Auto

Toyota: SUV elettrico in arrivo e nuova Fuel Cell ad idrogeno

Il colosso nipponico Toyota ha annunciato che nei prossimi mesi rilascerà un’anteprima di un possibile SUV elettrico sviluppato appositamente per il mercato Europeo; la vettura sarà basata sulla piattaforma e-TNGA, un’architettura adattabile dotata di alcuni elementi fissi mentre la maggior parte risulta totalmente modificabile al fine di poter sviluppare veicoli molto diversi tra loro condividendo una base comune, abbattendo i costi di sviluppo.

La piattaforma e-TNGA permette varie configurazioni di trazione, andando dalla classica anteriore alla sicurissima trazione 4×4 ed offrendo persino la possibilità di avere la trazione caratteristica della auto sportive, la posteriore; Toyota afferma che il primo modello basato su questa piattaforma è stato ultimato ed è in procinto di essere messo in produzione in Giappone, aggiungendo anche che il marchio è pronto per il prossimo passo nel mondo elettrico presentando un nuovo SUV di media dimensione.

Presentando questa nuova vettura specificatamente per l’Europa, Toyota fa intendere che l’obiettivo sia quello di portare al minimo le sanzioni imposte dall’unione Europea riguardo la vendita di auto a motore termico; queste sanzioni possono essere infatti ridotte o addirittura annullate se vengono vendute un numero adeguato di vetture EV oppure tramite l’acquisto di crediti da altre aziende come Tesla.

Il giorno seguente all’annuncio del “futuro SUV” , Toyota ha annunciato un upgrade dell’incredibile Fuel Cell ad idrogeno capace di un incremento del 30% di autonomia rispetto alla versione precedente, garantendo 800 km di autonomia totale; questa nuova tecnologia sarà montata sulla Mirai, vettura di punta che ora sarà dotata anche di parcheggio automatico. Il prezzo è di 5 milioni di yen, ovvero circa 48.000 dollari statunitensi contando 10.000 dollari di incentivi governativi giapponesi.

A fine settembre Toyota ha comunicato di aver venduto circa 11.000 unità della prima generazione di Mirai in 6 anni; l’obiettivo della società è quello di aumentare la produzione del reparto Green partendo dai veicoli pesanti – chiamati FCV – arrivando a decuplicare la produzione attuale che è di 3.000 unità / annue