Storage

SSD: i segreti del recupero dati, seconda parte

Pagina 2: SSD: i segreti del recupero dati, seconda parte

Le tecnologie proprietarie usate da alcuni SSD rendono il recupero dati più difficile?

Con gli SSD non dobbiamo preoccuparci di motori bloccati o testine fisiche danneggiate, naturalmente, ma gli SSD hanno firmware sofisticati – necessari per gestire con efficienza la memoria flash.

I dati grezzi (raw) archiviati sui chip di memoria flash di un SSD non assomigliano per nulla alle informazioni che rappresentano. Potrebbero essere crittografati, ma oltre a questo c'è l'algoritmo applicato ai dati stessi dal controller, che li manipola e li rende illeggibili per rendere possibile il wear-levelling, la data de-correlation e lo striping.

Se non è possibile usare il controller originale dobbiamo riassemblare i dati dell'utente partendo direttamente dai dati grezzi. Quindi è essenziale prima comprendere completamente gli algoritmi. Il nostro team R&D è incaricato della ricerca sui nuovi algoritmi, e della loro integrazione nei nostro software per il recupero dati.

Può essere una grande sfida perché gli algoritmi sono quasi sempre diversi a seconda del controller. Alcuni produttori di SSD cambiano l'algoritmo persino tra una versione e l'altra del firmware sullo stesso SSD!


Le tecnologie proprietarie usate da alcuni marchi di SSD rendono la riparazione più difficile?

No. La complessità legata al recupero dati da SSD non è propria di un particolare brand ma è da riferirsi alle logiche di funzionamento della tecnologia solid state drive in generale.


Le celle di memoria degli SSD si rovinano con il tempo. In che misura questo fenomeno influenza le possibilità che una riparazione vada a buon fine?

Se la memoria flash non è alimentata per molto tempo i dati si degradano. D'altra parte scritture anche impegnative e prolungate alla lunga rovinano le celle di memoria. In entrambi i casi l'effetto è un graduale aumento degli errori. La perdita di dati avviene comunque solo quando il numero di errori supera la capacità di correzione presente nell'algoritmo del controller (ECC, Error Correction Capability).

La ECC generalmente agisce su piccoli gruppi di dati così l'effetto generale in termini di errori è minimo. Per esempio nei casi in cui la ECC non può recuperare il dato originale il problema potrebbe riguardare generalmente al massimo 16 settori (8.192 byte).

Non abbiamo visto molti casi in cui la degradazione dei dati o delle celle di memoria è l'unica causa o quella principale di una perdita. In generale si ritiene che la memoria flash può conservare i dati per periodi tra i 5 e i 10 anni – dipende dalla tecnologia flash usata.


Un processo di fabbricazione più avanzato e più piccolo influenza la procedura di recupero?

Celle di memorie più piccole, così come l'archiviazione di più di un bit per cella aumenta lo spazio disponibile e riduce i costi di produzione. Questi fattori tuttavia aumentano anche la velocità di degradazione dei dati. L'effetto è un aumento negli errori dei bit, ma non c'è una vera perdita di dati fino a che gli errori non superano il limite che l'algoritmo ECC può gestire.