Auto

Foto spia della Range Rover LWB: emergono alcuni particolari

La nuova generazione dell’attesissima Range Rover è stata immortalata da alcune foto spia vicino al circuito di Nurburgring, mentre effettuava i test di collaudo. In attesa di vederlo sul mercato – il cui lancio è previsto nel 2021 – il nuovo SUV del marchio Land Rover si mostra in una visibile veste “allungata”. Infatti, le immagini hanno ripreso il prototipo della vettura, minuziosamente camuffata per evitare di mettere in luce – prima del tempo – qualche dettaglio degli esterni, mentre si aggirava in strada, motivo per il quale è stato possibile individuare alcuni particolari molto interessanti.

Tra i dettagli che catturano immediatamente l’attenzione, vi è sicuramente il design decisamente nuovo ed elegante che caratterizza le linee dei fari anteriori e dei fanali. Questa caratteristica nasce, come è facile intuire, sulla base dello stile della Range Rover Velar. Dunque, le foto spia che ritraggono la nuova Range Rover LWB mostrano gruppi ottici anteriori leggermente differenti rispetto a quelli – visti nel corso dei mesi durante la fase dei test – di altri muletti di prova di Range Rover. La nuova auto del marchio, da questo punto di vista, avrà una configurazione tutta nuova. Infatti, il compito di fungere anche da indicatori di direzione spetterà alle luci di marcia diurna e ai LED.

Le foto spia che mostrano la parte posteriore della Range Rover LWB evidenziano la presenza di quattro terminali di scarico, particolare che sottolinea la presenza di un motore V8. Tra le altre peculiarità, è importante evidenziare la presenza del sistema di sterzatata integrale delle ruote posteriori, grazie al quale sarà garantita una migliore manovrabilità dell’auto a basse velocità e, nello stesso tempo, una migliore stabilità a velocità molto più elevate.

La piattaforma modulare MLA

Alla base della nuova Range Rover ci sarà la piattaforma modulare MLA di Jaguar Land Rover, la stessa che verrà impiegata anche per la nuova Range Rover Sport e Jaguar XJ. La nuova piattaforma, grazie ad un più ampio utilizzo di alluminio, garantisce un peso inferiore rispetto al modello precedente, oltre ad offrire la possibilità di presentare sul mercato la nuova Range Rover sia con motorizzazione mild-hybrid, che plug-in hybrid e anche 100% elettrica.