Giochi PC

Crysis, demo e versione finale: prestazioni a confronto

Pagina 1: Crysis, demo e versione finale: prestazioni a confronto

La dura verità

Crysis è finalmente uscito. Sicuramente non sarete rimasti molto contenti dal vedere come questo gioco sia in grado di trasformare un sistema di fascia alta in una macchina appena sufficiente a supportare l’esosa richiesta di potenza di Crysis. Dopo aver visto i risultati iniziali della demo, ci siamo rincuorati dicendo "Si tratta ancora di codice non ottimizzato", e "probabilmente con la versione finale andrà meglio". Ora non ci sono più scuse. Con il codice finale tra le mani siamo tornati sui nostri sistemi di test e abbiamo effettuato alcune prove, per poi confrontare i numeri ottenuti con quelli della demo. Riguardo la piattaforma di prova, l’unica differenza è la versione aggiornata dei driver Nvidia Forceware.

  • Intel Core 2 Quad 2.66 GHz
  • Windows Vista 32 bit
  • 4 GB of RAM (registers as 2814 MB)
  • 768 MB NVIDIA GeForce 8800 GTX
    • Velocità di clock del core – 576 MHz
    • Velocità di clock degli Shader – 1350 MHz
    • Velocità di clock della memoria – 900 MHz
    • ForceWare 169.09

Abbiamo avviato gli stessi test utilizzati con la demo, registrando numeri praticamente identici e in alcuni casi anche più bassi. Questi risultati sono tutt’altro che quelli sperati. Sapevamo che il cambiamento non sarebbe stato radicale, ma speravamo quantomeno in un piccolo miglioramento.

The Crysis single-player demo and the retail game perform very much the same.
La demo single-player di Crysis e il gioco finale offrono prestazioni molto simili.

Per le nostre prove abbiamo utilizzato il benchmark integrato. Nella sottocartella Bin32 del gioco sono presenti due file batch: Benchmark_CPU.bat e Benchmark_GPU.bat. Tutto quello che dovete fare è configurare Crysis e poi avviare questi file. Il benchmark GPU simula una "passeggiata" su un’isola, e poi restituisce il risultato minimo, medio e massimo dei frame per secondo. È un buon test per la scheda video ma non è quello che ci interessa veramente.

Il benchmark CPU invece è più intensivo, e durante la passeggiata vengono fatti esplodere parti dello scenario con granate e lanciarazzi. È interessante notare che, quando si avvia questo test con i dettagli al minimo e risoluzione di 1024×768, ci sono esplosioni ma l’ambiente e gli oggetti non vengono distrutti. Se volete vedere gli edifici cadere a pezzi, dovete quantomeno impostare il valore della fisica su "medio".

Utilizzando lo strumento di benchmark integrato, impostando la risoluzione a1280x1024, 2x antialiasing, e texture, objects, shader e postprocessing su "alto", con tutto il resto su medio, il sistema non si schioda dai 30 fps. Questo risultato è molto simile a quello ottenuto con la demo.