Giochi PC

Minecraft Java Edition: necessario account Microsoft, ecco da quando

Sono passati ormai sei anni dall’acquisizione di Mojang da parte di Microsoft. Nonostante l’eccessivo tempo trascorso, la versione Java di Minecraft  è rimasta separata da quella che conosciamo come Bedrock Edition, disponibile anche su console, ma ora sembrerebbe che le cose stiano per cambiare. Mojang ha annunciato nelle scorse ore che a partire dall’inizio 2021, tutti coloro che possiedono un account di Minecraft Java Edition dovranno trasferirlo su un account Microsoft, e sarà obbligatorio. Chi non effettuerà il trasferimento perderà tutti i progressi e di conseguenza non potrà più giocare a tale edizione.

Questo dietro front dopo ben sei anni è semplicemente dovuto all’inserimento di aggiornamenti e novità che verranno implementate nel lungo periodo per migliorare l’esperienza di gioco. Tranquilli quindi, tutte le caratteristiche peculiari di Minecraft Java Edition rimarranno così come le avete conosciute, vale a dire che le mod e le skin possono ancora essere creati ed utilizzati.

Tra le nuove aggiunte ci saranno la chat vocale, l’autenticazione a due fattori, la possibilità di invitare o eventualmente bloccare gli utenti e la possibilità di provare in anteprima le novità dei vari aggiornamenti attraverso gli snapshot. brutte notizie sul lato del cross platform, sembrerebbe che sia ancora impossibile tra le due versioni, vedremo se nei prossimi mesi gli sviluppatori decidano di cambiare idea. Se volete giocare ancora con Minecraft Java Edition, ricordatevi di trasferirlo o nell’eventualità creare un account Microsoft per evitare qualsiasi tipo di problema.

Cosa ne pensate di questa notizia? State ancora giocando alla versione Java Edition di Minecraft? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto nella sezione dedicata. Come sempre vi invitiamo a rimanere sintonizzati sulle nostre pagine per informazioni sugli aggiornamenti futuri.

Se siete appassionati del titolo, a questo indirizzo Amazon potete acquistare il peluche del Creeper.