Giochi PC

The Division 2: tantissimi dettagli sull’endgame del gioco Ubisoft

Per quanto Ubisoft avesse dato un’idea dei contenuti in arrivo nel corso del primo anno di The Division 2, ancora non era del tutto chiaro cosa dovessimo aspettarci dall’endgame. Fortunatamente la compagnia francese ha condiviso nuove informazioni in merito.

Ubisoft Massive, sviluppatore del gioco, ha presentato le ultime novità sull’endgame tramite un video di “State of the Game”, che potete vedere qui sotto. Noi abbiamo raccolto le informazioni più importanti e interessanti.

Per iniziare, la campagna principale durerà 40 ore, escludendo le missioni secondarie, le tre Zone Nere e le due modalità PvP incluse. Dopo aver raggiunto il livello trenta e aver liberato una specifica fortezza, si aprirà l’endgame, il quale porterà nuovi nemici (i Black Tusk) che invaderanno la mappa. Nell’endgame si sbloccheranno le specializzazioni.

L’endgame si evolverà in cinque fasi (quattro disponibili al lancio). Le fasi 1, 2 e 3 si sbloccano completando le nuove missioni delle tre fortezze originali del gioco che saranno sotto il controllo dei Black Tusk. Ogni fortezza sarà “difesa” da un paio di missioni e per accedervi bisogna possedere equipaggiamento di un certo livello minimo. È possibile affrontare le fortezze nell’ordine che più si preferisce: una volta liberate, si passa alla fase successiva. Ognuna di essere farà aumentare il livello di difficoltà e aumenterà la qualità del loot disponibile. Liberate tutte le fortezze, si passerà alla quarta fase.

In quest’ultima si dovranno affrontare una serie di Taglie: a differenza di quelle incluse nelle prime sezioni di gioco, queste dovranno essere completate in un ordine specifico e diventeranno via via più complesse, concedendo ovviamente ricompense migliori. Inoltre, nella fase quattro si sbloccherà un nuovo livello di difficoltà, superiore a “Hard”.

La quinta fase, quando sarà disponibile, sarà sbloccabile liberando la fortezza Tidal Basin dei Black Tusk. Più avanti saranno svelate nuove informazioni. Per ora, sappiamo che con l’arrivo del Black Tusk ci saranno vari cambiamenti: ad esempio, se durante la campagna principale la conquista di un punto di controllo è permanente, nell’endgame i Black Tusk cacceranno tutte le fazioni fuori dalle fortezze; a quel punto il giocatore non sarà il solo a tentare di riconquistare le zone, ma anche le fazioni controllate dall’IA combatteranno tra di loro, seguendo una propria linea d’azione.

Raggiunta la fase quattro, i punti di controllo avranno un livello di difficoltà, che partirà da Normale: completando alcuni eventi disponibili nelle vicinanze, aumenterà il livello di difficoltà e, ovviamente, migliorerà la qualità delle ricompense. Inoltre, ripetendo le missioni ci sarà un certo grado di casualità: i nemici appariranno in posizioni diverse, ma Ubisoft Massive afferma di aver lavorato per fare in modo che non ci si ritrovi in situazioni frustranti.

Nel gioco sarà inoltre presente un personaggio che svolge lo stesso ruolo di Xur in Destiny. Si chiamerà Cassie Mendoza e venderà oggetti di alta qualità, cambiando di settimana in settimana. Ci saranno poi 52 boss unici: prima di incontrare nuovamente lo stesso boss, bisognerà liberarsi di tutti quanti; anche in questo caso otterremo loot di alto livello. Infine, Ubisoft Massive includerà delle missioni giornaliere che, una volta attivate, potranno essere scartate o mantenute per il giorno successivo, nel caso nel quale non riusciate a completarle: vi è totale libertà, in questo sistema.

Come potete vedere, quindi, il contenuto non mancherà affatto. Per definire la qualità del gioco dovremo attendere la recensione, ma già ora sembrerebbe che Ubisoft Massime voglia farvi giocare ancora e ancora. Diteci, siete soddisfatti delle premesse?

Potete prenotare The Division 2 a questo indirizzo.