Auto

500 Abarth elettrica: una realtà sempre più vicina

Poche cose sono davvero inevitabili, una di queste è l’avanzare inesorabile del tempo e l’evoluzione del mondo che ne consegue; questa formula non ha risparmiato nemmeno Abarth che, secondo i piani, lancerà a breve la prima 500 vitaminizzata senza però motore termico, totalmente elettrica.

La 500e ha portato una ventata di aria fresca in casa Fiat che dal 2006 portava avanti con minimi cambiamenti il modello tanto amato dagli italiani; escludendo il restyling del 2015 infatti, la 500 ha vissuto per 9 anni senza mai cambiare aspetto e, grazie ad un eccellente design iniziale, non ha mai fatto sentire il peso della sua età.

Il passaggio ad elettrico rappresenta quindi un punto di svolta necessario anche per il marchio dello scorpione che ha sempre avuto l’importante compito di dare un po’ di pepe alla dolce 500, rendendola una vettura desiderata anche da chi possiede auto sportive: era così amata che persino Ferrari ha offerto una versione speciale della 500 Abarth ai loro clienti, la 500 Abarth tributo Ferrari con colorazione Rosso corsa e strisce argento come la Ferrari 430 Scuderia.

Il marchio di fabbrica di Abarth è sempre stato il sound prepotente ed arrogante che, per ovvie ragioni, non potrà essere presente nella versione elettrica; siamo quindi curiosi di vedere come verrà gestito questo aspetto della vettura, importantissimo per darle quel tocco sportivo a cui lo scorpione ci ha abituati.

I vertici dell’azienda, tra cui lo stesso Oliver Francois, hanno confermato l’imminente arrivo della versione pepata della 500e e su internet circolano già alcuni render non ufficiali.

Non vediamo l’ora di avere più informazioni a riguardo ma siamo sicuri che non rimarremo delusi, d’altronde elettrico non può e non deve significare noioso e questo Abarth lo sa bene.
La batteria rimarrà probabilmente la stessa della 500e normale ma la potenza salirà dagli attuali 118 cv fino a 180/200 cv, per permettere alla compatta italiana di raggiungere lo 0-100 tra 6 e 7 secondi.

Il punto di domanda principale rimane, come precedentemente accennato, il timbro acustico del “motore” che persino nella 500e elettrica è decisamente particolare; non vediamo l’ora di sentire cosa si sono inventati in casa Abarth, nell’attesa possiamo solo sognare e sperare che non ne sia stato snaturato il DNA.