Reseller

Microsoft lancia Office 365 Home Premium e lo trasforma in servizio cloud

Cambia la tecnologia e cambia l'approccio e le modalità di utilizzo degli utenti, a partire dal consumer, con riflessi che arrivano anche in ambito business. Cambia, di conseguenza anche uno dei pacchetti tra i più popolari. Microsoft Office si trasforma così da scatola a servizio 'in the cloud', fruibile in modalità abbonamento a cadenza annuale. 

Vieri Chiti, direttore della divisione Office in Microsoft Italia

"Office è un prodotto che vanta ormai una storia di 25 anni e che viene utilizzato da oltre un miliardo di persone nel mondo – commenta Vieri Chiti, direttore della divisione Office in Microsoft Italia. Un prodotto sempre al passo con le esigenze degli utenti che ora si adatta alle nuove tendenze, che richiedono modalità differenti di comunicare e di condividere. Nuove tendenze dettate dal mondo privato ma che attraverso la consumerizzazione, la proliferazione dei device, l'utilizzo di device multipli e la condivisione spinta delle informazione, anche attraverso strumenti Social, stanno via via influenzando anche l'ambito aziendale". 

Un miliardo di smartphone nel mondo, 125 milioni di tablet, con il 50% delle persone che posseggono almeno 3 device, 1 miliardo di utenti Facebook e il 25% circa delle chiamate internazionali che vengono effettuate via Skype. Questi i numeri che Chiti porta a suffragare il cambiamento in atto e a giustificare la necessità di un adeguamento dell'offerta. "Il nuovo modello di Office oggi si basa fondamentalmente su 3 elementi: quello personale, di libertà e di totale apertura – continua Chiti -. Personale perché Office 365 è legato al profilo dell'utente e non al device d'utilizzo, essendo fruibile quindi anche da dispositivi pubblici e non propri. Libertà è invece in riferimento al fatto di poterlo utilizzare da device multipli, riproducendo un'esperienza uniforme di visualizzazione e utilizzo, che sia touch, col pennino o con tastiera. E poi, dicevamo, è aperto, nel senso che è nativamente predisposto alla condivisione e alla collaborazione, grazie alle funzionalità di istant messaging, Skype, chiamete VoIP, scambio di file e quant'altro, senza bisogno di uscire dal profilo utente". 

L'abbonamento a Office 365 Home Premium ha un costo di 99 euro l'anno, comprendenti 20 Giga di cloud storage su SkyDrive e di 60 minuti di chiamate Skype, e l'utilizzo è possibile su 5 differenti device. Una versione indirizzata alle PMI, Office 365 Professional, sarà presentata il 27 di febbraio, e poi, il 6 marzo, Microsoft organizzerà un evento di lancio insieme ai propri partner di canale. "Un canale che risulterà ancor più coinvolto – rassicura Chiti -, sia nella vendita dell'abbonamento, sia per quanto riguarda i rinnovi. I partner mantengono per Microsoft un'importanza primaria, sia nella proposizione del prodotto, sia nel posizionamento secondo le esigenze del cliente sia, ancora, nella verticalizzazione, aggiungendoci contenuti e valore aggiunto, oltre a un importante contributo nei servizi di assistenza". In contemporanea con l'edizione Home Premium, Microsoft ha lanciato anche Office 365 University, indirizzato agli studenti e ai docenti, proposto in abbonamento quadriennale al costo di 76 euro.