Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

Radeon Image Sharpening, AMD sfida Nvidia DLSS

Radeon Image Sharpening, Contrast Adaptive Sharpening e Anti-Lag. Ecco alcune delle novità e dei concetti introdotti da AMD insieme alle schede video Radeon RX 5700.

Di solito l’arrivo di nuove GPU porta con sé anche nuove soluzioni software e il debutto delle schede video Navi di AMD non fa certo eccezione. I Radeon Software Adrenalin 19.7.1 disponibili al download dal 7 luglio offriranno alcune novità interessanti, a partire da Radeon Image Sharpening (RIS).

Si tratta di una caratteristica esclusiva delle schede RX 5700 e può essere vista come il DLSS in salsa AMD. Solo che secondo l’azienda funziona meglio, molto meglio della soluzione concorrente.

L’obiettivo di Radeon Image Sharpening è tutto nel nome, ossia rendere le immagini più nitide in modo intelligente, con un impatto minimo sulle prestazioni. La nuova tecnologia funziona con tutte le librerie e anche con i vecchi giochi.

Si basa su una tecnica chiama Contrast Adaptive Sharpening (CAS), a cui si aggiunge dell’upscaling opzionale. Il risultato che è con RIS abilitato alcuni elementi della scena appaiono più nitidi e visibili, con una qualità superiore al DLSS di Nvidia. L’impatto prestazionale è nell’ordine dell’1% e RIS è supportato da migliaia di giochi.

Per facilitarne l’adozione e l’integrazione direttamente nei giochi AMD ha creato anche uno strumento open source per gli sviluppatori chiamato FidelityFX che permette loro di implementare il Contrast Adaptive Sharpening nei rispettivi titoli. Laddove non gli sviluppatori decidono altrimenti, c’è appunto Radeon Image Sharpening, attivabile dai driver.

L’altra novità interessante, compatibile con tutte le schede GCN e successive, si chiama Radeon Anti-Lag. Purtroppo al momento è compatibile solo con i giochi DX9 e DX11, su Windows 7 e 10, ma ciò basta per applicarlo a molti giochi competitivi. Anche in questo caso il nome è una garanzia, ovvero anti-lag prova a ridurre il tempo che intercorre tra il click sul mouse e l’azione a schermo.

Secondo AMD andando a lavorare su cicli di rendering di GPU e CPU e introducendo specie negli scenari in cui si è limitati dalla GPU dei “tempi di attesa”, è possibile sincronizzare il lavoro di CPU e GPU e ridurre il tempo di lag mediamente fino al 31%.

I nuovi driver portano inoltre il supporto ad Apple TV e Android TV per Radeon ReLive, in modo da permettere lo streaming dei giochi PC direttamente sulla TV, alcuni miglioramenti per quanto concerne l’usabilità e soprattutto un migliorato Radeon Chill.

Quest’ultima è una funzione regola dinamicamente il frame rate in base ai movimenti rilevati durante il gameplay, in modo da non produrre più fps di quanto necessario e di conseguenza ridurre i consumi e la temperatura della GPU.

Con i nuovi driver la funzione prende coscienza dello schermo e imposta i limiti del frame rate in base al refresh rate del monitor, che sia con frequenza di aggiornamento fissa o variabile. In questo modo, secondo AMD, Radeon Chill fa risparmiare energia 2,5 volte in più rispetto al passato.