Tom's Hardware Italia
Android

Project xCloud: Microsoft brevetta un controller per smartphone e tablet

Microsoft sta sperimentando nuovi prototipi di controller Xbox pensati per collegarsi ai lati degli smartphone e tablet.

Microsoft sta sperimentando nuovi prototipi di controller Xbox per smartphone e tablet. Gli accessori sono pensati per collegarsi ai lati dei dispositivi per offrire un’esperienza simile a quella di Nintendo. L’obiettivo dell’azienda è quello di potenziare l’esperienza di gioco mobile con i controlli fisici come si legge in un documento di ricerca di Microsoft scovato da Windows Central. Guardando il brevetto, il primo pensiero va al Project xCloud: la piattaforma di game streaming che permetterà di usufruire dei giochi Xbox direttamente su smartphone e tablet.

L’azienda di Redmond ha sperimentato una serie di possibilità che possano rendere molto più flessibili e meno ingombranti i futuri controller rispetto alle soluzioni già esistenti. Infatti, con Project xCloud sarà necessario collegare via Bluetooth il controller di Xbox One oppure utilizzare i comandi touch che saranno aggiunti dal sistema. Come ben sappiamo, quest’ultimi risultano meno pratici rendendo più complicata la fruizione dei giochi.

È in questo contesto che il brevetto Microsoft risulta estremamente interessante. Dalle immagini diffuse, notiamo che il progetto prevede due accessori separati da poter attaccare ai due lati dello smartphone o del tablet. L’azienda ha pensato, inoltre, di sviluppare tre diverse sezioni attaccabili di dimensioni differenti per l’impugnatura per una migliore ergonomia anche su dispositivi di piccole dimensioni. L’utente – si legge – potrà scegliere la dimensione che preferisce o utilizzare solamente il controller con i comandi di gioco.

Non è detto che il brevetto possa concretizzarsi in un prodotto reale, ma data l’ambizione del Project xCloud sembra un progetto assolutamente coerente che potrebbe essere presentato molto presto. Staremo a vedere!

Il Galaxy S10+ è disponibile in offerta su Amazon. Lo trovate a questo link.