Android

Estetica, schermo e audio


Huawei P20
SoC
Kirin 970
CPU
Octa-Core 2.4 GHz
GPU
Mali-G72
RAM
4 GB
Archiviazione
128 GB
Pagina 2: Estetica, schermo e audio

Estetica

Esteticamente il P20 è praticamente un P20 Pro più piccolo. In effetti non sarebbe facile distinguere un modello dall’altro, a meno di guardare i moduli fotografici (che sono due sul P20 e tre sul P20 Pro) o le dimensioni. Da subito si nota una maniacale cura dei dettagli e un design industriale di altissimo livello; anche nei dettagli più piccoli, come il perfetto allineamento tra la porta USB-C e le griglie laterali (non è una cosa comune purtroppo).

P1011279

Ritroviamo la costruzione in vetro e metallo e il design “tutto schermo”, quindi con cornici laterali pressoché assenti e il notch nella parte superiore dello schermo. Se siete insofferenti a questa scelta non è il telefono che fa per voi, ma per tutti gli altri non sarà un problema. In basso, sulla parte frontale, c’è il lettore di impronte, che si può usare anche per la navigazione in Android – dopo aver attivato l’opzione corrispondente nelle impostazioni.

Leggi anche Recensione Huawei P20 Pro

Dietro stessa superfice in vetro, che purtroppo si sporca davvero molto facilmente. È molto bello da vedere appena preso, ma quando lo si usa tenerlo pulito è impossibile. È anche molto scivoloso, e per questo consigliamo caldamente di usare una custodia. Questo modello ha una certificazione IP53 – dato che tra l’altro non si trova sul sito ufficiale. Anche su questo modello manca la presa jack da 3,5 mm, quindi si potranno usare solo auricolari Bluetooth o USB-C (inclusi nella confezione).

Schermo e Audio

Il P20 ha uno schermo da 5,8″, appena più piccolo rispetto al 6,1″ del P20 Pro, mentre la risoluzione è sempre 2244×1080 pixel (rapporto 18.7:9, dovuto al notch). Una differenza trascurabile, mentre è un po’ più rilevante il fatto che il modello più piccolo usa un pannello IPS LCD, mentre sul Pro troviamo un OLED.

La luminosità massima è simile, intorno ai 430 nits, ma cambia prevedibilmente la resa cromatica. I neri sono un po’ meno profondi e il contrasto massimo non è altrettanto alto. Nell’insieme però è un pannello eccellente, fantastico per godersi immagini e video quanto per leggere. A differenza di prodotti precedenti di Huawei, il P20 ha una certificazione Widevine L3, e permette quindi di vedere Netflix (e altri) alla massima risoluzione.

P1011269

L’audio del singolo altoparlante (doppio sul P20 Pro) ha un volume massimo accettabile ma non altissimo. In compenso il suono è sempre pulito, e in particolare il vocale sempre comprensibile. Lo stesso vale per la capsula telefonica che, insieme a una ricezione impeccabile, aumenta il valore generale di questo prodotto. Ottime anche le prestazioni dei microfoni, che sono riusciti a catturare un audio comprensibile (non molto buono ma si capiva) anche in situazioni estreme con molto rumore di fondo.