Android

Gli smartphone Galaxy perderanno la loro esclusiva

Un report afferma che il prossimo chipset Exynos 2200, che probabilmente sarà supportato dalla nuova collaborazione con AMD per la parte grafica, non sarà un’esclusiva Samsung ma sarà possibile trovarlo anche su altri smartphone di altri produttori.

Galaxy S22 Mini

Exynos 2200 è un nome provvisorio ma lo usiamo per comodità per identificare il SoC che sarà il cuore pulsante nella prossima famiglia di smartphone Galaxy S22. Si vocifera che sarà Vivo la prima azienda che stringerà un accordo con Samsung per utilizzarlo.

GALAXY S21 PLUS

A riportare queste informazioni è stato un noto leaker su Weibo (il più grande sociale network cinese), aggiungendo che Vivo sarebbe già a buon punto per iniziare ad ingegnerizzare un suo top di gamma con il nuovo SoC. La società cinese non è nuova a questo tipo di collaborazioni, ad esempio negli smartphone orientali di X60 e X60 Pro ci sono SoC Samsung.

Sempre secondo la fonte, il processore entrerà in produzione nel mese di luglio. Il suo sviluppo tuttavia ha subito qualche ritardo, la causa è da ricercarsi in un’ottimizzazione dei consumi non in linea con le ultime tecnologie di efficienza energetica. Addirittura, prima di aver risolto i problemi, consumava quanto lo Snapdragon 810 di 6 anni fa. Decisamente fuori scala per gli standard odierni.

Il boost di AMD permetterà di avere una nuova GPU per la grafica e questa includerà il Ray Tracing anche negli smartphone, facendo degli step in più per “raggiungere” PC e console.

E’ chiaro che questa nuova partnership potrebbe diffondersi a macchia d’olio, come successe ai produttori di smartphone quando iniziarono a far firmare le lenti da aziende che dell’ambito fotografico ne sanno qualcosa. Potremo mai vedere in futuro un SoC Apple con GPU in collaborazione con Nvidia?

Realme 8 Pro è uno degli smartphone migliori del momento. Con una fotocamera da 108 Megapixel e la tecnologia SuperDart che ricarica completamente la batteria in circa 30 minuti, avrete tutto ciò che vi serve.