Schede madre

Asus B550, 11 modelli per soddisfare tutti gli utenti

Asus ha presentato le schede che arriveranno sul mercato il 16 giugno con il lancio del nuovo chipset B550 di AMD. Nel caso della società taiwanese, le motherboard presenti a listino sono ben 11, divise in tre serie: ROG StrixTUF GamingPrime.

Chiaramente si differenziano per feature e fascia di prezzo, con le ROG che occupano l’ormai consolidata posizione della fascia alta, dedicata ai giocatori più esigenti che non scendono a compromessi, ma che cercano il massimo da ogni componente, che si tratti di prestazioni o estetica. La serie TUF Gaming invece presenta delle soluzioni dedicate pur sempre ai videogiocatori, ma che cercano il miglior rapporto qualità/prezzo, risparmiando cifre più o meno importanti, senza troppe rinunce sul fronte prestazionale. Chiudono i modelli Prime che rappresentano invece una serie entry level, in grado di offrire buone performance e tutte le novità legate al chipset B550, con un prezzo estremamente competitivo.

Serie ROG

Partiamo quindi con la top di gamma, la Asus ROG B550-E Gaming. La scheda è indirizzata a chi intende ospitare nel proprio case i processori Ryzen 3000 più potenti disponibili, grazie ad un design della potenza a ben 16 fasi (14+2) insieme a due slot PCIe 4.0 x16 utilizzabili in configurazione x16 o x8/x8. La scheda infatti supporta uno SLI di schede video Nvidia a 2 vie o un CrossFireX di schede video Radeon a 3 vie, mentre i due slot primari presentano il rinforzo SafeSlot esclusivo di Asus che permette al peso delle VGA di non compromettere la struttura della scheda madre.

Non mancano due slot M.2 per gli SSD, di cui uno PCIe 4.0 x4, l’altro invece PCIe 3.0 x4 entrambi corredati di un heatspreader per garantire prestazioni costanti e limitare il fenomeno del throttling termico. Per quanto riguarda la connessione, la B550-E Gaming utilizza una porta RJ45 supportata dall’Intel 2,5 Gigabit LAN, mentre per la connessione wireless è presente il supporto al Wi-Fi 6 con antenna dual-band inclusa nella confezione. Non manca poi una USB 3.2 Type-C posteriore oltre ad altre 7 porte USB di cui due 3.2, quattro 2.0 e una 2.0 Type-C dedicata all’audio.

Per quanto riguarda invece la Asus ROG B550-F Gaming troviamo una scheda tecnica diversa dalla sorella maggiore, orientata a chi cerca il lusso delle schede madre Republic Of Gamers, ma senza eccedere sul fronte delle prestazioni riuscendo a risparmiare qualcosa. In questo caso il design della potenza è a 14 fasi (12+2), mentre gli slot PCIe 4.0 sono solo due, uno x16 in alto per la VGA con SafeSlot, l’altro M.2 x4 per gli SSD. Ritroviamo il supporto per configurazioni multi-GPU, ma in questo caso a 2 vie sia per Nvidia che per AMD. Anche qui gli slot M.2 presentano due heatspreader dedicati agli SSD.

Per quanto riguarda invece la connessione, le porte USB 3.2 diventano sei di cui due USB 3.2 Gen2 una Type-A l’altra Type-C e quattro USB 3.2 Gen1 Type-A, oltre a due porte USB 2.0. Manca invece la 2.0 Type-C dedicata all’audio, vista poco sopra nella B550-E. Anche in questo caso presente la porta RJ45 con controller Intel 2.5 Gigabit LAN mentre la connessione Wi-Fi 6 con antenna dual band sarà opzionale, disponibile quindi solo sulla variante fornita di relativo modulo e antenna.

Chiude la gamma la ROG Strix B550-I Gaming. Si tratta di una piccola motherboard Mini-ITX, che offre ovviamente due slot PCIe 4.0, uno x16 l’altro x4 per SSD M.2. A differenza delle due sorelle maggiori, è in grado di gestire 128GB di memoria RAM DDR4 fino a 4400MHz in XMP, ma offre la possibilità di salire fino a 5100MHz in overclock, sfruttando la poca distanza tra CPU e RAM. Il design di potenza invece è a 10 fasi (8+2).

Dal punto di vista della connessione non manca nulla: Wi-Fi 6 con antenna dual band inclusa, Bluetooth 5.1, una buona dotazione di porte USB inclusa la USB Type-C dedicata all’audio.

Tutte le schede della gamma ROG si distinguono non solo per le prestazioni, ma come premesso anche per l’estetica. Le tre schede infatti sono dotate di LED RGB gestibili direttamente da Asus Aura Sync con il quale sarà possibile scegliere effetti di luce e colori, oltre che sincronizzare la scheda madre con il restante hardware compatibile. Non mancano poi gli header per ulteriori accessori o ventole, che arrivano a 4 sulla ammiraglia Strix B550-E Gaming, e la gestione del BIOS anche in assenza di una CPU installata.

Serie TUF Gaming

Per la serie TUF Gaming Asus ha presentato tre nuove schede madre: la Asus TUF Gaming B550M Plus, la Asus TUF Gaming B550M Plus (Wi-Fi) e la Asus TUF Gaming B550 Plus. Nel caso delle prime due Asus utilizza un design microATX differenziandole per la sola presenza o meno del Wi-Fi, la terza invece sfrutta un form factor ATX standard e non dispone della connessione wireless.

Per il resto la scheda tecnica delle 3 schede è pressoché identica: troviamo due slot PCIe 4.0, di cui uno x16 per la VGA con rinforzo SafeSlot e l’altro x4 per SSD NVMe. Anche in questo caso, così come previsto dal chipset, saranno supportate configurazioni a doppia GPU che sia Nvidia o AMD, oltre al BIOS gestibile anche senza l’installazione della CPU nel socket.

Molto interessante l’espandibilità offerta dalla serie TUF. Come detto nel caso della B550M Plus e della B550 Plus manca la connessione wireless, tuttavia Asus da la possibilità di integrare questa funzionalità in un secondo momento attraverso lo slot M.2 ausiliario sulla B550 Plus (ATX), che permette di aggiungere un modulo Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.1, da acquistare separatamente. Allo stesso modo è possibile espandere l’I/O attraverso l’aggiunta di un modulo Thunderbolt 3.

Non mancano in ogni caso una buona dotazione di porte USB, inclusa un USB Type-C, l’audio DTS e l’illuminazione RGB. Oltre alla presenza di una linea di LED sul fianco del chipset infatti queste schede forniscono anche due header aggiuntivi per gestire i LED di eventuali accessori, ventole o raffreddamento a liquido. Tra le connessioni inoltre non manca la RJ45 2,5 Gigabit.

Serie PRIME

Chiudono l’offerta le schede madre della serie PRIME. Come premesso si tratta della serie entry level di Asus, dedicata a coloro che vogliono ottenere tutti i vantaggi del chipset B550 (PCIe 4.0 incluso ovviamente), ma contenendo il più possibile la spesa. In questo caso Asus propone una sola motherboard con form factor ATX, mentre altre 3 sfruttano un design microATX. La ragione è che nella maggior parte dei casi, queste schede vengono adottate più che altro su soluzioni a scarso ingombro dal budget estremamente contenuto, indirizzate agli impieghi più vari che non hanno come priorità prestazioni elevate, ma piuttosto cercano il giusto compromesso tra prestazioni, spazio ridotto e costo. Si tratta in linea generale di macchine da ufficio o di supporto in mancanza del PC primario.

Per quanto riguarda la Asus Prime B550-Plus si tratta dell’unica con fattore di forma ATX, in un design essenziale così come la dotazione. Ritroviamo i due slot PCIe 4.0, di cui uno x16 rinforzato come per gli altri con SafeSlot, l’altro per un SSD NVMe con configurazione x4. In totale le porte USB sono sei, ma nel caso dovessero risultare insufficienti, Asus propone la ThunderboltEX 3 card (acquistabile separatamente) che espande le USB con una Type-C con supporto al protocollo Thunderbolt 3.

Le altre tre con fattore di forma microATX sono la B550M-A, la B550M-A (Wi-Fi) e la B550M-K. Si tratta di schede madre studiate prettamente per l’utilizzo da ufficio, con la presenza di un’uscita HDMI, una DVI-D ed una DSub ad indicare proprio il campo di utilizzo di questo tipo di schede, ideale per configurazioni dall’ingombro ridotto all’osso, da accompagnare magari ad una delle future APU serie 4000 che riducono il calore generato all’interno del case grazie all’assenza di una scheda grafica discreta. Se tuttavia non potete fare a meno di una GPU dedicata, potrete sfruttare il PCIe 4.0 x16 dello slot principale accompagnato da un secondo slot PCIe 4.0 x4 per SSD lunghi fino a 110mm. Non mancano inoltre heatsink per VRM e chipset, tuttavia più piccoli sulla variante K.

A corredo dell’intera gamma di schede madre, non manca ovviamente la dotazione software a cui Asus ha ormai abituato i clienti di ogni fascia. Su ogni scheda infatti sarà possibile gestire via software il controllo delle ventole, manualmente o creando profili personalizzati. Non manca il controllo dell’illuminazione con Aura Sync, disponibile anche su quelle schede che non sono direttamente illuminate con LED RGB, ma che grazie agli header permettono il collegamento di ulteriori accessori di illuminazione oltre ad un’interfaccia di monitoring completa per tenere sempre sotto controllo lo stato del sistema.

Nel caso delle schede ROG e TUF Gaming chiaramente la suite di Asus apre le porte ad ulteriori funzionalità e sistemi di monitoraggio (grazie ai sensori di temperatura aggiuntivi), oltre alle diverse possibilità di overclock per i vari componenti che lo prevedono come RAM, CPU e GPU.

Per l’intera gamma di schede madre, Asus garantisce l’arrivo sul mercato per il 16 giugno, in concomitanza con il debutto del nuovo chipset B550, anche se mancano di conferma i prezzi che l’azienda si riserva di elencare al momento del lancio.

Grazie al recente annuncio del supporto dei nuovi Ryzen 4000 su schede madre B450, puoi optare per una Asus Prime B450-Plus attualmente in offerta su Amazon.