Spazio e Scienze

NASA, 14mila dollari per stare a letto 2 mesi e aiutare a comprendere gli effetti della micro gravità

Essere pagati per starsene a letto a leggere libri e guardare film: in pratica il lavoro dei sogni. Sogno che potrà diventare realtà per i 24 volontari che aiuteranno la NASA a comprendere meglio gli effetti della micro-gravità sul corpo umano, trascorrendo 2 mesi in un letto speciale. Per questa attività saranno ricompensati con un assegno da 14mila dollari.

L’ente spaziale statunitense infatti ha bisogno di comprendere meglio alcune dinamiche che potrebbero essere sperimentate dagli astronauti, in previsione di viaggi spaziali più lunghi, ad esempio verso Marte, in particolare per quanto riguarda il sistema muscolare.

È vero che sull’argomento la NASA ha accumulato anni di dati analizzando gli astronauti di ritorno da lunghi periodi trascorsi a bordo della ISS, ma lì la situazione è diversa, perché devono tenersi costantemente in forma in modo da poter effettuare esperimenti scientifici e svolgere molti altri compiti. Durante un ipotetico viaggio da un punto all’altro del Sistema Solare, invece, dovrebbero trascorrere parecchio tempo non solo in assenza di gravità, ma subendo danni dovuti alle radiazioni cosmiche, all’isolamento e a restrizioni dello spazio disponibile.

A parte le facili battute sullo starsene due mesi a letto a non fare nulla ed essere anche pagati, l’esperimento non è di quelli facili. Benché i requisiti minimi siano piuttosto ampi, bisogna essere in buona salute e avere un’età compresa tra 24 e 55 anni. Inoltre i partecipanti non se ne staranno nel letto di casa, ma su un accrocchio progettato dalla NASA.

Anzitutto la posizione sarà leggermente inclinata, coi piedi verso l’alto, per evitare la stagnazione del sangue alle estremità del corpo. In questo modo secondo gli esperti si simulerebbero le condizioni in assenza di gravità, con perdita di massa muscolare e intorpidimento. Inoltre, per tutta la durata dell’esperimento, i volontari dovranno svolgere tutte le proprie attività sdraiati, compreso nutrirsi ed espletare i propri bisogni fisiologici. Metà di loro, infine, sarà sottoposta a “gravità artificiale”, stando cioè su lettini che compiono 30 rotazioni al minuto, nella speranza che ciò riporti il sangue verso le estremità.

Non ultimo, sarà necessario un periodo di “purificazione” di tre mesi prima di poter prendere parte all’esperimento, con 5 giorni di disorientamento che precederanno l’inizio della sperimentazione vera e propria. Una volta trascorsi i 60 giorni saranno necessarie due settimane di rieducazione. Insomma, guadagnare quei 14mila dollari non sarà uno scherzo.

Se intendete andare in viaggio nello Spazio sappiate che dovrete avere una valigia piccolissima. Per non rinunciare ai libri optare per un eBook reader come il Kindle Paperwhite, resistente all’acqua e con il doppio dello spazio di archiviazione.