Giochi PC

Borderlands 3: Gearbox spiega la sua strategia per i DLC di endgame

Borderlands 3 è stato mostrato in un espanso gameplay il primo maggio. Abbiamo avuto modo di vedere i primi minuti del gioco, uno scontro con un boss in cooperativa, la nave che ci permetterà di viaggiare tra i vari pianeti, senza dimenticare la nostra anteprima del provato avvenuto a Los Angeles. La voglia di Borderlands 3 è tanta e, infatti, gli appassionati non solo pensano al gioco, ma anche al suo endgame e alle sue espansioni.

Tramite Twitter, un fan ha chiesto al CEO di Gearbox Software, Randy Pitchford, se i DLC introdurranno nuovi personaggi giocabili. La risposta è stata: “Attualmente siamo concentrati sul gioco principale, ma penso che potrebbe essere meglio spendere il nostro tempo espandendo ciò che i Cacciatori della Cripta già presenti sanno fare e rendere interessante la loro crescita futura, piuttosto che aggiungerne di nuovi e iniziare da capo con essi. I dati sembrano supportare questa linea.”

Le sue parole non escludono completamente questa possibilità e fanno intuire come i piani per i DLC non siano del tutto definiti, in questo momento, ma pare proprio che la priorità sarà il contenuto già presente. Si tratta inoltre di una scelta che va in controtendenza con quanto avvenuto con i precedenti capitoli.

Vi ricordiamo che Borderlands 3 sarà disponibile a partire dal 13 settembre 2019 su PlayStation 4, Xbox One e PC: quest’ultima versione non sarà pubblicata per i primi sei mesi su Steam, ma sarà disponibile su Epic Games Store e Humble Bundle, dove è già prenotabile. Diteci, cosa ne pensate della scelta di Gearbox Software? Avreste preferito ottenere nuovi personaggi, per giocare l’intera opera in modo differente, oppure è meglio espandere quanto si ha già a disposizione?

Potete prenotare Borderlands 3 in versione console a questo indirizzo.