PlayStation

Final Fantasy VII Intergrade, abbiamo visto l’Episode INTERmission con Yuffie

A distanza di un anno è tornato il momento di rientrare a Midgar. Sebbene la nostra avventura nei panni di Cloud e del gruppo dell’AVALANCHE messo in piedi da Barret ci ha spinto al di fuori delle mura della città, con l’obiettivo di andare a scoprire cosa si nasconde nella nuova versione di Final Fantasy VII adoperata da Tetsuya Nomura e Yoshinori Kitase, a partire dal prossimo 10 giugno con Intergrade sarà il momento di fare un passo indietro per scoprire l’Episode INTERmission. Nei panni di Yuffie Kisaragi andremo a scoprire dei nuovi tasselli della storia che il team di Square-Enix ha voluto mettere in piedi per realizzare un quadro nuovo, che non conoscevamo e che sta tramutando il settimo capitolo della saga ideata da Hironobu Sakaguchi in qualcosa di diverso. Grazie a un hands-off di poco più di dieci minuti siamo riusciti a farci una prima idea di ciò che ci aspetta nei panni di Yuffie.

In missione per conto di Wutai

Il DLC di dedicato alla ninja di Wutai, parte esattamente dopo l’esplosione del Reattore Mako numero 5, avvenuta nel capitolo sette di Final Fantasy VII Remake, ovviamente a opera di Cloud, Tifa e Barret. La collocazione nel tempo e nello spazio dell’avventura che vede protagonista Yuffie era già stata possibile grazie al secondo trailer che era stato distribuito da Square-Enix poche settimane fa: sappiamo anche che da Wutai, oltre alla ladra di materie, arriva anche Sonon, al quale viene affidata la missione di introdursi nel quartier generale della ShinRa e rubare una preziosa Materia. I due ninja sono quindi chiamati a collaborare con una cellulare dell’AVALANCHE che non conoscevamo ancora, con la possibilità, da parte nostra, di poter però controllare esclusivamente Yuffie e mai il suo compagno di ventura, comunque presente in battaglia.

Foto generiche

A differenza di quanto accaduto in Final Fantasy VII Remake, quindi, non sarà possibile effettuare lo switch su un altro personaggio, soprattutto nei momenti in cui era più utile affrontare un nemico volante con Barret oppure curarci con Aeris: stavolta dovremo accontentarci dei colpi di Yuffie e non di Sonon, così come immaginiamo che il game over possa, a questo punto, arrivare con maggior frequenza, data l’impossibilità di resuscitare la ninja prendendo il controllo dell’altro combattente di Wutai. Un aspetto che dovrà essere sicuramente sviscerato in sede di recensione, ma che per adesso ci risulta più che plausibile.

Yuffie da parte sua sarà armata di shuriken, in grado sia di essere scagliata verso i nemici lontani – o contro casse collocate in posti irraggiungibili – o in alternativa anche nel corpo a corpo, confermando che la ninja si è specializzata in entrambe le fasi del combattimento.

L’approccio al battle system si presenta, quindi, molto versatile permettendoci di assaltare i nostri avversari nel modo che riterremo più gradevole ai nostri occhi: con Lancio sarà possibile scagliare lo shuriken contro i nemici più lontani, mentre con Attacco andremo a gestire una serie di combo ravvicinate per stendere i malcapitati o, eventualmente, aumentarne lo stato di stordimento. Tra l’altro, nel caso di lancio, saremo in grado di usare anche il comando di richiamo prima che lo shuriken possa in automatico rientrare alla base, così da sfruttare un secondo colpo di rientro. Da sottolineare anche la presenza della variante “Elemental”, che donerà ai colpi un’affinità legata agli elementi che andranno a infastidire le debolezze dei nostri nemici.

Foto generiche

Combattimenti in combinazione

L’aspetto che ci ha affascinato del video dedicato a Final Fantasy VII INTERmission è sicuramente la cooperazione che Yuffie mette in campo con Sonon, che per quanto non possa essere controllabile, ha una presenza importante sul campo di battaglia. Il suo Limit Break consiste in una lunga sequenza di bastonate, armato di un potente rokushakubo, che infligge un numero di danni ingente sull’avversario. Per quanto riguarda invece quella di Yuffie, la Bloodbath, assisteremo a una scatenata raffica di colpi che genera, nel suo finale, una colonna di fuoco.

Con la pressione poi di L2, attivando quindi la sinergia tra i due combattenti, andremo ad attivare delle abilità che potenzieranno ancora di più gli attacchi base di Yuffie: ogni comando verrà quindi potenziato, andando a creare degli effetti molto più devastanti di quanto avverrebbe usando, ad esempio, Windstorm da soli. Un aspetto che se rapportato alle possibilità che potrebbe creare con Cloud e Barret, o anche Tifa, ci lascia immaginare che nel secondo episodio di Final Fantasy VII ci sarà da divertirsi.

Foto generiche

Infine segnaliamo anche degli aspetti legati all’ambientazione e alla sua esplorazione, con tanto di missioni secondarie da affrontare. La più attesa e sicuramente gradita per il suo ammodernamento, è legata a Fort Condor: il mini-gioco viene riproposto con le medesime meccaniche del gioco originale, ma ovviamente adattato alla grafica di oggi, ripercorrendo quelle che erano le scelte tattiche da compiere già negli anni Novanta. Parliamo di una sfida legata alla difesa del nostro avamposto e al contenimento delle truppe avversarie, andando a posizionare sul terreno le nostre truppe per contrastare l’avversario.

Graficamente molto gradevole non vediamo, sinceramente, l’ora di poterci mettere le mani sopra e gestirlo come ci era capitato di fare con il titolo originale. Per il resto dell’esplorazione, invece, tra i gatti dei vicoli di Midgar e il desiderio di scoprire chi è il misterioso uomo incappucciato che anche Cloud aveva incontrato, la possibilità di gestire le interazioni ambientali dalla distanza grazie agli shuriken di Yuffie ci lascia pensare che in futuro sarà possibile sfruttare queste abilità anche nel gruppo con Cloud.

Foto generiche

Prime considerazioni su Final Fantasy VII INTERmission

L’hands off propostoci da Square-Enix di Final Fantasy VII INTERmission, ci ha dato occasione di vedere anche l’arrivo di Ramuh, altra invocazione che fino a oggi non ci era stata mostrata: spettacolare e solenne nel suo piombare sul campo di battaglia, la sua colonna di fulmini è stata micidiale, soprattutto perché andata a infastidire un avversario robotico che con la corrente elettrica non andava molto d’accordo.

Senza dilungarci ulteriormente su quelli che potrebbero essere i risvolti della trama, soprattutto nel momento in cui Yuffie non sarà più solo una ninja che ruba le Materie al gruppo di mercenari protagonista della vicenda, vi rimandiamo all’inizio di giugno, quando avremo modo di approfondire tutte le dinamiche legate alla vita di Wutai e alla missione che Godo, il temuto boss finale della Pagoda, ha deciso di affidare a sua figlia e al suo allievo Sonon.

Se non lo avete ancora giocato, potete acquistare il pacchetto completo Final Fantasy VII Intergrade direttamente su Amazon.