Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Huawei Matebook X Pro 2019: i7, Nvidia GeForce MX250 e fino a 16 GB di RAM

Arriverà in Italia a 1.599 o 1.799 euro a seconda della versione scelta. Accanto all'X Pro 2019, Huawei ha rinnovato tutta la gamma Matebook.

Huawei, in occasione dell’evento di presentazione del Mate X (il suo primo smartphone pieghevole), ha anche rinnovato la famiglia Matebook. La gamma di computer portatili dell’azienda cinese si arricchisce di un nuovo modello da 14 pollici, oltre che della versione 2019 dell’apprezzatissimo X Pro. Inoltre, arriva finalmente in Europa anche la variante da 13 pollici vista in occasione del CES di Las Vegas a inizio gennaio.

Partiamo innanzitutto dalla punta di diamante, ovvero il Matebook X Pro 2019.  La scocca è rimasta praticamente invariata, con la solita leggerezza: 1,33 Kg di peso, 14.6 mm di spessore, tutto racchiuso in un corpo unibody in metallo. Poco da dire in termini costruttivi, si tratta del notebook splendidamente costruito che abbiamo già imparato a conoscere con il modello precedente.

Discorso analogo per quanto riguarda la tastiera e il trackpad, con la webcam che anche in questa versione 2019 scompare in un tasto della tastiera stessa. Il display è un pannello IPS LCD da 13,9 pollici con risoluzione di 3.000 x 2.000 pixel e rapporto di forma in 3:2. Occupa il 91% della parte frontale ed è anche touch-screen, un aspetto che può rivelarsi fondamentale nell’ottica della produttività in mobilità.

Il motore del Matebook X Pro 2019 è ovviamente rappresentato dai processori Intel. Può essere configurato con un i5 8265U o con un i7 8565U. In entrambi i casi c’è una scheda grafica dedicata, in particolare l’Nvidia MX250 con 2 Gigabyte di memoria dedicata GDDR5. 8 o 16 i Gigabyte di RAM, mentre l’archiviazione è affidata a un disco SSD da 512 Gigabyte o 1 Terabyte a seconda della versione scelta.

Grande attenzione alla dissipazione del calore grazie al sistema denominato “Smart Cooling System”: il computer è in grado di passare – automaticamente – dal raffreddamento passivo a quello attivo, eventualmente combinandoli nei casi in cui sia necessario. Siamo molto curiosi di provare questa soluzione sul campo, anche perché lo spessore ridotto rappresenta una grande sfida in tal senso.

Completa la dotazione di porte: una USB-C standard, una Thunderbolt 3, una USB-A e l’immancabile jack audio da 3.5 mm. Dal punto di vista software (il sistema operativo è ovviamente Windows 10), l’azienda cinese ha studiato tutta una serie di funzionalità al fine di garantire una perfetta integrazione tra i propri notebook e smartphone. È infatti possibile trasferire alcune tipologie di contenuti da un dispositivo all’altra in appena 1 secondo, senza dimenticare il rinnovamento di Huawei Share.

L’arrivo sul mercato è previsto per il secondo trimestre del 2019, con prezzi di 1.599 (i5, 8/512 GB) e 1.799 euro (i7, 16 GB, 1 TB).

Per quanto riguarda MateBook 14, può contare su un pannello LTPS 2K (con o senza touch, rapporto di forma in 3:2), che dovrebbe garantire una copertura dello spazio colore sRGB del 100%. A bordo ci sono i processori intel di ottava generazione (i5 8265U e i7 8565U) e Huawei ha anche integrato la ricarica rapida, che in soli 15 minuti può garantire fino a 3 ore di autonomia. Una grande comodità per un computer portatile.

La RAM oscilla tra gli 8 e i 16 GB a seconda delle versioni scelta e, esattamente come nell’X Pro 2019, troviamo tutte le soluzioni software di integrazione con gli smartphone di Huawei. Completa la dotazione di porte (una USB-C, due USB-A, 1 HDMI e jack audio da 3.5 mm). La parte grafica è affidata alla scheda Nvidia MX250 e tutto è racchiuso in 1,49 chilogrammi di peso. Non ci sono ancora notizie circa prezzi e configurazioni, mentre il Matebook 13 sarà in Italia dal 13 marzo a partire da 999 euro.