Auto

La Tesla economica da 20mila euro arriverà entro l’anno

Da ormai diversi mesi si vocifera del possibile arrivo di una variante più economica delle attuali Model 3 e Model Y, in grado quindi di risultare più appetibile dagli amanti del settore green del mercato. Progettata e prodotta in Cina, la futura Model 2 potrebbe arrivare già nel corso dei prossimi mesi.

A confermarlo è proprio la casa cinese Sina Motors, che suggerisce che la produzione da parte di Palo Alto potrebbe essere molto più avanti del previsto e di quanto ipotizzato sino ad oggi. Tra i desideri di Musk, ci sarebbe infatti l’intenzione di effettuare i primi test su strada entro e non oltre la fine del 2021. Si tratta di una svolta importante, in quanto la precedente previsione suggeriva un debutto commerciale successivo addirittura alla Tesla Roadster, attesa quest’ultima per il 2022-2023.

La baby Tesla potrebbe quindi debuttare al Salone dell’Auto di Guangzhou, un appuntamento che ha raccolto nel corso degli anni numerosi consensi da parte dei costruttori più famosi di fama mondiale. Organizzata ogni due anni, la manifestazione si focalizza principalmente sulle vetture elettriche e dotate di alimentazioni alternative.

Tesla, al momento, mantiene il massimo riserbo sul progetto. Model 2, se così dovesse chiamarsi, sarà la prima Tesla non disegnata da Franz Von Holzhausen, lo storico designer della casa di Palo Alto. È lecito quindi aspettarsi delle forme e proporzioni completamente differenti, tali da segnare un nuovo stile per Tesla. La vettura seguirà maggiormente gli stilemi cinesi così da essere più appetibile per il mercato di produzione.

Secondo Sina Motors, la Model 2 adotterà la medesima piattaforma della Model 3, anche per una questione di economie di scala. Considerato il periodo di lancio, è probabile che la vettura adotti le batterie composte dalle nuove celle 4680 presentate nel Battery Day; si tratta di celle frutto della ricerca sfrenata di Tesla, capaci di consentire un risparmio sull’intero processo produttivo di oltre il 50%. Rispetto alle attuali celle 2170, sviluppate da Panasonic, la densità energetica dovrebbe essere cinque volte superiore e quindi con un’autonomia maggiore del 16%.

Un’eventuale Tesla economica potrebbe essere un vero game-changer per il mercato più entry-level, attualmente popolato di piccole utilitarie sviluppate quasi principalmente su pianali e vetture endotermiche.