Periferiche di Rete

D-Link Education, nuove reti per un Paese nuovo

D-Link Education è l'offerta dedicata agli istituti scolastici e alle università, con soluzioni per reti wireless e LAN che consentono di sfruttare al meglio i Fondi Strutturali Europei erogati dal MIUR, nel rispetto dei massimali di spesa e dei vincoli di progettazione imposti.

L'Università Telematica Pegaso è la prima in Italia ad affidarsi alla tecnologia D-Link per la creazione della propria infrastruttura di rete, con l'obiettivo di sostenere i crescenti carichi di lavoro e abbracciare completamente la rivoluzione digitale in atto in Italia, al fine di fornire un servizio migliore e formare i cittadini e i lavoratori del futuro.

L'Università ha infatti acquistato un nuovo edificio presso il centro Direzionale di Napoli che ospiterà gran parte degli uffici prima dislocati in varie parti della città ed utilizzerà quindi prodotti D-Link in ambito networking per tutte le sedi medio-grandi, come gli switch xStack Gigabit L2+ Stackable Managed DGS-3420 – con porte Gigabit ad alta densità, Gigabit SFP, supporto per 10-Gigabit SFP+, o gli switch DXS-3600 Top of Rack 10 Gigabit Manage ad alte prestazioni, dotati di Ethernet a 10 Gigabit, routing ed una latency molto bassa.

2 JPG

"Ci siamo affidati a D-Link perché l'azienda dispone di varie soluzioni di alta gamma scalabili adatte alle nostre esigenze, ma soprattutto perché il team D-Link italiano è formato da professionisti competenti oltre che attivi in prima persona nel supportare gli IT Manager e i sistemisti; sviluppare e configurare l'infrastruttura di rete è più facile quando si lavora con partner come D-Link" ha dichiarato Michele D'Alessio, Responsabile Hardware dell'Università Telematica Pegaso.

La scelta di Pegaso è assai importante, perché certifica una tendenza che, eppur in ritardo rispetto al resto d'Europa, vede anche l'Italia fare progressi per quanto riguarda lo sviluppo delle infrastrutture e della formazione, come risulta ad esempio dai dati del Digital Economy and Social Index 2017, elaborato dalla Commissione Europea.

logo pegaso 20151

Non basta però fare dei progressi, seppur lenti, per quanto riguarda la disponibilità della connessione Internet a banda larga, della popolazione connessa e anche dal punto di vista dell'integrazione delle tecnologie. È necessario infatti lavorare anche sulla qualità delle competenze online e sulle attività business che si svolgono in Internet.

Una ricerca D-Link, condotta tra oltre 3000 insegnanti italiani di ogni ordine e grado, ha indagato il rapporto tra professori e tecnologia, dimostrando un grande interesse potenziale da parte degli operatori del settore. Quasi 70 professori su 100 infatti sono risultati favorevoli ad inserire lezioni di coding e HTML nel programma per gli studenti, e il 60% degli insegnanti vorrebbe lavorare maggiormente con tablet e lavagna interattiva, contro un 36% che resta affezionato alla tradizionale lavagna nera. Inoltre il 50% dei docenti intervistati chiede che la dotazione tecnologica del proprio istituto venga aggiornata agli standard più moderni, e ben il 20% giudica la tecnologia con cui lavora decisamente vetusta.

Il Ministero e l'UE hanno previsto dei fondi per l'ammodernamento tecnologico degli istituti, con particolare riferimento all'infrastruttura di rete. La creazione di una rete LAN/WLAN protetta e stabile è la base per una scuola tecnologicamente moderna, che permetterebbe di introdurre funzionalità interessanti e utili.

Cattura JPG

Tra queste ad esempio il registro elettronico e la possibilità di sfruttare al meglio le potenzialità didattiche offerte dalla Lavagna Interattiva Multimediale oppure dalla digitalizzazione della biblioteca di istituto, con possibilità per i docenti di connettersi alle fonti direttamente dal proprio notebook o dispositivo mobile restando comunque in classe. Con questi strumenti si può implementare un percorso di apprendimento adatto alle sfide del XXI secolo.


Tom's Consiglia

D-Link DSL-2750B è un modem-router ADSL2/2+ dal prezzo davvero accessibile.