Criptovalute

Le criptovalute? Per Elon Musk non possono più essere annientate, ma solo rallentate dai governi

Elon Musk, CEO di Tesla e SpaceX, ha affermato che il governo degli Stati Uniti non dovrebbe “fare nulla” quando si regola lo spazio crittografico. Parlando di recente alla conferenza Code 2021 a Beverly Hills, il CEO di Tesla e SpaceX Elon Musk ha sostenuto che i governi non dovrebbero cercare di regolamentare le criptovalute.

“Non è possibile, penso, distruggere le criptovalute, ma è possibile per i governi rallentare il suo avanzamento”, ha inoltre affermato durante un’intervista alla CNBC.

Le dichiarazioni di Musk arrivano anche sulla scia delle decisioni della Cina, che ha intensificato la sua repressione sulle criptovalute e sui pool minerari. La scorsa settimana, il governo cinese ha ribadito il divieto di criptovaluta del 2017, condannando ancora una volta le risorse digitali.

A seguito della notizia, almeno due importanti mining pool di Ethereum hanno annunciato che cesseranno le operazioni nel paese. All’inizio di quest’anno, anche i minatori cinesi di criptovalute hanno lasciato il paese dopo che il governo ha represso il settore a maggio.

Musk ha sottolineato che le azioni della Cina nei confronti delle criptovalute potrebbero essere state motivate dalle preoccupazioni per la crescente carenza di elettricità nel Paese. “Parte di esso potrebbe effettivamente essere dovuto alla carenza di elettricità in molte parti della Cina. Gran parte della Cina meridionale in questo momento sta avendo interruzioni di corrente casuali perché la domanda di energia è più alta del previsto”, ha osservato Musk. “Il mining di criptovalute potrebbe avere un ruolo in questo.”

Allo stesso tempo, Musk ha riconosciuto che le criptovalute potrebbero avere anche altre implicazioni politiche e finanziarie a causa di alcune delle loro qualità intrinseche. “Suppongo che la criptovaluta sia fondamentalmente finalizzata a ridurre il potere di un governo centralizzato. A loro non piace”, ha concluso Musk.