massima funzionalità. Persino un periodo di idle prolungato non aiuta. AMD non ha potuto – o voluto – spiegarci la causa di questo comportamento.

Stress test estremo con il chiller

Basta con il dissipatore in bundle, passiamo al nostro chiller e un buon waterblock per eliminare i colli di bottiglia termici. Persino sotto pieno carico il liquido sta a 20 °C costanti, mentre la stanza con aria condizionata fornisce 22 °C al ventilatore che funziona a pieno regime.

AMD Ryzen 3 2200G

Raffreddare Ryzen 3 2200G non è stata una sfida per questa soluzione di raffreddamento. Di conseguenza non abbiamo mai avuto problemi con il calore. Il consumo medio durante una sessione di 15 minuti è stato di ~90W, con picchi vicino a ~101W. Ciononostante la temperatura del processore non ha mai superato 57 °C e i convertitori di tensione hanno toccato un picco a ~62°C.

test 21

Le frequenze di CPU e GPU rimangono stabili. Questo significa che sul 2200G è possibile aggirare il meccanismo di throttling di AMD, anche con carichi brutali, usando un raffreddamento migliore. Bisogna solo comprare qualcosa di superiore al Wraith Stealth.

test 22

AMD Ryzen 5 2400G

Ryzen 5 2400G ci mostra che il throttling visto in precedenza non può essere attribuito a limiti termici. Le temperature di CPU e GPU nel range di 60 °C non richiedono un'azione correttiva tramite la telemetria del processore. Vediamo tuttavia Ryzen 5 tirare nuovamente fuori il paracadute, riducendo il consumo medio da poco più di 114W (con picchi fino a 131W) a ~100W. I convertitori di tensione erano a circa 64 °C prima che il processore iniziasse a entrare in throttling.

test 23

Le frequenze nel corso del tempo mostrano anch'esse un calo, anche se non sono così pronunciate come le nostre letture di temperatura. Sia CPU che GPU perdono circa ~100 MHz. È necessario che le frequenze di Ryzen 5 2400G raggiugano i loro limiti affinché questo comportamento si palesi. Dare semplicemente una pausa al chip per "rifiatare" non ne ripristina la piena funzionalità.

test 24