Auto

Byton, M-Byte: a breve disponibili le prenotazioni online

La M-Byte sarebbe stata, senza ombra di dubbio, tra i protagonisti assoluti al Salone di Ginevra 2020, se non fosse stato annullato. Tuttavia, come è accaduto con la maggior parte delle case automobilistiche, è stata scelta una strada alternativa, quella del web. Dunque, anche il marchio Byton ha svelato il suo nuovo gioiellino attraverso una conferenza stampa andata in onda su Youtube e l’importate compito è stato affidato ad Andreas Schaaf nonché Chief Custorner Office del noto marchio. La l’azienda cinese nata da poco, come sappiamo, si dedica alla produzione di veicoli elettrici, motivo per il quale non sono mancate alcune considerazioni inerenti al futuro mercato della auto elettriche.

Secondo i dati diffusi da Byton è stato ipotizzato che nel 2025, in questo ambito, ci sarà un aumento delle vendite in Europa pari a circa il 13%. Nel corso del 2020, le auto elettriche vendute dovrebbero essere più di 7.5 milioni e, tra queste, sicuramente ci saranno anche le M-Byte. Inevitabilmente, alcuni “accorgimenti” incrementeranno la vendita della nuova auto elettrica del marchio cinese, ad esempio le 200 mila colonnine per la ricarica che verranno realizzate, per tutti i clienti che sceglieranno il marchio, da poter utilizzare liberamente. Sino ad ora, la casa automobilistica cinese ha già ricevuto circa 65 mila prenotazioni per l’acquisto della nuova M-Byte, di queste ben 25 mila sono state richieste in Europa.

Ebbene, a partire dalla metà del 2020 i clienti potranno – attraverso le prenotazioni online – ordinare la nuova auto elettrica pagando un acconto pari alla cifra di 500 euro. Il nuovo gioiellino del marchio Byton sarà disponibile sul mercato in due differenti varianti, con batterie agli ioni di litio da 72 e 95 kWh la cui trazione potrà essere posteriore oppure integrale ed avranno una potenza che varia dai 272 ai 408 CV. Per quanto riguarda invece il prezzo, la Byton M-Byte avrà un costo base di 45.000 euro + Iva. L’azienda cinese, grazie a nuove partnership, avrà la possibilità di ampliare il suo mercato anche in molti Paesi europei. Infatti, il primo lancio della nuova auto avverrà tra Norvegia, Svezia, Francia, Svizzera, Paesi Bassi e Germania. Invece, in Italia, arriverà nei mesi successivi.