Cinema e Serie TV

La Ruota del Tempo: salvare il mondo o distruggerlo?

Dopo anni di voci e speranze infrante, una delle saghe fantasy letterarie di maggior successo si appresta a conquistare il mondo dell’entertainment, con una serie televisiva realizzata da Amazon Prime Video. La Ruota del Tempo (The Wheel of Time) è considerata una delle migliori interpretazioni moderne del fantasy letterario, che pur mantenendo alcuni paletti tipici del genere si presenta come uno dei più riusciti tentativi di mostrare un mondo fantasy differente dalla classica impostazione tolkeniana. Non a caso, Robert Jordan, autore della saga, si apprestò a realizzare il suo ciclo fantasy a inizio anni ’80, periodo in cui il fantasy, ancora poco diffuso rispetto a oggi, iniziava a battere nuove strade cercando di diversificarsi dall’impostazione tipica de Il Signore degli Anelli.

La Ruota del Tempo

La poesia e la sottile critica di Tolkien, ben presente ne Il Signore degli Anelli, erano comunque divenuti un tratto che i grandi autori fantasy avevano recepito e assimilato, rendendo questi due elementi parte della nuova dinamica narrativa del fantasy dei primi anni ’80. Dal Ciclo di Shannara sino alle Cronache della Compagnia Nera, la lezione di Tolkien diventa una meccanica sempre presente, che unisce l’avventura a una presenza morale e critica che non manca di farsi sentire, per quanto mascherata dietro eventi fantastici e figure mitologiche. A dare maggior concretezza a questa tendenza, nel caso de La Ruota del Tempo, è anche il passato di Jordan.

Per iscrivervi al servizio di streaming Amazon Prime Video, sfruttando anche i 30 giorni di prova, potete utilizzare questo link.

Le origini de La Ruota del Tempo

Prima di essere uno scrittore fantasy, Robert Jordan era James Oliver Rigney Jr. Nato nel 1948, il giovane James come molti suoi coetanei servì sotto le armi in Vietnam, come addetto alle armi a bordo di elicotteri. Una carriera militare che lo portò a distinguersi e ricevere diverse onorificenze, ma che si concluse al termine della guerra del Vietnam. Tornato in America, Rigney Jr. si laureò in fisica, diventando un fisico nucleare per la Marina. La sua passione per la scrittura, però, non tardò a farsi sentire, e già nel 1977 iniziò a produrre i suoi primi lavori con lo pseudonimo di Robert Jordan.

jordan

In un primo momento, Jordan collaborò con la Tor Books scrivendo racconti di Conan il barbaro, tra cui anche la trasposizione letteraria di Conan il Distruttore. Dopo aver riscosso un discreto successo, Jordan decise di proporre alla casa editrice una propria creazione, una serie fantasy moderna e che sembrò raccogliere il favore dell’editor di Tor Books, Tom Doherty, che aveva però identificato un difetto nella produzione di Jordan: gli eccessivi tempi di lavorazione. Motivo per cui, nell’accettare l’idea dello scrittore, Doherty impose come condizione un massimo dei sei volumi, conscio che i tempi di Jordan sarebbero stati un problema.

Nelle idee iniziali di Jordan, il suo ciclo fantasy avrebbe dovuto tematiche a lui molto care. Appassionato di storia, Jordan, nella sua opera di world building, si affidò allo studio di elementi folkloristici del nord Europa e del Medio Oriente, unendoli a concetti filosofici tipici di queste culture. Dalle tradizioni orientali, specialmente da buddismo e induismo, mutuò il concetto di tempo ciclico e di reincarnazione, che sono al centro del cuore narrativo de La Ruota del Tempo. Principi non facili da gestire e che nella stesura del primo libro presentarono non poche difficoltà per Jordan, che non aveva ancora chiaro come avviare la sua saga.

La sua prima idea era quella di avere un protagonista maturo, che in tarda età scopriva di essere l’eletto, colui che avrebbe salvato il mondo. Per quanto innovativo, questo incipit non convinse Jordan, considerato come tutti i successi fantasy precedenti avevano come protagonisti adolescenti o giovani uomini, scelta fatta per simboleggiare sia il passaggio all’età adulta che il creare un’empatia con i lettori teen ager, all’epoca considerati come il target di riferimento del genere. Seguendo quindi l’esempio della scuola tolkeniana, per il suo viaggio dell’eroe Jordan ripiega dunque su un giovane di un piccolo villaggio in una terra lontana dal mondo, rendendolo il suo protagonista. Trovata questa chiave di lettura, per Jordan divenne improvvisamente facile proseguire nella stesura di quello che divenne L’Occhio del Mondo (The Eye of the World), il primo romanzo del suo ciclo, che uscì nelle librerie americane nel gennaio del 1990.

La Ruota del Tempo

Dopo aver letto il manoscritto di Jordan, Tom Doherty rimase così colpito dal mondo creato dal romanziere che decise di investire con generosità nella promozione del libro, considerandolo il nuovo Il Signore degli Anelli. Come mossa promozionale, la Tor Books inviò in centinaia di librerie delle copie omaggio per generare interesse, una scelta che si rivelò vincente, tanto che le copie de L’Occhio del Mondo andarono a ruba, ottenendo ancora maggior successo con l’uscita del secondo libro, La Grande Caccia (The Great Hunt), che si collocò negli scaffali delle librerie solo otto mesi dopo l’uscita del primo capitolo della saga. Un esordio incredibile che proiettò subito La Ruota nel Tempo nel novero delle grandi saghe fantasy letterarie.

Per non deludere i suoi fan, Jordan si impose un ritmo di scrittura massacrante, con l’obiettivo di portare in libreria un capitolo all’anno. Impegno mantenuto sino a La Corona di Spade (A Crown of Swords), settimo volume della saga, dopo il quale passò a un regime produttivo più agevole, in modo da pubblicare un volume ogni due anni. L’iniziale progetto di Doherty di concludere la saga con sei capitoli venne meno quasi subito, visto che la visione di Jordan era talmente ampia che infine La Ruota del Tempo arrivò a contare ben quattordici volumi. A prolungare il ciclo fu la volontà di Jordan di non limitarsi a raccontare il punto di vista del suo protagonista, Rand al’Thor, ma di dare a tutti gli attori principali di questa avventura un giusto spazio, cambiando quindi i punti di vista e guidando il lettore in un viaggio attraverso l’intero continente in cui si svolgono i fatti raccontati.

The Wheel of Time

Sfortunatamente, Robert Jordan non è riuscito a terminare la sua saga. A causa di una grave malattia, il romanziere è deceduto nel 2007. L’ultimo volume interamente scritto da Jordan è l’undicesimo, La Lama dei Sogni (A Knife of Dreams), lasciando quindi incompiuta la saga, privando i lettori del finale. Harriet McDougal, moglie di Jordan e sua editor in Tor Books, decise di utilizzare gli appunti del marito per terminare La Ruota del Tempo, avvalendosi dell’aiuto di uno dei giovani autori fantasy del nuovo millennio: Brandon Sanderson. Il prolifico autore di Mistborn e Le Cronache della Folgoluce ha quindi portato a compimento il lavoro di Jordan, ultimando Presagi di Tempesta (The Gathering Storm), Le Torri di Mezzanotte (The Towers of Midnight) e Memoria di Luce (A Memory of Light). Questi ultimi tre capitoli erano stati in realtà concepiti come un tutt’uno, ma a causa di alcuni eventi particolarmente complessi e con la necessità di terminare alcune linee narrative incompiute, si decise di dividerlo in tre volumi.

La Ruota del Tempo gira e le Epoche si susseguono

Agli inizi del tempo, il Creatore affrontò Shaitan, creatura malevola che intendeva dominare l’intero creato. Suo obiettivo era impossessarsi della Ruota del Tempo, che il Creatore aveva realizzato strumento per realizzare il Disegno delle Ere, una trama di eventi di cui le vite degli uomini sono i fondamenti. I sette raggi che compongono la Ruota rappresentano sette epoche, e la sua rotazione è data dall’Unico Potere (o Vera Fonte), potere magico diviso in due parti, saidin (potere maschile) e saidan (potere femminile), il cui contrasto genera il movimento della Ruota. Gli uomini e le donne capaci di attingere alla fonte sono in gradi di incanalare il Vero Potere e utilizzarlo per compiere incantesimi.

Tuttavia Shaitan, nel corso dei millenni, è riuscito a indebolire i limiti della sua prigione, minacciando la sicurezza della Ruota del Tempo. Avvalendosi di personaggi dal cuore oscuro, il Tenebroso è in grado di ordire trame malevole, con l’obiettivo di fermare la Ruota o addirittura distruggerla. Per impedire la realizzazione dei piani di Shaitan, la Ruota ha quindi creato il Drago, incarnazione del Vero Potere che periodicamente viene inviato nel mondo per contrastate il Tenebroso, causando la distruzione del mondo stesso e dando vita a una nuova era. Per contrastare Shaitan, il Drago Rinato attinge a saidin, ma durante l’ultimo scontro tra i due, Lewis Therin Thalamon, il Drago di quell’epoca, non riuscì a imprigionare in tempo il Tenebroso, che ebbe modo di contaminare saidin con il suo potere, con la conseguenza che chiunque lo incanali perda la ragione.

ruota del tempo

Sono passati tremila anni dall’ultimo scontro tra Shaitan e il Drago, e la Ruota del Tempo ha nuovamente bisogno di un campione per fermare i piani del Tenebroso. Questo compito spetta al giovane Rand al’Thor, un allevatore di una terra remota e lontana dai grandi eventi del mondo, che improvvisamente scopre di essere il Drago Rinato, colui che è destinato a salvare il mondo o distruggerlo. A sostenerlo in questa sua lotta ci saranno i suoi eterni compagni di avventure, Mathrim Cauthon e Perrin Aybara, e le due sapienti del suo villaggio, Nynaeve al’Meara e Egwene al’Vere.

L’avventura di Rand inizia quando durante una festa del raccolto arrivano nel suo villaggio la misteriosa Moiraine Sedai, maga pare delle Aes Sedai, potenti streghe che attingendo a saidan possono incanalare il Vero Potere. Durante i festeggiamenti, il villaggio viene attaccato dai trolloc, creature abominevoli al servizio del Tenebroso, che intendono catturare e uccidere il Drago Rinato. Da questo scontro, Rand e i suoi amici scoprono come il mondo sia in procinto di affrontare una nuova guerra con Shaitan, e il ruolo di Rand sarà centrale.

Il mondo de La Ruota del Tempo

Nel dare vita a La Ruota del Tempo, Robert Jordan ha compiuto una delle più mirabili opere di world building della letteratura fantasy. Scopo dell’autore non era solo raccontare una grande avventura, ma anche ambientarla in un contesto sociale variegato e credibile, in cui le pulsioni umane e le angosce trovassero piena vitalità. Il ruolo di Rand, infatti, non è quello dell’eroe tradizionale, ma viene declinato in una chiave differente, considerato come il Drago Rinato, dopo l’avvelenamento di saidin, non è più visto come una benedizione, bensì come un potenziale rischio, dato che la pazzia che ne deriverebbe potrebbe essere la fine del mondo stesso. Da questo principio, Jordan sviluppa l’importanza delle Aes Sedai, le detentrici del Vero Potere tramite saidan, e il divieto agli uomini di incanalare, pena la morte.

Contrariamente ad altre opere fantasy moderne, in La Ruota del Tempo non viene mai nominato il nome di questo mondo, ma sono invece ben caratterizzati i diversi imperi in cui è suddiviso. Jordan sembra ispirarsi all’Europa medievale, offrendo a ogni stato una connotazione simile ai tratti tipici di grandi nazioni europee del periodo, dall’Inghilterra elisabettiana alla cultura ottomana, introducendo anche elementi orientali, come i Seanchan che sembrano mostrare tratti tipici della cultura giapponese medioevale. Questi regni condividono la stessa lingua, ma sono divisi da antichi rancori che affondano le proprie radici nei contrasti dell’Era precedente, di cui non si ha un ricordo univoco, ma diverse interpretazioni, ovviamente differenti da nazione a nazione.

Al di fuori di questa suddivisione geografia vivono diversi popoli, con cui i protagonisti della saga entreranno in contatto, coinvolgendoli nei loro scontri.

In primis, gli Aiel, popolo nomade del deserto, che avranno un ruolo centrale nelle dinamiche personali di Rand. Fieri, letali e inarrestabili, gli Aiel in passato hanno oltrepassato la Dorsale del Mondo, catena montuosa che separa il continente dal deserto noto come Terra delle Tre Piegature, invadendo ciò che loro chiamano Terre Bagnate, in una guerra in cui ha combattuto anche il padre di Rand. Questo popolo del deserto vive secondo un concetto di onore e obbligo, che regola ogni loro rapporto, chiamato Ji’e’toh. Il ruolo delle donne nella società Aiel è paritario a quello degli uomini-

Dal mare, invece, arriva gli Atha’an Miere, o Popolo del Mare, una popolazione che vive di commercio e che ha costruito una società basata su una sorta di culto del mare. Centrali in questa cultura la presenza di donne capaci di incanalare il potere per garantire viaggi sicuri, le Cercavento. Sono una società fortemente matriarcale.

Sempre dal mare arriva una minaccia per il continente, ossia i Seanchan. Questo popolo basato sul modello del Giappone feudale è intenzionato a soggiogare tutte le nazioni, giacchè si considerano gli eredi di Arthur Hawkwing, leggendario eroe che abbandonò il continente per esplorare le grandi distese oceaniche.

Esistono, però, due autorità che non sono limitati dai confini nazionali.

Le Aes Sedai, nell’era in cui è ambientata La Ruota del Tempo, sono streghe che incanalano saidan, uniche autorizzate a utilizzare il vero Potere. Dalla loro Torre Bianca a Tar Valon, esercitano una sottile ma adamantina influenza sui diversi regni, che spesso si avvalgono di una Aes Seadi come consigliera dei reggenti. Accompagnata dai Custodi, combattenti altamente addestrati che svolgono il ruolo di guardie del corpo, le Aes Sedai sono divise in clan chiamati Ajah, che si affidano a diversi compiti all’interno dell’organizzazione. Lo scopo principale delle Aes Sedai è la ricerca del Drago Rinato, per impedire che la sua follia distrugga il mondo e per guidarlo nello scontro con Shaitna. All’insaputa delle stesse Aes Sedai, esiste un gruppo di traditrici che servono segretamente il Tenebroso, lavorando come spie e riunendosi nella cosidetta Ajah Nera.

In contrapposizione alle Aes Sedai operano i Figli della Luce, una setta monastico-guerriera prettamente maschile che ricorda gli ordini monastici combattenti. Organizzanti in una rigida gerarchia che ricorda i Templari, i Figli della Luce hanno base nel Regno di Amadicia, da cui si muovono nel resto del continente portando il loro credo, che prevede la totale astensione dall’incanalare, motivo che porta a non pochi contrasti con Tar Valon, animati da questo fervente credo, i Figli della Luce sono pronti a combattere contro intere nazioni, supportati da un esercito altamente addestrato e da fedeli zeloti sparsi in ogni regno.

Le influenze della La Ruota del Tempo

Pur muovendosi in un contesto fantasy personale e appassionante, Jordan mostra in alcune sue idee di aver subito alcune influenze. La passione per la storia dell’autore si fa sentire nella sua opera di world building, che ha portato Jordan a concepire un continente che ricorda l’Europa feudale, divisa tra regni differenti in un costante equilibrio di fragili alleanze, in cui ogni nazione si ispira, come stile architettonico e dinamiche sociali, a storici imperi europei, come l’Inghilterra elisabettiana.

Dal punto visto filosofico, i concetti di dualismo e della ciclicità della storia sembrano appellarsi a dottrine orientali, come il buddismo e taoismo, che hanno questi concetti come elementi centrali. Anche il concetto di Ji’e’toh degli Aiel sembra richiamarsi al karma, considerato come questo equilibrio tra azioni probe e torti, anche involontari, da sanare sia al centro di questa cultura tribale.

ruota del tempo

Sempre in riferimento agli Aiel, è difficile non rivedere nella loro caratterizzazione un debito creativo di Jordan verso Frank Herbert. La cultura Aiel e il suo ruolo all’interno delle dinamiche de La Ruota del Tempo ricordano, infatti, i Fremen di Dune, soprattutto se paragoniamo come le due popolazioni accolgono il protagonista della saga, Pual in Dune e Rand ne La Ruota del Tempo, diventandone in breve una sorta di truppa d’elite con cui imporre il proprio ruolo nel mondo.

Come leggere La Ruota del Tempo

Pur nascendo come opera suddivisa in sei volumi, data la complessità della trama concepita da Jordan, La Ruota del Tempo si è sviluppata in ben quattordici volumi, cui andrebbero affiancati due companion, inediti in Italia, e un prequel, Nuova Primavera, concepito per essere un primo passi di un arco narrativo più ampio. In inglese sono anche disponibili dei racconti brevi che ampliano alcuni aspetti della trama principale, ma la loro fruizione non è necessarie per godere appieno dell’ottimo lavoro di Jordan.

Tenendo presente che Nuova Primavera contiene alcuni dettagli che potrebbero svelare anzitempo alcuni colpi di scena o inficiare alcune dinamiche tra personaggi che animano gran parte dei volumi, specialmente nella prima metà della saga, la lettura di questo prequel è consigliata solo dopo avere ultimato i quattrodici volumi de La Ruota del Tempo.

 L’Occhio del Mondo

ruota del tempo

Fervono i preparativi per la festa di primavera, nella regione dei Fiumi Gemelli, e il giovane Rand al’Thor è ansioso di lasciarsi alle spalle un anno difficile, pieno di cattivi presagi. Alcuni stranieri si aggirano per il villaggio di Emond’s Field, e non si parla d’altro: un’elegante dama accompagnata da un gelido cavaliere, misteriose figure a cavallo che spariscono nel nulla, un menestrello desideroso di cantare epiche gesta. Sono giunte notizie di una guerra in remote contrade e dell’ascesa di un falso Drago, la cui venuta, temuta e annunciata, porterà una nuova Frattura nel mondo. E il Male si addensa: creature malvagie e leggendarie, i bestiali Trolloc assetati di sangue, si sono scatenate nella caccia a un ragazzo che il Tenebroso sembra temere, e che vuole in ogni modo asservire… Nulla sarà più come prima, nel Disegno delle Epoche tessuto dalla Ruota del tempo: un mondo inquieto e sgomento si appresta a essere di nuovo preda dell’Ombra.

» Clicca qui per acquistare L’Occhio del Mondo


 La Grande Caccia

ruota del tempo

Nel corso dei secoli i menestrelli hanno cantato la storia del Corno di Valere, capace di ridestare dal sonno eterno gli eroi dell’Epoca Leggendaria. Ora il Corno è stato ritrovato, solo per essere di nuovo smarrito assieme al pugnale di Shadar Logoth, da cui dipende la vita di Mat, il fedele amico di Rand al’Thor. E da Rand dipende l’impresa colossale del ritrovamento del Corno, dal coraggio di un giovane pastore consapevole che affrontare la Caccia vuol dire tessere un destino che mai si vorrebbe veder realizzato. La Grande Caccia al Corno di Valere è solo l’inizio di un lungo viaggio di scoperta, mentre la Ruota del Tempo gira e le Epoche si susseguono, e il Disegno esige un Drago.

» Clicca qui per acquistare La Grande Caccia


 Il Drago Rinato

ruota del tempo

L’Ultima Battaglia si avvicina, e così lo scontro finale tra il Drago Rinato e il Tenebroso: l’Ombra è pronta a oscurare ogni luogo del mondo. La Ruota del Tempo sarà spezzata e le Epoche verranno ricostruite a immagine del Male. Ma Rand può salvare l’umanità, accettando il suo ruolo di Drago Rinato e trovando Callandor, l’antica spada del Drago, la Spada Che Non Può Essere Toccata, la Spada Che Non È una Spada… I destini di ognuno sono legati a quello di Rand. Mat combatte fra la vita e la morte a causa della contaminazione di Shadar Logoth, mentre Perrin è scisso fra il mondo degli umani e quello dei lupi. La missione di Moiraine, proteggere Rand e far sì che le Profezie si avverino, diventa sempre più difficile e l’Aes Sedai sarà costretta a ricorrere a metodi proibiti da millenni per combattere la Progenie dell’Ombra. L’addestramento alla Torre Bianca di Nynaeve, Egwene ed Elayne prende svolte insolite, gli inseguitori si trasformano in inseguiti, l’esca e la preda si confondono, in un alternarsi di ruoli e pericoli innominabili…

» Clicca qui per acquistare Il Drago Rinato


L’Ascesa dell’Ombra

ruota del tempo

La Torre Bianca è scossa da eventi impensabili, i Reietti cercano Callandor per acquisirne il potere, e Rand per distruggerlo nella carne: il Tenebroso lo brama per distruggergli l’anima. Perrin deve affrontare la realtà di Emond’s Field, sempre alla ricerca di una via d’uscita dalla vita da lupo, Mat scopre un’incognita che potrebbe costargli la vita. Nynaeve, Elayne ed Egwene sono ancora a caccia dell’Ajah Nera e anche le loro strade prendono svolte impreviste, verso città oscure, verso il Mondo dei Sogni. Anche le Profezie del Rhuidean, l’antico luogo magico del Popolo del Drago, si compiono. Il Popolo del Mare ha trovato il suo Coramoor. Antichi artefatti da tempo dimenticati vengono usati per scrutare il futuro. Le vite e i sentimenti dei ragazzi di Emond’s Field seguono il loro corso, intrecciandosi con gli eventi quotidiani, la magia, l’umana ostinazione. Mentre amici e nemici complottano e si mobilitano, il Drago studia i testi delle Profezie e combatte per controllare il proprio potere. Ma tutti sanno che vi sarà la guerra, contro i Reietti e i nemici del Drago Rinato… La prigione che rinchiude il Tenebroso sta lentamente perdendo potere, e nella battaglia finale Rand al’Thor sa già chi dovrà affrontare

» Clicca qui per acquistare L’Ascesa dell’Ombra


 I Fuochi nel Cielo

ruota del tempo

Rand al’Thor, il Drago Rinato, continua i suoi tentativi di unire i popoli di un mondo diviso contro il potere del Tenebroso. Le Aes Sedai, dotate dell’Unico Potere, e i Reietti, antichi seguaci del Tenebroso, tentano di piegarlo al loro volere, ma Rand porta avanti la sua guerra di unificazione a capo dei clan degli Aiel. Il pastore dei Fiumi Gemelli lotta per controllare i propri poteri e non cedere alla follia, mentre due gruppi di donne tentano di raggiungerlo per dargli aiuto. Elayne e Nynaeve entrambe adepte delle Aes Sedai, si uniscono a un circo per fuggire dalla Ajah Nera; intanto Siuan Sanche, un tempo capo delle Aes Sedai e ora privata della sua carica, dà la caccia a chiunque si ribelli cercando di cambiare il corso degli eventi.

» Clicca qui per acquistare I Fuochi del Cielo


Il Signore del Caos

ruota del tempo

Mentre la Ruota del Tempo gira, i venti del destino spazzano le terre. Rand al’Thor lotta per riunire le nazioni in vista dell’ultima battaglia contro le forze del Tenebroso… Ma altri oscuri poteri tentano di assumere il controllo delle azioni del Drago Rinato. Dalla Torre Bianca di Tar Valon, guidata dall’Amyrlin elaida, è stato stabilito che Rand deve essere frenato immediatamente. La siccità e il calore estivo continuano a ritardare l’inizio della stagione invernale, così Nynaeve al’Meara ed Elayne, l’erede di Andor, cominciano una disperata ricerca del leggendario ter’angreal, che potrebbe conferire loro la facoltà di ripristinare le normali condizioni climatiche.

» Clicca qui per acquistare Il Signore del Caos


La Corona di Spade

ruota del tempo

Rand al’Thor, il Drago Rinato, si prepara ad attaccare il Reietto Sammael in Illian, e al tempo stesso si adopera per reprimere la ribellione portata avanti dai nobili di Cairhien. Con l’aiuto degli Asha’man, Rand dovrà affrontare Sammael in un terribile duello a Shadar Logoth per conquistare la corona di Illian, un tempo nota con il nome di Corona d’Alloro e ora chiamata Corona di Spade. Egwene al’Vere e Siuan Sanche tentano di mettersi alla guida delle Aes Sedai ribelli a Saidar e contrastare il gruppo comandato da Elaida nella Torre Bianca di Tar Valon. Intanto, nella città di Ebou Dar, Elayne Trakand, Nynaeve al’Meara e Mat Cauthon sono ancora in cerca del ter’angreal, il solo mezzo che potrebbe consentire di allentare la morsa del Tenebroso sul mondo ripristinando un clima normale, e per questo fine chiederanno l’aiuto del Popolo del Mare.

» Clicca qui per acquistare La Corona di Spade


Il Sentiero dei Pugnali

ruota del tempo

All’orizzonte si profila la minaccia di una nuova invasione del mondo da parte dei Seanchan, una razza di conquistatori il cui arsenale comprende rettili volanti cavalcati da uomini e schiave dalle abilità magiche più potenti dei soldati più forti, molti dei quali si sono uniti all’esercito dei Seanchan spinti dalla paura che suscita in loro il Drago Rinato. La magia di Rand al’Thor continua a uccidere le persone a lui care, accrescendo il timore di essere condannato a distruggere chiunque ami. Egwene intanto continua a consolidare il proprio potere come “vera” Amyrlin, avvicinandosi sempre più a Tar Valon e all’inevitabile confronto con Elaida.

» Clicca qui per acquistare Il Sentiero dei Pugnali


Il Cuore dell’Inverno

ruota del tempo

Rand al’Thor, il Drago Rinato, non sembra in grado di compiere il proprio destino, quello di riunire tutti i popoli sotto il suo potere per combattere contro il Tenebroso. I bellicosi Seanchan si stanno riversando in Ebou Dar, e le Aes Sedai si dividono tra Elaida, pretendente al titolo di Amyrlin Seat, ed Egwene al’Vere, alleata di Elayne, regina di Andor. Quest’ultima, amata da Rand, sfugge a un agguato, e anche il Drago Rinato, scampato a sua volta a un micidiale attacco, si trova costretto ad attraversare i territori nemici per recarsi in un luogo in cui nessuno si aspetterebbe mai di trovarlo..

» Clicca qui per acquistare Il Cuore dell’Inverno


Crocevia del Crepuscolo

ruota del tempo

Rand al’Thor, il Drago Rinato, ha compiuto un’impresa da tutti ritenuta impossibile: ripulire saidin, la metà maschile della Fonte, dalla corruzione del Tenebroso. L’apporto di Nynaeve è stato determinante, e dall’Oceano Aryth alla Dorsale del Mondo tutte le donne in grado di incanalare hanno potuto percepire un immane flusso di saldar. Mat e i suoi compagni, in fuga da Ebou Dar, devono tenere nascoste dalle pattuglie seanchan di passaggio le Aes Sedai e le sul’dam che hanno con sé, oltre alla Figlia delle Nove Lune in persona. Perrin deve trovare un modo per liberare sua moglie Faile da un’orda di Shaido, ma deve affrontare l’ingombrante presenza della marmaglia di Masema, il sedicente Profeta del Drago Rinato. Elayne inoltre cerca di consolidare la sua posizione per ottenere il trono di Andor, nonostante le intemperanze di supposti alleati come il Popolo del Mare. Egwene, Amyrlin Seat delle ribelli, è infine giunta a Tar Valon con il suo esercito, ma dovrà correre notevoli rischi per riuscire a spezzare la situazione di stallo. E così Rand, attorniato dai nemici, sarà costretto a cercare degli alleati altamente improbabili…

» Clicca qui per acquistare Crocevia del Crepuscolo


La Lama dei Sogni

ruota del tempo

Elaine è riuscita a ottenere il trono di Andor e a scacciare le Sorelle dell’Ajah nera da Caemlyn. Egwene, prigioniera delle Aes Sedai e ridotta al rango di novizia, comincia a minare dall’interno il controllo che Elaida ha sulla Torre Bianca. Rand riesce a sfuggire a un agguato di Semirhage, riesce a catturarla ma perde la mano sinistra. Mat e Tuon finalmente si sposano, dopo che la loro compagnia ha raggiunto il limite del territorio controllato dai Seanchan. Poi Tuon torna a Ebou Dar, dove viene a sapere di una guerra civile nell’impero Senachan e della morte di tutti i componenti della famiglia imperiale, tranne lei, che è così destinata a diventare la nuova imperatrice. Perrin sconfigge gli Shaido a Malden grazie all’aiuto dei Seanchan e mette in salvo Faile, sua moglie. Inconsueti attacchi da parte dei Trolloc, i morti che camminano, increspature nel tessuto del mondo e altri eventi misteriosi sembrano indicare che il momento dello scontro finale si sta avvicinando.

» Clicca qui per acquistare La Lama dei Sogni


Presagi di Tempesta

ruota del tempo

I segni sono inequivocabili: l’Ultima Battaglia si avvicina. Rand al’Thor, il Drago Rinato, è determinato a stipulare una pace con gli invasori Seanchan. Per ottenerla, vuole dimostrare la sua buona fede riportando l’ordine nell’Arad Doman, un paese sotto attacco dei Seanchan, ma anche privo di un re… e dietro la sparizione del sovrano potrebbe esserci Graendal, una dei Reietti, maestra nella Coercizione. Nel frattempo, sia Mat che Perrin, superate varie vicissitudini, stanno cercando di tornare verso l’Andor per riunirsi a Rand prima dell’Ultima Battaglia. Ancora più difficile è il compito di Egwene: catturata e ridotta a novizia nella Torre Bianca, è riuscita a instillare il dubbio in molte delle Aes Sedai rimaste fedeli a Elaida, tanto che parecchie ora prestano ascolto alle sue parole e le chiedono addirittura consiglio. Ma sulla Torre incombe lo spettro di un attacco dei Seanchan: Egwene l’ha sognato e sa che avverrà… e anche molto presto.

» Clicca qui per acquistare Presagi di Tempesta


Le Torri di Mezzanotte

ruota del tempo

Rand al’Thor, il Drago Rinato, si è confrontato con sé stesso, comprendendo finalmente il suo ruolo nello scontro finale con il Tenebroso. Ora tutto ciò che gli resta da fare prima dell’Ultima Battaglia è riparare quanti più danni possibile nel mondo per poi radunare le truppe. Anche Perrin sta cercando di ricongiungersi con lui, ma sulla sua strada si frappongono ostacoli provenienti dal suo passato, e per superarli dovrà innanzitutto trovare la pace con il lupo dentro di lui. E mentre Egwene, ormai stabilmente Amyrlin Seat, deve confrontarsi con Mesaana, una dei Reietti che da tempo si nasconde all’interno della Torre Bianca, Elayne sta consolidando il suo potere nell’Andor. È qui che arriva Mat, con la sua Banda della Mano Rossa, costretto da un giuramento ad attendere a Caemlyn prima di imbarcarsi in un’impresa impossibile per salvare una persona che tutti credevano morta. Dopo tante peripezie, tutti i protagonisti si ricongiungeranno per affrontare Tarmon Gai’don.

» Clicca qui per acquistare Le Torri di Mezzanotte


Memoria di Luce

ruota del tempo

Gli eserciti della Luce sono schierati al Campo di Merrilor, in attesa che Rand, il Drago Rinato, li incontri per stabilire come combattere l’Ultima Battaglia. Ma l’Ombra ha già fatto la sua mossa: mentre Trolloc e Fade si stanno riversando al Passo di Tarwin, strenuamente difeso da Lan e dagli uomini delle Marche di Confine, un altro esercito si è intrufolato dentro Caemlyn, mettendo a ferro e fuoco la capitale del più grande dei regni umani. A Ebou Dar, l’imperatrice Fortuona attende l’esito degli eventi, nel superiore interesse del suo Impero Seanchan. I Reietti rimasti, invece, si preparano a utilizzare tutti i loro stratagemmi. Rand dovrà forgiare un’alleanza tra tutte le forze in campo, e solo allora potrà andare a Shayol Ghul ad affrontare il Tenebroso in persona. Ma ognuno avrà il suo ruolo nell’Ultima Battaglia. Perrin, Mat, Egwene, Elayne, Aviendha, Min, Gawyn, Galad e tutti gli altri: chi di loro sopravvivrà e chi invece troverà una morte eroica? I loro sforzi riusciranno a far prevalere la Luce sull’Ombra? E a quale prezzo? “Il vento soffiò verso sud, attraverso foreste intricate, sopra pianure scintillanti e verso terre inesplorate. Questo vento non era la fine. Non c’è alcuna fine, né mai ci sarà, al girare della Ruota del Tempo. Ma fu una fine”.

» Clicca qui per acquistare Memoria di Luce


Nuova Primavera

ruota del tempo

Per tre giorni la battaglia ha infuriato sulle nevi che circondano l’immensa città di Tar Valon. Nella Torre Bianca, due giovani Ammesse chiedono di parlare con l’Amyrlin Seat e la Custode degli Annali per conoscere quale sarà l’esito della lotta. Per puro caso, Moiraine Damodred e Siuan Sanche sono presenti quando la Custode profetizza che su Montedrago, l’immensa montagna che incombe sulla città, è nato un bambino in grado di cambiare il mondo. Il piccolo deve essere trovato prima che le forze dell’Ombra possano ucciderlo. Le sorti di Moiraine, che sta per diventare Aes Sedai, e di Lan Mandragoran, legittimo re di una nazione ormai scomparsa, sono destinate a legarsi inestricabilmente. Ma i cammini di entrambi sono colmi di imprevisti e pericoli, poiché Moiraine e Lan dovranno scontrarsi con le trame di chi cerca il bambino.

» Clicca qui per acquistare Nuova Primavera

La Ruota del Tempo e il mondo dell’entertainment

Un successo come quello de La Ruota del Tempo non poteva rimanere vincolato al mondo della letteratura. La lore del mondo di Rand al’Thor ha sedotto l’universo di pixel dei videogiochi, che nel 1999 presentato The Wheel of Time, ambientata anni prima degli eventi de L’Occhio del Mondo, in cui si impersona Elayna Sedai, aiutante dell’Amyrlin Seat, la massima autorità della Torre Bianca, incaricata di dare la caccia a un ladro assunto dagli Shai Tan, i servitori del Teneborso, che ha trafugato uno dei sigilli in grado di liberare il malvagio. Pensato come uno sparatutto, Wheel of Time non ebbe particolare successo, pur avendo il merito di mostrare alcune delle location chiave della saga.

Dopo esser stata omaggiata persino dal gruppo tedesco Blind Guardian, che hanno tratto ispirazione dalla saga per diversi loro brani, La Ruota del Tempo è diventata d’interesse anche per il mondo del cinema, che ha cercato più volte di trasporre questa corposa saga fantasy in film. Un progetto faraonico che non ha mai trovato la giusta forma, ma che sembra avere infine trovato maggior appeal nel comparto della serialità, visto che il 19 novembre 2021 su Amazon Prime Video verrà proposta The Wheel of Time, serie che ripercorre l’avventura di Rand al’Thor. Divisa in otto episodi, la prima stagione dovrebbe seguire gli eventi della prima metà de L’Occhio del Mondo, ma il colosso dell’intrattenimento streaming ha già confermato la realizzazione di una seconda stagione.