Storage

Risultati: Tom’s Hardware Storage Bench v1.0, continua

Pagina 7: Risultati: Tom’s Hardware Storage Bench v1.0, continua

Risultati: Tom's Hardware Storage Bench v1.0, continua

Tempi di servizio

Ci sono tante informazioni che possiamo raccogliere con Tom's Storage Bench oltre alla velocità media. I tempi medi di servizio mostrano che la reattività è simile alla media delle operazioni di I/O durante la traccia. Sarebbe difficile tracciare i 10 milioni di operazioni di I/O che compongono il test, quindi è più sensato osservare il tempo medio per servire un'operazione di I/O. Possiamo anche osservare i tempi medi di servizio per letture e scritture. In questo modo, le scritture con una latenza migliore sono più vicine all'origine; i numeri più bassi sono migliori. Suddividere i tempi di servizio di letture e scritture ci aiuta a capire i punti di forza e debolezza dell'unità.

La latenza in scrittura è semplicemente il tempo totale che richiede un'operazione input o output sia impartita dal sistema operativo, viaggi nel sottosistema di archiviazione, impegni il dispositivo di archiviazione e abbiamo faccia sì che il drive riconosca l'operazione. La latenza in lettura è simile. Il sistema operativo chiede al dispositivo di archiviazione dei dati archiviati in determinati posizioni, l'SSD legge quell'informazione e poi è inviato all'host. I computer moderni sono veloci e gli SSD sono rapidi, ma c'è ancora molta latenza nella transazione di archiviazione.

Vedete l'SSD 520 e 525, vicini l'uno all'altro? Notate l'SSD 530 da solo? Il tasso medio di dati e il tempo medio di servizio sono in qualche modo legati? No. E questo è dovuto in larga parte al modo nel quale la velocità media matura, in base al tempo di occupazione. Come risultato, questo dato è fortemente influenzato dall'attività a basse queue depth, e non necessariamente dagli accessi più pesanti. Se un dato sistema non viene usato, quanto importa veramente la velocità dell'SSD? Non così tanto. Ma se si mischiano compiti più impegnativi, è molto più facile distinguere tra unità più veloci e più lente.

L'SSD 530 incappa in un penalty del 7% rispetto all'SSD 520 e all'SSD 525. È attribuibile alla memoria NAND Flash a 20 nanometri? È difficile dirlo con certezza.

Osservate l'SSD 335 e il Vertex 3.20. Entrambi hanno 240 GB di memoria NAND e non sono veloci quanto la piattaforma di riferimento Silicon Motion 128 GB. Battono, tuttavia, il Crucial M500 e il venerabile m4.

L'SSD 520 e il 525 sono ancora una volta vicini, con l'SSD 530 leggermente dietro. Dato il piazzamento dei moderni 840 EVO e M500 da 120 GB, l'SSD 530 di Intel è ancora un serio contendente a 180 GB.