Spazio e Scienze

Samantha Cristoforetti e l’urlo sulla Soyuz: non c’era un UFO

C'era un UFO vicino alla ISS quando la navicella Soyuz con a bordo Samantha Cristoforetti stava svolgendo la manovra di attracco alla Stazione Spaziale Internazionale? Il tam tam mediatico non accenna a placarsi dopo che sono circolate in Rete le registrazioni audio in cui si sente l'astronauta italiana che "esclama qualcosa ad alta voce" visibilmente presa di sorpresa come poi ha confermato, poi inizia a respirare affannosamente. Dura un attimo, poi il comandante russo ricorda che il canale audio è aperto e invita alla calma: "Tiho, tiho, tiho", ossia "calma, calma, calma".

Gli appassionati di ufologia si sono scatenati e si stanno studiando ogni singolo fotogramma del video ufficiale diffuso dall'ESA, in cui si intravede quello che Cristoforetti definisce di seguito una "fiammata quasi aliena", che appare per un attimo nella parte in alto a destra e sembra sfrecciare verso il basso. Riportiamo il video in questa pagina (concentratevi sulle immagini al minuto 1:20 e sull'audio al 4:34) e lasciamo a voi giudicare. L'astronauta però ha smentito che si trattasse di una visione aliena.

Samantha Cristoforetti sulla ISS

Samantha Cristoforetti sulla ISS

Successivamente infatti Samantha scrive nel suo diario, nella traduzione di AstronautiNews "Mentre mi sono girata per guardare fuori, all'inizio ho guardato indietro e ho visto uno dei pannelli solari della nostra Soyuz. Poi i miei occhi hanno colto qualcosa nella visione periferica. E mentre mi sono girata lentamente, quando mi sono resa conto di ciò che stavo vedendo, sono stata sopraffatta da puro stupore e gioia: la Stazione Spaziale era lì, ma non era solo una vista qualunque. Gli enormi pannelli solari erano inondati da una fiammata di luce arancione, vivida, calda e quasi aliena. Non ho potuto fare a meno di esclamare qualcosa ad alta voce, che potete probabilmente ascoltare nelle registrazioni del nostro attracco, visto che a quel punto eravamo a 'microfono aperto' con il Controllo Missione. Anton me lo ha ricordato e così ho cercato di contenere il mio stupore e tornare al monitoraggio dell'attracco. Quando ho sbirciato ancora più tardi, il bagliore arancione non c’era più".

 

Insomma non era un oggetto volante non identificato, tanto che Cristoforetti sdrammatizza rispondendo a un tweet di Fabio Fazio: "Ufo? Moltissimi e di ogni tipo! Tutti poi prontamente identificati con codice a barre nell'inventario di bordo".

UFO

UFO?