CPU

I futuri Intel Xeon riceveranno nuove funzionalità anche dopo l’uscita

Intel ha pubblicato una patch (come riportato da Phoronix) che attiva il supporto per il suo meccanismo Intel Software Defined Silicon (SDSi) in Linux. La tecnologia è pensata per i prossimi processori Intel Xeon ed è progettata per attivare funzionalità aggiuntive anche dopo che il processore è stato distribuito. La patch non menziona alcuna funzionalità specifica che dovrebbe sbloccare o alcun processore Xeon Scalable che dovrebbe aggiornare (pensiamo a Sapphire Rapids), ma fornisce una comprensione generale di come dovrebbe funzionare. A quanto pare, l’intero processo è puramente software, quindi non richiede alcuna manipolazione sull’hardware. Pertanto, può essere fatto in modo relativamente semplice.

L’iniziativa SDSi di Intel è sicuramente una delle più importanti, ma l’azienda non è nuova nell’offrire aggiornamenti software alle sue CPU. L’esempio più recente di tale possibilità è la tecnologia Intel Virtual RAID on CPU (Intel VROC) che si basa sull’hardware Intel Volume Management Device (VMD) integrato nel processore e deve essere attivato utilizzando una chiave hardware speciale. La società una volta ha anche offerto le capacità del suo software Upgrade Service sulle CPU client entry-level per aumentare la loro velocità di clock, sbloccare una porzione di cache precedentemente inutilizzata e attivare la tecnologia Hyper-Threading.

intel Xeon Scalable

Intel deve ancora descrivere completamente ciò che intende fornire nell’ambito della sua iniziativa Software Defined Silicon, ma il numero di opzioni possibili è illimitato. In origine, i processori Intel Pentium II/III/4 Xeon erano essenzialmente componenti desktop con cache aggiuntiva e supporto SMP. Ma i processori Xeon di Intel hanno acquisito molte funzionalità negli ultimi 15 anni che non sono supportate sulle CPU client. Infatti, le ultime CPU Xeon Scalable supportano istruzioni che non sono eseguibili sui modelli client. Negli anni più recenti, Intel ha iniziato a differenziare le caratteristiche e le prestazioni dei suoi processori Xeon Scalable con componenti premium che supportano più memoria, capacità SMP a otto vie, un maggior numero di core e altro ancora.

Con il lancio dei suoi processori “Sapphire Rapids” Xeon Scalable di quarta generazione, Intel supporterà molteplici nuove istruzioni e acceleratori speciali progettati per i carichi di lavoro emergenti. Tuttavia, molti dei clienti aziendali di Intel che utilizzano server on-premise potrebbero non vedere alcun valore immediato in tecnologie come Advanced Matrix Extensions (AMX), Data Streaming Accelerator (DSA) o CXL 1.1. In effetti, anche i fornitori di servizi cloud iperscalari potrebbero non aver bisogno di tutte le funzionalità su tutti i loro sistemi.

Per soddisfare le esigenze immediate della sua clientela, Intel vuole offrire loro le CPU nelle configurazioni di cui hanno bisogno ora, ma con SDSi può lasciare la porta aperta a futuri aggiornamenti software nel caso in cui un cliente necessiti di funzionalità aggiuntive o decida semplicemente di riutilizzare una macchina.

Ecco la descrizione ufficiale del meccanismo Software Defined Silicon (SDSi) di Intel:

Intel Software Defined Silicon (SDSi) è un meccanismo post produzione per l’attivazione di funzionalità aggiuntive del silicio. Le funzionalità sono abilitate tramite un processo di attivazione della licenza. Il driver SDSi fornisce un’interfaccia ioctl per socket per consentire alle applicazioni di eseguire tre principali funzioni di provisioning:

  1. Fornire un AKC (Authentication Key Certificate), una chiave scritta nella NVRAM interna utilizzata per autenticare un payload di attivazione specifico per funzionalità.
  2. Fornire un Capability Activation Payload (CAP), un token autenticato utilizzando l’AKC e applicato alla configurazione della CPU per attivare una nuova funzionalità.
  3. Leggere il certificato di stato SDSi, contenente lo stato di configurazione della CPU.

Le operazioni ioctl eseguono comandi mailbox specifici della funzione che inoltrano le richieste all’hardware SDSi per eseguire l’autenticazione dei payload e abilitare la configurazione del silicio (da rendere disponibile dopo un riavvio).

Il dispositivo SDSi stesso è enumerato come funzionalità PCIe VSEC su Intel Out Of Band Management Services Module (OOBMSM). Il dispositivo SDSi è una cella del driver MFD intel_pmt e come tale ha una dipendenza di compilazione da CONFIG_MFD_INTEL_PMT.