Tom's Hardware Italia
Storage

Toshiba presenta BG4, SSD NVMe senza DRAM ma dalle ottime prestazioni

Toshiba ha presentato i nuovi SSD BG4, soluzioni NVMe compatte pensati per 2 in 1, ultraportatili e dispositivi IoT. Pur essendo senza DRAM, offrono alte prestazioni grazie alla funzionalità Host Memory Buffer.

Toshiba ha annunciato BG4, una serie di nuovi SSD NVMe caratterizzati da memoria 3D NAND TLC a 96 strati e da un nuovo controller. Sono progettati per avere dimensioni ridotte ed essere inseriti in ultraportatili, 2 in 1 e dispositivi IoT.

I nuovi BG4 arriveranno sul mercato in due form factor: si potrà scegliere tra un M.2 2230 removibile oppure un M.2 1620 non removibile. Anche lo spessore è contenuto, infatti si parla di 1,3 mm per i unità fino a 512 GB e di 1,5 mm per quelle da 1 TB.

Per quanto riguarda invece il controller, questo comunica con l’host tramite il protocollo NVMe 1.3b e usa quattro linee PCIe, il doppio di quelle usate da diversi SSD NVMe mainstream. Le linee aggiuntive garantiscono un throughput in lettura/scrittura di 2250 / 1700 MB/s e un aumento prestazionale superiore al 150% nei carichi casuali (fino a 380mila IOPS in lettura e 190mila IOPS in scrittura).

Anche se le prestazioni sono da SSD dotato di DRAM, sui nuovi BG4 questa non è presente. L’unità usa invece l’NVMe Host Memory Buffer per caricare nella RAM di sistema le tabelle di mappatura dei dati. Toshiba ha migliorato ulteriormente anche la sua implementazione di HMB con più intervalli d’accesso in lettura, una gestione migliorata in background e funzionalità che proteggono da eventuali errori nella RAM dell’host e migliorano l’affidabilità.

Rispetto ai vecchi BG3, i nuovi SSD BG4 garantiscono un consumo energetico il 20% inferiore e uno stato a basso consumo che assorbe solo 5 mW. La capacità va da 128 GB a 1 TB, e alcuni sample di questi SSD sono già in mano agli OEM. I prodotti saranno disponibili nel secondo trimestre e comprenderanno anche le varianti Pyrite (versione 1.0) o crittografata (TCG Opal versione 2.01). Non ci sono dettagli relativi al prezzo, ma Toshiba afferma che sarà tale da competere con quello degli SSD SATA.