Storage

Intel SSD DC P3700, uno sguardo da vicino

Pagina 3: Intel SSD DC P3700, uno sguardo da vicino

Intel SSD DC P3700, uno sguardo da vicino

L'SSD DC P3700 è un prodotto hardware impressionante. La scheda PCIe x4 (HHHL) è dominata da un grande heatsink. Intel non usa alcun raffreddamento attivo ma si affida al flusso d'aria delle ventole dello chassis per mantenere questa scheda da 25 W sotto la sua soglia termica.

Il drive non è ricoperto solo da un blocco di alluminio. Piuttosto quella che appare un'etichetta decorativa in realtà nasconde una piastra che aiuta a canalizzare l'aria attraverso l'heatsink. Forma un canale che sfrutta il raffreddamento dalla parte frontale a quella posteriore della maggior parte dei server.

Inoltre, c'è davvero un radiatore all'interno. È dedicato al controller e risiede all'interno di un radiatore più grande. L'heatsink più piccolo si estende oltre la parte bassa del radiatore più grande ed è tenuto in loco da una banda in alluminio. Questo permette una pressione maggiore sul processore, incrementando l'efficienza nel trasferimento di calore.

Perché Intel ha lavorato molto sul raffreddamento di questo prodotto? Come molti SSD PCIe e schede RAID, l'SSD DC P3700 assorbe i 25 watt permessi dallo slot PCI Express. La gestione termine è una proprietà però, e ci sono anche modalità a consumi più bassi che vi permettono di usare questo drive in sistemi non equipaggiati con un raffreddamento adeguato.

Rimuovendo l'heatsink potete vedere che la scheda è carica di package NAND – in totale il nostro modello da 800 GB ne ha 36. Ogni package ha memoria NAND MLC a 20 nm Intel HET (High-Endurance Technology). Nella serie SSD DC P3700 questo quantitativo di memoria NAND Flash grezza aggiunge fino al 25% di area di ricambio.

Sul lato controller del PCB, tutti i package NAND e DRAM sono sormontati da pad termici che s'interfacciano con l'heatsink.

L'SSD DC P3700 usa NAND che abbiamo già visto in alcuni prodotti Intel esistenti, ma il controller è completamente nuovo. Un sacco di SSD SATA che abbiamo recensito ha un design a otto canali. Il processore sul P3700 supporta fino a 18 canali e opera a 400 MHz. Naturalmente avete molto più parallelismo, ed è questo uno dei punti di forza di NVMe.

L'unità recensita ospita anche 1,25 GB (256 MB x 5) di memoria DDR3-1600. La disposizione di NAND e DRAM su ambo i lati della scheda è identica. Sono quasi immagini speculari l'uno dell'altro.

La linea di prodotti Intel basata su NVMe ha un altro asso nella manica. Potete acquistare questi SSD per inserirli in uno slot PCI o in uno chassis da 2,5". Probabilmente vi starete chiedendo come collegare un drive da 2,5" che comunica attraverso PCIe, giusto? È qui che entrano in gioco le specifiche del connettore SFF-8639.

La specifica di questo connettore enterprise è dove si sta dirigendo l'industria. Quello che potrebbe non essere totalmente chiaro è che permette a un singolo connettore di supportare gli attuali drive SAS e SATA, e facilitare il signaling PCIe. La porzione inutilizzata del connettore SATA/SAS esponde le linee PCI Express, insieme ai segnali sideband richiesti e le frequenze. Mentre il connettore supporta più interfacce, sta al produttore del sistema esporre il giusto collegamento. Potreste vedere alloggiamenti per drive SFF-8639 limitati a SATA/SAS o PCIe, ad esempio. E non aspettatevi qualcosa di simile su desktop tanto presto. Per il momento è una specifica limitata all'ambito enteprise.

La tabella sopra ci piace perché mostra anche le specifiche del SATA Express, che emerge sempre quando si parla di NVMe e SFF-8639. A differenza di SFF-8639, SATA Express richiede un mux per dire al sistema quale drive sta usando SATA o PCIe per la connettività.

È un peccato che non abbiamo un SSD DC P3700 SFF-8639 da provare. Anche se il form factor dovrebbe offrire le stesse prestazioni della scheda aggiuntiva, le specifiche ambientali sono completamente diverse. Intel afferma che la scheda PCIe può lavorare tra 0 e 55 °C. I modelli da 2,5" sono attestati a una temperatura ambiente tra 0 e 35 °C. La scheda aggiuntiva ha bisogno di 200-300 LFM per raggiungere queste temperature. Raggiungere 35 gradi impone dei requisiti molto seri. Il modello da 2 TB ha bisogno di 650 LFM per esempio. Potrebbe essere un problema dato che la maggior parte dei server posiziona l'archiviazione frontalmente e usa ventole per soffiare aria sulla superficie del dispositivo.