Hot topics:
3 minuti

Minori, foto sui social solo col consenso dei due genitori

Foto di minorenni sui social? Solo se entrambi i genitori sono d'accordo, perché rappresenta una potenziale minaccia per i soggetti coinvolti. È questa la sentenza del Tribunale di Mantova su un caso di disaccordo tra genitori separati.

Minori, foto sui social solo col consenso dei due genitori

Postare le foto dei propri figli minorenni su Facebook e altri social: un gesto apparentemente naturale ma che in realtà, come spiegato più volte anche su queste pagine, è carico di rischi per i soggetti coinvolti loro malgrado, spesso solo per soddisfare l'ego del genitore. Ebbene, secondo il Tribunale di Mantova viste le implicazioni, è indispensabile che ci sia l'accordo di entrambi i genitori, altrimenti le immagini andranno rimosse.

La sentenza - storica - è arrivata in merito a una diatriba tra genitori separati. La madre infatti pubblicava le foto dei figli sui social contro il volere del padre, che si è rivolto così al giudice.

pedofilo rete

In realtà la richiesta del padre era molto più articolata e coinvolgeva anche l'accordo sull'affido condiviso, compresa la residenza a casa della madre dei minori coinvolti. Il giudice invece ha sentenziato senza stravolgere il precedente accordo.

Leggi anche: Pubblicare foto di figli minori sui social: profili legali

"L'inserimento di foto di minori sui social network costituisce comportamento potenzialmente pregiudizievole per essi", si legge nel provvedimento, soprattutto a causa della concreta possibilità che le immagini vengano diffuse "fra un numero indeterminato di persone, conosciute e non, le quali possono essere malintenzionate".

Una sentenza inappuntabile, non solo da un punto di vista morale (quanti si preoccupano di utilizzare i filtri che pure diversi social mettono a disposizione invece di lasciare semplicemente le immagini pubbliche?), ma anche giuridico.

Leggi anche: Le foto dei bambini su Facebook piacciono tanto ai pedofili

Il giudice infatti, nell'emettere la sentenza, si è rifatto a tutte le leggi e le direttive più avanzate in materia, come l'articolo 10 del Codice civile in merito della tutela dell'immagine, il decreto legislativo 196 del 2013 sulla tutela della riservatezza dei dati personali, la Convenzione di New York sui diritti dell'infanzia e il Regolamento generale sulla protezione dei dati con cui dal 2018 la commissione europea intende rafforzare e rendere più omogenea la protezione dei dati personali dei propri cittadini.

Leggi anche: Non pubblicate su Facebook le foto dei vostri figli: un Pubblico Ministero svela i rischi

La sentenza insomma fa riferimento a una sfilza di diritti sui quali invece oggi si interrogano davvero in pochi, genitori e non. C'è infatti una diffusa superficialità nella condivisione della propria vita personale, tra l'altro assolutamente trasversale per ceto e istruzione, che molto probabilmente ha a che fare più con una sorta di analfabetismo informatico che con l'ignoranza tout court. Ora non resta che sperare nell'opera dei legislatori che rendano organiche sentenze di questo tipo all'interno di un quadro normativo ancora eccessivamente lacunoso in materia.


Tom's Consiglia
Vuoi ricevere aggiornamenti su #E-Gov?
Iscriviti alla newsletter!