Android

Galaxy S7 utilizzerà un sensore fotografico da soli 12 Mpixel ma di grandi dimensioni?

Non accennano a fermarsi le voci di corridoio sul futuro smartphone top gamma Samsung Galaxy S7, forse perché effettivamente quest'ultimo sarà lanciato già tra pochi mesi, il prossimo gennaio, per poi essere commercializzato il febbraio successivo.

Fatto sta che le voci sulle sue caratteristiche tecniche e il suo aspetto si susseguono senza sosta ed oggi si sono concentrate sulla fotocamera: come sarà infatti quella principale? Nel recente passato si era accennato alla possibilità che il Galaxy S7 adottasse l'ottimo sensore Sony da 21 Mpixel, già visto all'opera nel Motorola Moto X Style e nello stesso Sony Xperia Z5, ma si era parlato anche della possibilità di una soluzione dual camera, anche se su questo punto il colosso coreano sembrerebbe non avere fretta e muoversi molto più cautamente.

Galaxy S7 Concept

Le ultime indiscrezioni invece escludono entrambe le ipotesi e ne riportano una terza: Samsung potrebbe essere interessata ad adottare un sensore di maggiori dimensioni e minor densità, pari cioè a mezzo pollice ma con soli 12 Mpixel, cosa che produrrebbe singoli pixel ben più grandi di quelli da 1.12 o 1.2 micron solitamente utilizzati attualmente in ambito mobile.

Perché? Perché fino ad ora la corsa ai pixel ha portato a diverse mistificazioni nell'ambito, portando gli utenti consumer a confondere pixel e qualità. Ma una maggior risoluzione porta più che altro semplicemente alla possibilità di poter stampare le nostre foto in formati giganti, ma dal momento in cui normalmente non vi serve realizzare cartellonistica pubblicitaria, la qualità dell'immagine dovrebbe essere più importante ed essa non è misurabile unicamente in pixel, anzi al crescere della densità solitamente aumenta anche il rumore, specialmente nelle foto catturate in condizioni di scarsa luminosità ambientale, ma anche di giorno.

samsung galaxy s7 and s7 edge

La strada suggerita da queste indiscrezioni non sarebbe per altro nuova, se non nelle implementazioni almeno nelle intenzioni: già alcuni anni fa con l'HTC One M7 ad esempio l'azienda taiwanese provò a lanciare la tecnologia UltraPixel, basata proprio sull'impiego di sensori con meno pixel ma di dimensioni più grandi, che in teoria dovrebbero far passare molta più luce ma i cui risultati, forse soprattutto a causa di un'ottimizzazione software insufficiente, non ha mai convinto.

Il peso industriale di Samsung comunque è decisamente diverso da quello di HTC e potrebbe consentirgli di esplorare strade simili ma più redditizie, inoltre la tecnologia alla base dovrebbe essere differente, visto che per il Galaxy S7 non si parla di sensori CMOS ma di una nuova tecnologia chiamata dual-PD (dual photodiode).

Insomma le premesse, ammesso che siano vere, sembrano interessanti, ora bisognerà attendere per saggiarne i risultati concreti.