Ibride e Elettriche

Tesla Model 3 cinese vs americana: qual è migliore?

Da quanto Tesla ha avviato la produzione delle Model 3 nella Gigafactory di Shangai ci sono state numerose segnalazioni riguardanti la qualità costruttiva, la cura negli accoppiamenti dei materiali e la disponibilità di alcune particolari funzioni. Le vetture prodotte in Cina sono davvero così tanto diverse da quelle assemblate nello stabilimento di Fremont?

La qualità costruttiva del noto marchio di Palo Alto è stata messa in discussione in diverse occasioni, sia dai possessori sia dagli esperti del settore, evidenziando le particolari incongruenze spesso presenti in alcuni veicoli. La problematica non rappresenta la totalità delle vetture prodotte, ma solo alcuni esemplari che sembrano essere assemblati con una cura sottotono. La casa automobilistica ha chiarito che i veicoli costruiti in Cina beneficeranno di uno standard qualitativo superiore rispetto a quello evidenziato da altri marchi presenti nel territorio asiatico. Una dichiarazione di un certo spessore che tuttavia lascia spazio ad ulteriori pettegolezzi, in quanto la qualità costruttiva dei produttori di auto cinesi non è minimante vicina a quella americana e soprattutto a quella europea.

Come evidenziato da diversi youtuber ed appassionati del settore, le Tesla non sono delle vere e proprie vetture di lusso pertanto è normale che non presentino la medesima qualità costruttiva di Mercedes Benz, BMW e Volvo. A confermare questa teoria ci ha pensato Tesla stessa in più occasioni, andando a migliorare gli aspetti più concreti delle proprie vetture (come prestazioni ed autonomia) ed ignorando quasi completamente i fattori più presi di mira. La recente produzione in Cina ha suscitato diverse curiosità a riguardo; ma cosa cambia rispetto alla variante americana?

Stando a quanto riportato da RSymons RSEV, su YouTube, le principali differenze tra le due versioni riguarderebbero il design interno delle portiere, la morbidezza dei tappetini, la rumorosità del portellone elettroattuato e infine le vie di fuga tra un pannello e l’altro. Tutti aspetti indicati come lievemente superiori nella nuova variante cinese. Si tratta di un risultato interessante che ha creato su Reddit qualche perplessità in quanto tutti i possessori vorrebbero poter beneficiare della medesima qualità costruttiva.

Fermo restando che nessun produttore è obbligato a promuovere la stessa precisa vettura in tutto il mondo, siamo convinti che le nuove aggiunte dovrebbero venir integrate e proposte anche nelle varianti non cinesi. Trovate corretta la decisione presa da Tesla oppure ritenete il comportamento scorretto?

Di seguito vi proponiamo il più che dettagliato video di RSymons: